Nel Mantovano la coltivazione di marijuana sembra andare per la maggiore, ultimamente… Qualche giorno fa due ragazzi erano stati sorpresi con una piccola serra nell’armadio, ora invece a finire nei guai un 60enne per lo stesso motivo: solo che la sua coltivazione casalinga era un po’ più ambiziosa, ben 316 piante!

Coltivazione di marijuana casalinga

Come racconta GiornalediMantova.it, Q.F., 61enne di origini veronesistabilmente residente nella provincia di Mantova dai primi anni ’90, all’interno della propria abitazione a Bagnolo San Vito aveva allestito un vero e proprio laboratorio. Sono state, quindi, sottoposte a sequestro 316 piante di marijuana di varia grandezza, quasi pronte per la raccolta, che avrebbero prodotto 60 chilogrammi circa di sostanza stupefacente… CONTINUA

Coltivavano marijuana nell’armadio

A mandare all’aria i sogni di due giovani studenti, sempre nel Mantovano, sono stati i condomini che, da giorni, sentivano un forte odore di marijuana provenire da uno degli appartamenti dello stabile a Mantova in cui vivevano. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile, nel pomeriggio del 4 gennaio 2019, hanno fatto irruzione nell’alloggio insieme al proprietario – dato che i due affittuari al momento erano assenti – scoprendo all’interno dell’armadio… CONTINUA

Leggi anche:  Bike Sharing del Comune di Lodi: la riorganizzazione

Legalizzare la marijuana: disegno di legge di un senatore ligure

Intanto fa discutere la possibilità di consentire l’auto produzione di cannabis e legalizzare la produzione e la vendita di marijuana per uso personale. Come racconta il nostro quotidiano online ligure laRiviera.it, è il senatore savonese Matteo Mantero, del Movimento 5 Stelle, il primo firmatario di un disegno di legge depositato nei giorni scorsi.

Il provvedimento depositato a Palazzo Madama consentirebbe la coltivazione di tre piante in casa, o in forma associativa fino ad un massimo di 30 soci, la detenzione di 15 grammi di marijuana nella propria abitazione e cinque fuori casa, oltre a dare un nuovo inquadramento alla cannabis light, consentendo la vendita per uso alimentare e l’innanlzamento della quantità di thc fino all’1%.  Il senatore Mantero  ha affrontato con un lungo post su Facebook – dove spiega, tra l’altro le motivazioni dietro al disegno di legge – il tema legalizzazione, dal punto di vista scientifico, politico e sociale…

LA SFIDA, “Trovate un motivo per non legalizzarla”: CONTINUA A LEGGERE