“Sosteniamo la proposta di garantire un’indennità mensile di 1500 euro netti”.

“Sindaci d’Italia”, la posizione di Anci Lombardia

“Durante l’incontro “Sindaci d’Italia”, promosso da Poste Italiane questa mattina a Roma, il Presidente Decaro, a nome di tutta l’Anci, ha riproposto con forza il tema della dignità dell’Amministratore locale, in particolare quella del Sindaco di un piccolo Comune, evidenziando la necessità di liberare tale funzione dalle pastoie e dai controlli burocratici e ribadendo come sia doveroso assicurarle il giusto riconoscimento.

Pertanto sosteniamo la proposta di garantire un’indennità mensile di 1500 euro netti a tutti i Sindaci dei piccoli Comuni, poiché svolgono il loro compito con un impegno a tempo pieno. Questa proposta la facciamo nostra soprattutto in Lombardia, dove i piccoli centri sono il 69% dei Comuni, e perché rappresenta un riconoscimento fondamentale visti la complessità dell’azione amministrativa e il carico di responsabilità che grava su un Sindaco.

Se questo non dovesse avvenire sarà sempre più difficile trovare persone disponibili a partecipare alla vita democratica, a meno che queste siano pensionati o benestanti”.

Questa la dichiarazione del Presidente di Anci Lombardia, Mauro Guerra, in merito alla proposta di assicurare un’indennità minima ai Sindaci dei piccoli Comuni.

LEGGI ANCHE:

Premier Conte all’evento “Sindaci d’Italia” di Poste Italiane: “Piccoli Comuni sono una ricchezza”

Sindaci d’Italia: Poste Italiane chiama a raccolta 4mila piccoli Comuni

Poste Italiane per i piccoli Comuni: virtuosa esperienza del servizio di tesoreria a “Sindaci d’Italia”