L’azienda pubblica Systembolaget, di proprietà del governo svedese che detiene in Svezia il monopolio della vendita di bevande alcoliche da asporto con gradazione alcolica superiore a 3,5%, ha interrotto la vendita di una birra e ne sta per effettuare un richiamo. Il prodotto è a rischio di esplosione della lattina.

A chiunque abbia già acquistato la lattina di birra “Omnipollo Tetragrammaton” viene chiesto di restituirla alla filiale più vicina di Systembolaget. Il prodotto è stato venduto in 128 dei 445 negozi del paese, oltre on line: Omnipollo è un brand molto noto (e acquistato in tutta Europa e non solo nei canali e-commerce) fra gli appassionati di birra artigianale soprattutto per le sue produzioni estreme e anticonvenzionali.

Esplode la lattina di birra

Systembolaget è l’unica azienda in Svezia a vendere bevande con una gradazione alcolica superiore al 3,5%. Il presente regolamento intende limitare il consumo di alcol nel paese scandinavo. Oltre all’Ufficio federale della sicurezza alimentare svedese, la segnalazione è anche del sistema di allerta europeo: tutti Paesi del Vecchio Continente interessati hanno qui ricevuto la notizia e si sono attivati immediatamente per verificare che il produttore abbia ritirato la birra dagli scaffali di tutti i punti vendita, informando i consumatori.

Leggi anche:  Oggi sciopero Alitalia, domenica tocca a Trenord

Omnipollo ritirata in Svezia

L’allerta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stata lanciata dalla Svezia attraverso il Sistema rapido di allerta europeo alimenti (RASFF). Va precisato che il richiamo è volontario, cioè portato avanti dallo stesso produttore.

Perché le lattine di birra scoppiano? La causa può essere la fermentazione, che può continuare lentamente nel contenitore, provocando un eccesso di carbonazione a causa di zuccheri aggiunti. Può anche succedere anche che le lattine o l’impianto non siano state sanitizzate per bene, con la conseguenza che qualche batterio può essere finito nella birra facendo fermentare zuccheri in maniera anomala.