Baffi (Pd): “Famezero? Un obiettivo raggiungibile se ognuno fa la sua parte.”

Il comunicato di Patrizia Baffi

Il 16 ottobre di ogni anno, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. L’occasione, per Patrizia Baffi che in Consiglio regionale segue le commissioni Sanità e Agricoltura, per rimettere al centro l’agricoltura e il ruolo che può svolgere nella riduzione dello spreco alimentare e nella promozione di un’alimentazione sana e nutriente per tutti.

I dati

“Oggi il numero di persone denutrite è di nuovo in aumento – spiega Baffi, riportando i dati della stessa Fao – sono infatti più di 820 milioni, praticamente una su nove, le persone che nel mondo soffrono la fame, mentre quasi altrettante soffrono di problemi legati a una alimentazione scorretta: 670 milioni sono gli obesi e, di questi, oltre 120 milioni hanno tra i 5 e i 19 anni e 40 milioni non raggiungono i 5 anni. Le patologie associate all’obesità incidono sui budget sanitari nazionali per 2mila miliardi di dollari l’anno. Cifre da capogiro. Ma non è solo una questione di quantità: un’alimentazione scorretta è diventata il principale fattore di rischio di morte per malattie non trasmissibili, compresa l’insufficienza cardiaca, il diabete e alcuni tipi di cancro”.

La vera sfida

“La sfida vera è diventata quella di rendere facilmente accessibile a tutti una alimentazione sana e nutriente, ma deve cambiare il nostro modo di produrre, fornire e consumare il cibo. Dalla fattoria alla tavola, i nostri sistemi alimentari sono tuttora incentrati sulle colture intensive. Al momento facciamo affidamento soltanto su tre colture – frumento, mais e riso – per fornire quasi il 50% dell’apporto energetico alimentare globale. La varietà dei cibi è invece fondamentale per garantire una dieta sana e tutelare l’ambiente”.

Chi governa può fare molto di più

“Ognuno, in questa sfida può svolgere un ruolo fondamentale. Gli agricoltori, certo, possono fare molto, ma chi governa può fare molto di più, perché può aiutare i consumatori a fare scelte alimentari più salutari, anche grazie ai mass media, a campagne di sensibilizzazione, a programmi di educazione alimentare e a iniziative presso le comunità. Chi governa, può inoltre supportare e incentivare metodologie di produzione alimentare più attente alla nutrizione, meno incentrate sulle colture intensive e più sulla diversità e sulle qualità nutrizionali”.

La richiesta del Pd regionale

“Come gruppo PD, in Consiglio regionale, chiederemo di riportare l’attenzione in commissione Agricoltura sull’importanza di sostenere la diffusione di progetti che favoriscano lo sviluppo di filiere corte di produzione, trasformazione, distribuzione e consumo di cibo, oltre che l’utilizzo sostenibile delle risorse in termini di consumi idrici ed energetici. Quali sono gli obiettivi? Favorire la riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari, dal raccolto alla distribuzione, gestire le risorse naturali in modo sostenibile ed efficiente, tenendo in debita considerazione gli effetti dei cambiamenti climatici e rafforzare il valore dell’agrobiodiversità, si pensi soltanto che nel corso della storia sono state coltivate oltre 6mila piante a fini alimentari e oggi sono soltanto nove le specie che rappresentano il 66% della produzione totale”.

Le nostre azioni sono il nostro futuro

“Come recita lo slogan di questa Giornata – conclude Baffi – per un mondo famezero le nostre azioni sono il nostro futuro, quindi non resta che rimboccarci le maniche. E in fretta”.

Leggi anche:  Nuove occasioni di in contro tra italiani e migranti grazie a Fondazione Cariplo

(Foto di copertina tratta dal sito della Fao)

TORNA ALLA HOME