La circolazione dei veicoli a motore, insieme ai riscaldamenti domestici, rappresenta nella stagione invernale la principale fonte di emissioni inquinanti (particolato e ossidi di azoto).

Il comune di Lodi demolisce le vecchie auto

Tra le misure che possono favorirne la riduzione rientra a pieno titolo il rinnovo del parco veicoli in circolazione, finalizzato all’utilizzo di mezzi con un impatto emissivo inferiore, motivo per cui il Comune di Lodi ha stabilito di procedere alla demolizione di 14 veicoli di vecchia immatricolazione:

  • 2 ciclomotori, anno 1999, Euro Zero, assegnati al Comando di Polizia Locale;
  • 2 motocarri, anni 1997 e 2000, Euro Zero, assegnati al reparto Manutenzione stabili comunali;
  • 2 autocarri, anni 2000 e 2001, Euro 2, assegnati al reparto Segnaletica;
  • 8 autovetture di cui:
  • Bora, anno 2002, Euro 4 e una Peugeot 308, anno 2009, Euro 4, assegnate alla Polizia Locale;
  • 1 Fiat Ducato, anno 1999, Euro 2, 1 Fiat 600, anno 2002, Euro 4 e 2 Fiat Doblò, rispettivamente del 2005 e 2007, Euro 4, assegnate ai Servizi sociali;
  • 1 Renault Kangoo, anno 2001, Euro 4, assegnata alla Manutenzione stabili;
  • 1 Panda, anno 2003, Euro 4, assegnata ai Lavori pubblici.
Leggi anche:  Terremoto: scosse dal Bresciano all'Oltrepò

L’obiettivo è diminuire i veicoli comunali

“L’obiettivo di questa operazione di dismissione – spiega l’assessore all’Ambiente Alberto Tarchini – è ammodernare il parco auto comunale favorendo la sostituzione progressiva dei veicoli più inquinanti con altri più efficienti ed ecologici. Anche il numero dei mezzi andrà incontro a un ridimensionamento, per il momento infatti ne abbiamo acquistati solo due a fronte di 14 dismessi, perché vorremmo che, quando possibile, i nostri dipendenti facessero preferibilmente ricorso per i loro spostamenti alle biciclette o ai mezzi pubblici. Gli interventi che abbiamo promosso sono mirati anche alla riduzione delle spese sostenute dall’Ente: diminuendo i veicoli si otterranno importanti risparmi sui costi di gestione, carburante, bollo, assicurazione”.

TORNA ALLA HOME