Polizia locale: presidi nei quartieri di Lodi con l’avvio della bella stagione. Previsti servizi di ascolto dei cittadini, di controllo e di pattugliamento.

Polizia locale: presidi nei quartieri di Lodi

Con l’avvio della bella stagione il Comando di Polizia Locale di Lodi riprenderà una campagna di ascolto dei cittadini e di controllo e pattugliamento appiedato nei quartieri di Lodi. La finalità sarà la raccolta di segnalazioni da parte dei residenti delle varie zone su problematiche legate al degrado, all’abbandono rifiuti, alle violazioni della sosta, alla sicurezza nei parchi cittadini.

Al via da domani

I presidi che partiranno domani, 6 giugno 2019, e proseguiranno nei mesi estivi si articolano in un punto di ascolto stabile, con presenza di un ufficiale di riferimento per minimo tre ore, e in un servizio di pattugliamento per la verifica e l’accertamento delle situazioni riscontrate.

Il primo appuntamento sarà quindi domani pomeriggio, in zona Albarola, con ritrovo dalle 16 in via Saragat.

Gli altri incontri

Per il mese di giugno sono stati programmati inoltre i seguenti presidi:

12 giugno, zona San Fereolo, ritrovo dalle 9 in piazza Omegna;
20 giugno, zona stazione e centro storico, ritrovo dalle 16 in corso Umberto, di fronte al palazzo della Prefettura;
28 giugno, zona Fanfani, ritrovo dalle 9 in via San Bassiano, di fronte alla chiesa.

“L’attività di ascolto era stata sperimentata per la prima volta lo scorso anno, in occasione della promozione dell’iniziativa di controllo di vicinato che è stata attivata in città – spiega il Comandante della Polizia Locale Fabio Sebastiano Germanà Ballarino -. Avendo riscontrato il gradimento dei cittadini, si è scelto di riproporla nei mesi estivi. Il controllo di vicinato naturalmente proseguirà in parallelo, con l’utilizzo della App “1 Safe” che permette a chiunque di segnalare criticità e anomalie legate a diverse sfere del quotidiano, dalla presenza di individui o auto sospette che sostano in una determinata zona, ai dissesti stradali, ai rifiuti abbandonati. Recentemente abbiamo deciso di implementare “1Safe” individuando i “coordinatori” di quartiere, cioè figure volontarie che potranno svolgere una prima azione di filtro e verifica rispetto alle segnalazioni che ci vengono trasmesse”.

Il sindaco Sara Casanova sottolinea la finalità del progetto proposto dalla Polizia Locale:

“L’obiettivo è ridurre la percezione di insicurezza dei cittadini, attraverso un controllo capillare del territorio e uno studio dei fenomeni che la Polizia Locale contrasterà in sinergia con la le altre Forze dell’ordine. Ritengo questa iniziativa sia non solo lodevole, ma anche una risposta necessaria alle frequenti richieste di un più intenso presidio delle vie di Lodi”.

LEGGI ANCHE: Lotta alle zanzare, disinfestazione nelle aree verdi pubbliche

Leggi anche:  Malore fatale in stazione a Lodi, 43enne trovato senza vita

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE