Trasporto illecito di animali bloccato dalla Polizia Stradale. Cani e gatti erano diretti in Belgio ma il veicolo non era adatto al viaggio.

Trasporto illecito di animali

La Polizia Stradale, quale specialità della Polizia di Stato, opera in settori di particolare delicatezza, i cui controlli, fortemente specialistici, si indirizzano anche nel settore del trasporto di animali e conseguentemente ricomprendono tutti i risvolti, anche negativi, che tale movimentazione può presentare, uno su tutti il traffico illegale di animali, che negli ultimi anni ha registrato un notevole incremento. Ed è proprio per contenere ed impedire il trasporto illegale degli animali, in particolare quelli di affezione, sia tra il Nord e Sud Italia e sia dall’Italia verso i Paesi esteri, che sono stati intensificati tali controlli.

Dovevano andare in Belgio

Particolare attenzione viene dedicata anche agli animali abbandonati in autostrada, soprattutto nel periodo estivo, quando i proprietari partono per le vacanze. In questa ottica, lo scorso 15 giugno 2019 una pattuglia della sottosezione di San Donato Milanese, durante il servizio di vigilanza stradale sull’itinerario SS 9-Emilia, all’altezza del chilometro 313+800 nel territorio del Comune di Melegnano, veniva avvicinata da una Guardia zoofila che riferiva che all’interno di un rifugio vi era un veicolo non idoneo al trasporto di animali che stava per effettuare un trasporto all’estero di animali d’affezione. Accompagnati dalla guardia i pattuglianti hanno raggiunto la località segnalata e identificato due soggetti di nazionalità belga, che a bordo di un veicolo Mercedes Sprinter avrebbero dovuto effettuare il trasporto di 11 cani e 3 gatti dall’Italia al Belgio. Gli operatori hanno accertato subito che il veicolo non era idoneo al trasporto di animali poiché era privo di spazi adeguati a contenerli tutti e privo di giusta areazione. Gli animali sarebbero stati costretti ad affrontare un viaggio molto lungo, dal Sud Italia fino in Belgio, in condizioni di sofferenza insopportabile. Sul posto era arrivata anche l’onorevole Michela Brambilla, responsabile nazionale del Dipartimento Nucleo operativo del Movimento animalista, che ha constatato le pessime condizioni di trasporto degli animali. Il veterinario della Ats di Milano dopo aver visitato gli animali in questione ne dichiarava le buone condizioni fisiche, sebbene la documentazione al seguito fosse assolutamente incompleta. Inoltre, confermava l’inidoneità del veicolo per quel genere di trasporto.

Leggi anche:  Scossa di terremoto avvertita nella notte al Nord Italia

Premiati gli agenti

Per tali ragioni gli animali erano stati sottoposti a sequestro amministrativo, i cani affidati in custodia all’associazione di volontari “Progetto Aquila” e i gatti al gattile di Vignate, strutture idonee alla loro accoglienza. Nella mattinata di oggi, sabato 10 agosto 2019, l’onorevole Brambilla presso la sede della Sezione Polizia Stradale di Milano ha consegnato un attestato che riconosce agli agenti intervenuti professionalità e sensibilità nell’operato e verso il mondo animale.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.