Uno spaccato che mette i brividi: tutti minorenni dediti alla delinquenza allo scopo di comprarsi beni di lusso.

Baby gang

Le accuse a carico della baby gang fermata dalla questura di Lodi sono pesanti e lasciano sbigottiti in relazione alla giovanissima età dei minori coinvolti. Sono accusati di una tentata rapina in stazione e del furto di una cassaforte in una comunità per minori. I reati sarebbero stati commessi tutti nella medesima notte, tra sabato 2 febbraio 2019 e domenica 3 febbraio.

Arrestato 15enne

L’ufficio volanti della questura di Lodi ha arrestato per quei fatti un 15enne italiano residente in provincia di Lodi, già trasferito nel carcere milanese Beccaria. Denunciati altri due 15enni e un 14enne. Con i soldi delle rapine i giovani si erano dati alla bella vita acquistando cocaina e varie droghe, videogiochi, cellulari di ultimo modello e abiti firmati.

LEGGI ANCHE: Guardia carceraria presa in ostaggio dai detenuti, avevano un piano omicida

La tana della gang

Il gruppetto aveva anche una tana, sita in zona Fanfani. Si tratta di un appartamento del Comune che era stato assegnato alla mamma del 15enne arrestato. Madre e figlio avevano lasciato l’abitazione ma il minore era riuscito a introdursi abusivamente.

Leggi anche:  Incidenti stradali stamattina, 20 febbraio 2019, a Lodi e a Ossago Lodigiano

LEGGI ANCHE: Incidente motociclistico, coinvolto un bambino di 10 anni