Abitacolo chiuso, temperature oltre i 35 gradi: stava letteralmente “cuocendo” un povero cagnolino prigioniero in una macchina, lasciato al suo destino mentre probabilmente il proprietario era in giro per negozi. E, infatti, quando una pattuglia della Polizia locale l’ha notato, l’animale boccheggiava ed era in evidente difficoltà.

Cane prigioniero nell’auto

A mali estremi, estremi rimedi. Come racconta laMartesana.it, i vigili non hanno potuto far altro che infrangere un finestrino per poi liberare il quadrupede. Certo, non prima d’aver cercato attorno nei negozi della zona l’incauto padrone, che però s’è palesato a cose fatte e ora dovrà rispondere del proprio comportamento.

Lo liberano i vigili rompendo il finestrino

Per il cagnolino, un po’ d’aria fresca, ma soprattutto dell’acqua, che i samaritani in divisa hanno provveduto a dargli. SU LAMARTESANA.IT LA GALLERY DEL FORTUITO SALVATAGGIO