Esplosione sospetta a Sant’Angelo Lodigiano: nei guai un 23enne.

Esplosione sospetta a Sant’Angelo Lodigiano

Un violento botto che ha allarmato i cittadini di Sant’Angelo Lodigiano, diverse le segnalazioni alle forze dell’ordine che hanno scovato l’origine delle forti esplosioni. Responsabile un 23enne santangiolino, con piccoli precedenti di polizia alle spalle, verso il quale è stata formalizzata l’accusa di detenzione e commercio abusivo di materie esplodenti.

Perquisizione

Durante la perquisizione domiciliare d’iniziativa nell’abitazione del 23enne i carabinieri hanno scoperto 14 petardi, del tipo “cipolla” del peso di 160 grammi cadauno, detenuti illegalmente di fabbricazione assolutamente illegale e privi di ogni forma di etichettatura. Il materiale pirotecnico del peso complessivo di circa 2,5 kg è stato opportunamente sequestrato e custodito in attesa delle verifiche tecniche e successiva distruzione da parte dei carabinieri artificieri del comando provinciale di Milano.

LEGGI ANCHE: Cattedrale Vegetale chiusa: il Comune spiega la situazione