“Ciao amore mio, proteggici sempre“: questo l’ultimo addio pieno di amore dato da Elisa, la moglie di Umberto Riboni, il giovane papà di Gugnano morto sabato a 33 anni per un brutto male. 

Il Comune di Gugnano è in lutto

Il Comune di Gugnano è in lutto per la perdita di Umberto Riboni, ingegnere 33enne padre del piccolo Gabriele, bimbo di un anno e mezzo avuto con la moglie Elisa. Originario di CasalettoLodigiano ma da anni trasferitosi nella piccola frazione di Gugnano, Umberto era molto presente sul territorio grazie alla grande attività in parrocchia, oltrechè alla forte passione per il calcio che lo ha accompagnato da sempre. Negli anni Umberto ha giocato come difensore in diverse realtà calcistiche: a partire dalla prima categoria di Marudo, passando al Vizzolese, Pro Melegnano, Secugnago e, infine, con la Virtus a Bascapè.

La famiglia di Riboni è molto conosciuta in paese: la mamma di Umberto era infatti una maestra storica di Caselle Lurani e Salerano. Nathalie Sitzia, sindaco del paese, assieme al medico che ha seguito nella sua battaglia, hanno espresso grandi parole d’affetto nei confronti del giovane 33enne.

Leggi anche:  Pizzighettone, non accetta la fine della relazione e molesta lei e il suo nuovo compagno

Il saluto della moglie

I funerali di Umberto Riboni

I funerali si sono svolti oggi alle 10.30 nella Chiesa parrocchiale di Bascapè. La famiglia ha espressamente chiesto di non ricevere fiori ma, per chi volesse, di effettuare una donazione a favore della Fondazione Giacinto Facchetti di Monza.

TORNA ALLA HOME