Il cadavere nella Muzza è di un quarantenne suicida. Sono giunti a questa conclusione gli investigatori che da lunedì cercano di dare un’identità all’uomo ritrovato nel canale lunedì 10 settembre.

Il cadavere nella Muzza è di un quarantenne suicida

I carabinieri della Compagnia di San Donato sono pressoché certi che si tratti di un 43enne di Melzo. Secondo quanto ricostruito l’uomo venerdì scorso aveva lasciato un biglietto ai familiari con sopra scritto “Vado a buttarmi nella Muzza”.  E così avrebbe fatto.

L’allarme e il ritrovamento

L’allarme era stato lanciato da un pensionato che passeggiava in zona lunedì mattina. Probabilmente dal momento dell’annegamento a quello dell’avvistamento è rimasto incagliato in qualche zona del torrente, prima che la corrente lo liberasse. A giugno tutti ricordano il rinvenimento nella Muzza del corpo di Sara Luciani, 21 anni, morta in circostanze misteriose nella stessa notte in cui si è suicidato il fidanzato, Manuel Buzzini.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI