Arrestato straniero per detenzione ai fini di spaccio di non modiche quantità di stupefacenti.

Mercato di droga a cielo aperto

La sera dello scorso sabato 11 gennaio 2020 i Carabinieri della Stazione di Lodi Vecchio, da sempre particolarmente attenti al fenomeno delinquenziale dello “spaccio nei campi”, hanno organizzato l’ennesimo servizio ad hoc nella frazione Gugnano di Casaletto Lodigiano, in un appezzamento di terreno reso impervio dalla presenza di una folta e incolta vegetazione e di un canale di irrigazione, scelto intenzionalmente dallo spacciatore per garantirsi uno sbarramento naturale che lo proteggesse in caso di sortite improvvise da parte di forze dell’ordine. Nonostante queste difficoltà, però, acuite dal freddo, dall’oscurità serale e dalla presenza della fitta nebbia, i carabinieri sono riusciti tenere sotto controllo l’anfratto dove si svolgeva l’attività di spaccio, notando un soggetto nascondersi in un dislivello del terreno, pronto a intraprendere l’attività di smercio dando il via al cosiddetto “mercato a cielo aperto”.

L’intervento dei Carabinieri

A quel punto i carabinieri acquattati si sono avvicinati in gran segreto al nascondiglio dello spacciatore allo scopo di sorprenderlo, ma l’inevitabile calpestio dei rami è stato udito da costui che, avvedendosi della presenza dei militari, si è messo a correre veloce, venendo però bloccato dopo circa 200 metri dagli operanti che si erano messi al suo inseguimento, incuranti del buio e nonostante il fuggitivo avesse volutamente scelto come percorso una roggia con acqua e fango che arrivava alle caviglie, nella speranza di farla franca.

Arrestato spacciatore pregiudicato

Dopo essere stato bloccato, il soggetto è stato identificato per H.A., 28enne marocchino in Italia senza una dimora fissa e già gravato da precedenti di polizia specifici e, a seguito di perquisizione personale trovato in possesso di 25 grammi di eroina, 37 grammi di cocaina, 200 grammi di hashish, un bilancio elettronico di precisione e la somma contante di 1.670/00 euro, suddivisa in banconote di piccolo taglio segno distinguibile di una lucrosa attività, motivo per il quale è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione ai fini di spaccio di non modica quantità di sostanza stupefacente.
La droga rinvenuta è stata posta in sequestro e trattenuta in carico in attesa di essere depositata presso il competente Ufficio Corpi di Reato del Tribunale di Lodi, mentre il denaro è stato depositato su libretto postale fruttifero.
Vista la gravità del fatto e che lo stupefacente rinvenuto era indiscutibilmente destinato alla cessione a terzi.

Leggi anche:  Due anni dopo il disastro di Pioltello: #intrenoconnoi per non dimenticare

Convalidato l’arresto

Nella mattinata di oggi l’arresto di H.A., nel frattempo trattenuto presso le camere di sicurezza di questo Comando Provinciale, è stato convalidato e, al termine delle formalità di rito, il prevenuto è stato associato in carcere a Lodi.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo FacebookLodi e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficialeGiornale di Lodi (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME