E’ la prima sentenza in Italia per il il reato di tortura che è stato introdotto poco più di un anno fa nel nostro sistema normativo. In questo caso non c’entrano i soprusi nei confronti di più deboli per via di condizioni di disagio o di disabilità: qui il nodo sta piuttosto nella violenza esercitata con crudeltà.

Tortura in un garage di Varese

Come nel caso – riportato da VareseSettegiorni.it – che ha visto colpevoli quattro ragazzi di 15 anni che – per ragioni di droga – avevano segregato e picchiato un coetaneo in un garage di Varese. Tre di loro sono stati condannati a 4 anni e a pagare 1200 euro di multa, mentre il quarto dovrà scontare 4 anni e 6 mesi.

Violenza esercitata con crudeltà

Per oltre tre ore, il 9 novembre 2018, la vittima era stata rinchiusa in un garage. Era stato legato su una sedia con cavi di acciaio, poi gli era stata versata addosso dell’acqua gelida e sapone liquido sugli occhi. Infine era stato minacciato di morte e immobilizzato con un coltello.