Paura alle Terme di Miradolo: una ragazzina di 13 anni ha rischiato di affogare risucchiata dal bocchettone della piscina. E’ successo nel pomeriggio di ieri, intorno alle 14.30.

Paura alle Terme di Miradolo

Momenti di panico nel pomeriggio di ieri, martedì 30 aprile 2019, alle Terme di Miradolo. Una ragazzina di 13 anni, di Ospedaletto Lodigiano, ha rischiato di morire annegata dopo essere stata risucchiata dal bocchettone della piscina. I presenti hanno raccontato di averla vista dibattersi disperatamente e poi scomparire sott’acqua. Fortunatamente è riuscita a riaffiorare ed è stata prontamente tratta in salvo.

Trasportata in ospedale

Intorno alle 14.30 la 13enne, che si trovava alle terme in compagnia della mamma, quando è stata risucchiata da un bocchettone e trascinata sul fondo. Una volta portata fuori dall’acqua, forse anche per il troppo spavento, ha perso i sensi. Gli operatori del 118 immediatamente accorsi sul posto le hanno riscontrato un forte ematoma alla schiena. E’ stata trasportata in ospedale a Lodi per effettuare dei controlli. Su quanto accaduto, i carabinieri hanno aperto un’inchiesta. Sotto accusa il dispositivo idraulico che serve per la pulizia dell’acqua e che sarebbe andato fuori uso: un fatto accidentale ma che avrebbe potuto avere tragiche conseguenze.

Leggi anche:  Cervignano d'Adda, pitbull attacca il proprio padrone: è un problema di cane o di educazione?

LEGGI ANCHE: Emanuela Saccardi ancora ricerche sul Po della mamma 47enne

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE