Arrestato pregiudicato lodigiano per tentata rapina.

Tentato furto al My Lodi

Poco prima di mezzogiorno del 29 Novembre 2019 i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Lodi, durante il normale turno di servizio, sono intervenuti presso il centro commerciale “My Lodi” di via Grandi a Lodi, poiché poco prima si era verificato il tentativo di furto di un capo di abbigliamento in un negozio.
Le opportune verifiche avviate sul posto hanno permesso di ricostruire gli avvenimenti accertando che già dall’orario di apertura D.C., 27enne di Lodi, si aggirava per il centro commerciale, verosimilmente aspettando solo il momento propizio per “colpire” e, tra le opzioni a sua disposizione ha scelto un’attività gestito da commercianti extra comunitari.

Una commessa si è accorta delle intezioni del 27enne

Una commessa ha immediatamente percepito le sue disoneste intenzioni, in quanto alla sua uscita da un camerino di prova, è riuscita a notare per terra il sistema antitaccheggio rimosso da un indumento.

La stessa, pensando alla buona fede del cliente ed a una sua dimenticanza, ha richiamato l’attenzione di D.C., invitandolo a prendere il sistema antifurto del capo di abbigliamento che aveva provato, da restituire in cassa, ma questi, facendo finta di nulla, si è serenamente diretto verso l’uscita, dove altre due commesse, a questo punto insospettite dal suo comportamento, gli hanno chiesto se avesse qualcosa da pagare in cassa, ma lui imperterrito ha negato ogni addebito.
Nonostante questa sua fermezza nel negare, le commesse comunque hanno preteso che mostrasse cosa aveva sotto il giubbotto, scoprendo che occultato dalla giacca e da una felpa, indossava un maglione, del valore di circa 40,00 euro, in vendita in quel negozio.

Leggi anche:  Sassi contro il treno che passa: l'ultima trovata di due giovani

La tentata fuga e l’aggressione

A quel punto il ladro, vistosi scoperto, ha iniziato ad urlare minacciando di lasciarlo stare perché non aveva i soldi per pagare il maglione, offendendo gravemente le commesse e scavalcando le barriere antitaccheggio, guadagnando così l’uscita dove però è sopraggiunto dalla galleria del centro commerciale un altro commesso, il quale dopo aver richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, si è frapporto fra il ladro e l’uscita per impedirgli di allontanarsi. D.C., però, deciso a portare a termine la sua azione delittuosa, dapprima lo ha spintonato per riuscire a scappare ma vista la ferma intenzione del commesso di non muoversi e di attendere l’arrivo delle forze dell’ordine, con una mano l’ha afferrato per il collo sferrandogli diversi pugni al volto.
Fortunatamente i Carabinieri erano poco lontani, e solo il loro tempestivo intervento ha permesso di separare i contendenti.

Arrestato e portato in carcere

D.C. è stato quindi tratto in arresto in flagranza per tentata rapina, per poi essere condotto presso la locale casa circondariale, a disposizione competente Autorita’ Giudiziaria.
Il Tribunale di Lodi è stato celebrato il rito direttissimo, con il quale D.C., è stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere.

TORNA ALLA HOME