Diffonde immagini intime private, denunciato italiano.

Diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite a mezzo social network

I Carabinieri della Stazione di Lodi, al termine degli accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà M.G. 35enne della provincia di Lodi, celibe, impiegato, con precedenti di polizia, in quanto resosi responsabile di diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite a mezzo social network.
I carabinieri hanno avviato le indagini, applicando per la prima volta le recenti innovazioni normative introdotte nel luglio 2019, sancite nel nuovo articolo 612 ter del codice penale, alla fine del mese di settembre, quando una donna del Capoluogo si è accorta che alcune immagini intime, destinate a rimanere private, erano state diffuse tramite social network.

La denuncia

La stessa, vincendo ogni imbarazzo ha avuto il coraggio di denunciare l’accaduto presso la Stazione Carabinieeri di Lodi, permettendo ai militari di raccogliere raccoglievano concordi riscontri testimoniali, suffragati da un’ articolata attività, fra cui l’analisi degli indirizzi IP, che hanno effettivamente acclarato le responsabilità del 35enne.

Leggi anche:  Detenuto in permesso tenta di uccidere la fidanzata

Vittima ed indagato avevano esclusivamente una relazione mediante canali virtuali e non si conoscevano, ignoravano anche che fossero della stessa provincia. L’uomo, ottenute le immagini – sessualmente esplicite della denunciante – destinate a rimanere private mediante i loro contatti social, le ha poi diffuse indebitamente in rete.
I Carabinieri durante la perquisizione domiciliare dell’indagato hanno rinvenuto e sequestrato lo smartphone utilizzato per l’illecita divulgazione. Sia chiaro che in forza di citata norma, chiunque veicola queste immagini rischia di rispondere del medesimo reato, che prevede la reclusione fino a sei anni ed una multa da 5mila e 15 mila euro.

LEGGI ANCHE: Asportata ovaia sana invece di quella malata: medici condannati

TORNA ALLA HOME