Le Giornate FAI d’Autunno compiono otto anni e sono più vitali che mai. Sono giovani perché animate e promosse proprio dai Gruppi FAI Giovani, che anche per quest’edizione hanno individuato itinerari tematici e aperture speciali che permetteranno di scoprire luoghi insoliti e straordinari in tutto il Paese. Un weekend unico, irripetibile, che sabato 12 e domenica 13 ottobre 2019 toccherà 260 città, coinvolte a sostegno della campagna di raccolta fondi del FAI “Ricordati di salvare l’Italia”, attiva a ottobre.

Giornate Fai d’Autunno

Due giorni per sfidare la capacità degli italiani di stupirsi e cogliere lo splendore del territorio che ci circonda, invitando alla scoperta di 700 luoghi in tutta Italia, selezionati perché speciali, curiosi, originali o bellissimi.

Clicca qui per trovare tutti i luoghi aperti in Italia

Ecco il gioiello lodigiano da scoprire

A Lodi è solo una l’attrattiva aperta, ma non per questo è meno interessante.

Carattere – l’arte della stampa

Il Museo della Stampa e Stampa d’Arte di Lodi “Andrea Schiavi”, inaugurato nel giugno 2008, occupa i locali (circa duemila metri quadrati) della ex tipografia Lodigraf, attiva fin dall’inizio degli anni Ottanta del secolo scorso. Un vero museo dedicato alla storia della stampa attraverso i secoli, dalla xilografia alla calcografia, dalla serigrafia alla tipografia, dalla litografia alla stampa offset fino alla rivoluzione digitale. Uno spazio espositivo senza lussi particolari che ha volutamente mantenuto le caratteristiche architettoniche di una vecchia tipografia ristrutturata, ove i visitatori potranno immergersi e respirare il profumo della storia della stampa, che è storia di civiltà: dall’invenzione dei caratteri mobili in legno e metallo fino all’avvento del computer.

Leggi anche:  Non ci resta che ridere: i Legnanesi tornano a Milano

TORNA ALLA HOME