Oggi, 9 maggio 2019, si celebra San Pacomio.

San Pacomio

Nato a Esna nel 292, morto a Pabau, si suppone il 9 maggio 348, Pacomio è stato un monaco cristiano egiziano, a lui si attribuisce la fondazione del monachesimocenobitico. E’ inoltre considerato il fondatore della prima abbazia, nel 320 circa, nella regione della Tebaide.

Nato da pagani

Le notizie che abbiamo di lui derivano dal volume: Vita di Pacomio, una biografia che gli fu dedicata nel IV secolo. Pacomio nacque da una famiglia pagana, fu una sua scelta convertirsi al cristianesimo e studiare i testi sacri. In seguito divenne un seguace di Palemone, noto asceta cristiano. Dopo aver studiato sette anni con il vecchio Palemone, Pacomio decise di condurre la vita di un eremita presso Antonio, che fu il suo insegnante fino a quando, secondo la leggenda, udì una voce in Tabennisi che gli disse di costruire una dimora per gli eremiti per stabilirvisi.

Organizzazione monastica

Fino a quell’epoca, l’esperienza dell’ascesi cristiana era stata la solitudine o l’eremitismo. Monaci maschi o femmine vivevano in capanne individuali o grotte e si incontravano solo per i servizi di culto occasionali. Pacomio sembra aver creato la prima comunità cenobitica organizzata, in cui monaci (maschi o femmine) vivevano insieme e avevano i loro possedimenti in comune sotto la guida di un abate o di una badessa, e lui stesso è stato salutato come Abbà.

Leggi anche:  Non ci resta che ridere: i Legnanesi tornano a Milano

Rimase abate dei cenobiti per circa quarant’anni. Contrasse la peste, nominò un successore (garantendo la continuità dell’ordine) e poi spirò.