Oggi, 2 maggio, si celebra Sant’Atanasio: scopriamo chi era il grande difensore della fede.

Sant’Atanasio

Sant’Atanasio il Grande nacque ad Alessandria d’Egitto intorno al 295 circa e morì ad Alessandria d’Egitto, 2 maggio 373. Era un teologo e vescovo greco nonché Papa della Chiesa copta. Venerato sia dalla chiesa cattolica che quella copta, nonché da quella ortodossa, come santo.

Divulgatore e difensore della fede

Atanasio nacque poco prima dell’ultima grande persecuzione a danno dei cristiani per opera dell’imperatore Diocleziano e morì poco prima che il Cristianesimo fosse scelto come culto religioso ufficiale dall’Impero Romano. 

“Atanasio fu per tutta la vita testimone e strenuo difensore dei principi stabiliti dal concilio, e per questa sua fermezza dovette subire cinque condanne all’esilio negli anni che vanno dalla sua nomina a vescovo, alla sua morte. Profondo conoscitore della natura umana, poté però sempre contare sull’affetto e la fedeltà del suo clero e del suo popolo, che non avrebbe esitato a prendere anche le armi in sua difesa, sebbene la sua elezione non fosse stata immune da qualche dubbio di irregolarità e precipitazione. Autore della già celebre Vita di Antonio, gli antichi storici della Chiesa hanno voluto attribuire ad Atanasio di Alessandria anche la Vita di Sincletica: come quella infatti narra i detti e fatti del patriarca del monachesimo cristiano, così questa descrive “la vita e i modi della beata maestra Sincletica”, come rende chiaramente esplicito il titolo greco dell’opera. La tradizione manoscritta tuttavia non è concorde nell’ascrivere la paternità dell’opera ad Atanasio, variando nell’attribuzione ad altri più o meno sconosciuti autori, quali un certo Policarpo asceta o un Arsenios Pegados, la cui identificazione al pari del primo, rimane incerta e dubbia.”

(Wikipedia)

Leggi anche:  Al via la nuova stagione del Teatro alle Vigne: ecco programma e informazioni

LEGGI ANCHE: San Marcellino, il papa che rinnegò Dio e poi si pentì

Morte

A mettere fine ai suoi allontanamenti forzati fu l’imperatore Giuliano, in seguito indicato dai cristiani come l'”Apostata”, con il suo editto di tolleranza nei confronti di tutte le fedi e confessioni religiose. Atanasio riprese  così possesso della sua sede vescovile e convocò ad Alessandria, nel 362, un concilio d’Oriente che pose fine a tutte le dispute dogmatiche, semplicemente riaffermando i decreti del concilio di Nicea. Morì nella sua città il 2 maggio del 373. Giorno in cui viene tutt’ora venerato.

LEGGI ANCHE: Santa Caterina da Siena: la storia della prima donna dottore della Chiesa