La santa del giorno è Santa Cateria da Siena: patrona d’Italia.

Santa Caterina da Siena

La santa del giorno è Santa Caterina da Siena: prima donna nominata “dottore della Chiesa”, nata a Siena il 25 marzo 1347 morta a Roma il 29 aprile 1380. Caterina, figlia di un tintore e 24esima di 25 figli, rifiutò un matrimonio da adolescente per prendere i voti. Nota per il suo atteggiamento compassionevole e caritatevole verso i poveri e i malati fu di esempio per come se ne occupò senza posa.

LEGGI ANCHE: La storia di San Marco evangelista

Intellettuale

“Scrisse circa 380 lettere, durante gli ultimi dieci anni (1370-1380) della sua vita. Questo ricco epistolario affrontava problemi e temi sia di vita religiosa che di vita sociale di ogni classe, e anche problemi morali e politici che interessavano tutta la Chiesa, l’impero, i regni e gli Stati dell’Europa trecentesca. Caterina scrisse anche a personalità importanti dell’epoca. Su questi interessi qualcuno esprimeva giudizi critici, per questo Caterina dovette presentarsi al Capitolo Generale dell’Ordine Domenicano, che si tenne a Firenze nel 1374. C’era chi accusava Caterina di tendenza a un protagonismo fuori degli schemi tradizionali, che non competevano certo a una donna, per di più popolana e non colta. Al Capitolo non fu trovata in Caterina nessuna colpa ma, riconoscendo la singolarità del suo caso, i Padri preferirono prendere una decisione eccezionale: le assegnarono un confessore personale, il quale fosse sua guida e garante del suo spirito domenicano; a questo compito fu assegnato fra Raimondo da Capua.”

Spiega Wikipedia.

Leggi anche:  "Tintoretto rivelato" a Lecco: tutto quello che c'è da sapere sulla grande mostra

Visionaria

“Caterina era una visionaria. Secondo i racconti del suo confessore, già all’età di sei anni ella si sarebbe rifugiata in un eremo per soddisfare il suo desiderio di consacrarsi. La notte di carnevale del 1367 le appare Cristo accompagnato dalla Vergine e da una folla di santi, e le dona un anello visibile solo a lei, sposandola misticamente. Dopo essere stata accolta dalle Mantellate, frequenti furono le sue estasi presso la chiesa del convento: Qui stava ritirata in preghiera e sempre qui aveva continui colloqui familiari con Gesù Cristo suo Sposo. Aveva frequenti estasi e in quegli stava appoggiata ad un pilastro ottagonale. Qui dette le sue vesti a Gesù sotto forma di povero, che poi la rivestì di vesti che non le fecero più sentire il freddo. Qui le apparve Gesù circondato da luce che le aprì il petto e le porse il suo cuore, dicendo: “Ecco carissima figlia mia, siccome io l’altro giorno ti tolsi il tuo cuore, così ora ti do il mio per il quale tu sempre vivi”.”

LEGGI ANCHE: La storia di San Marcellino, il papa che rinnegò Dio e si pentì

Dottore della chiesa

Caterina da Siena fu canonizzata dal papa senese Pio II nel 1461. Nel 1866 papa Pio IX la volle annoverare fra i compatroni di Roma. Papa Paolo VI ha proclamato santa Caterina dottore della Chiesa il 4 ottobre 1970. Prima donna a ricevere tale titolo nella Storia della Chiesa.

LEGGI ANCHE: Donna scomparsa, si cerca nel Po