Giovedì 2 maggio alle 11 al Teatro alle Vigne di Lodi (0371 409 855 www.teatroallevigne.com) l’orchestra Theresia offre agli studenti lodigiani una prova aperta gratuita in occasione del concerto di chiusura della Stagione di Musica che si terrà al Teatro alle vigne il 3 maggio alle ore 21.

Teatro alle Vigne

Un programma interamente dedicato alla musica viennese al tempo di Mozart, con la Sinfonia n. 36 “Linz” del genio salisburghese, l’Ouverture dal Ritorno di Tobia di Franz Joseph Haydn, e la Sinfonia n. 28 di Michael Haydn. Alla direzione ci sarà Alfredo Bernardini.

Parteciperanno 300 allievi delle scuole secondarie “Francesco Cazzulani”, “Spezzaferri”, “Don Milani”; del liceo classico “Pietro Verri” e liceo statale “Maffeo Vegio”. Ci saranno anche alcune classi della scuola elementare “F. Cabrini”.

Progetto culturale e artistico

L’orchestra Theresia è un progetto culturale e artistico unico a livello europeo. Fondata nel 2012 su impulso di un gruppo di mecenati, l’orchestra riunisce al suo interno musicisti sotto i 28 anni di età provenienti dalle principali istituzioni accademiche di musica di tutta Europa, fornendo loro l’opportunità di esibirsi in contesti prestigiosi e di approfondire le loro conoscenze nell’ambito professionale ed artistico. Theresia è oggi un progetto interno della Fondazione iCons di Lodi, che sostiene il progetto di alto perfezionamento artistico attraverso l’erogazione di borse di studio biennali ai giovani musicisti dell’orchestra e si occupa della sua struttura artistica ed organizzativa.

L’attività principale di Theresia è l’approfondimento dello studio della prassi filologica e l’esecuzione di musiche di autori del periodo classico (1770-1820) attraverso l’utilizzo di strumenti storici. Durante i sei periodi di residenza annuali i giovani membri dell’orchestra sono incoraggiati a sviluppare e a condividere la loro visione artistica sotto la guida di artisti di fama internazionale come Claudio Astronio, Chiara Banchini, Alfredo Bernardini, Giovanni Antonini, Alea Ensemble e molti altri.

Leggi anche:  Eccellenze della Bassa: il M5S le presenterà a Strasburgo

Seminari

Parallelamente, il progetto propone ai partecipanti anche numerosi seminari dedicati alla musicologia storica, insieme ad ulteriori momenti di riflessione e crescita che hanno lo scopo di contribuire alla formazione professionale dei giovani musicisti, stimolandoli a diventare consapevoli della loro missione di ambasciatori della cultura all’interno della società.

I musicisti dell’orchestra provengono da numerosi Paesi europei ed extraeuropei: Austria, Colombia, Francia, Giappone, Italia, Iran, Messico, Nuova Zelanda, Olanda, Portogallo, Polonia, Romania, Spagna, Regno Unito, Russia, Stati Uniti d’America, Svizzera. Fin dalla sua nascita, Theresia ha rappresentato un paradigma dell’integrazione e del dialogo fra le culture, e oggi è internazionalmente riconosciuta come una delle più importanti orchestre giovanili europee. Nell’agosto 2019 Theresia sarà impegnata in un ambizioso progetto discografico che riguarderà l’integrale delle Overture di Joseph Martin Kraus (1756-1792), registrate per la prima volta interamente su strumenti originali.

LEGGI ANCHE: Natalità (e mortalità) a Lodi