E mentre nella città di Milano cercano di capire come regolare l’utilizzo del monopattino elettrico dopo i numerosi incidenti in cui proprio questo mezzo si è trovato, è nella stessa provincia, a San Colombano (paese incastrato tra i comuni Lodigiani), che nasce il “Club italiano del monopattino elettrico“.

Il Club italiano del monopattino elettrico

L’idea è nata dai fratelli Paolo e Simone Rosai, due giovani di Arese: il 15 novembre 2018 hanno così creato la pagina Facebook “Club italiano del monopattino elettrico”, che nel giro di meno di 9 mesi ha già conquistato più di 1.100 appassionati.

Quello del monopattino elettrico sta diventando un vero e proprio fenomeno virale: in città, specialmente nelle più grandi, se ne vedono sempre di più. E se a volte sono placidamente guidate da qualche turista che si guarda attorno ammirato, altre volte c’è qualche lavoratore in ritardo per l’ufficio che ci sfreccia accanto all’improvviso non avendo regole precise da rispettare. Quello dell’assenza di regolamenti ad hoc da rispettare, infatti, rischia di diventare un vero e proprio problema di convivenza tra pedoni, auto e monopattini elettrici.

Il Club come metodo per condividere una passione e far conoscere questo mondo di viabilità alternativa

I fratelli Rosai spiegano che l’idea del club è nata solo perché volevamo trovare persone con la stessa loro passione, per poi magari veder aumentare i paesi lodigiani coinvolti dall’utilizzo del monopattino dato che, per l’Italia, al momento questa è ancora solo una sperimentazione. I fratelli parlano proprio della provincia di Lodi, portandola come esempio per spiegare che sono ben pochi i comuni, come Casale e Somaglia, che si sono attivati per produrre regolamenti ad hoc e ad individuare aree in cui poter far utilizzare monopattini elettrici.

Leggi anche:  Il progetto "Stereo tips - Oltre la violenza" con le scuole di Lodi per insegnare la parità e il rispetto

Sindaci e assessori contattano la pagina per saperne di più

San Colombano oggi non prevede questa novità benché, paese collinare, si presti molto a questo genere di iniziative.

I due fratelli raccontano che spesso sono stati contattati tramite la pagina da sindaci e assessori italiani che vogliono conoscere qualche informazione in più sul monopattino elettrico, dato che attualmente in Italia c’è molta disinformazione sul tema e in considerazione che la nostra nazione, al contrario della Svizzera (dove lavora Simone, e dove l’utilizzo del monopattino elettrico è molto diffuso), non ha ancora una legge definitiva in merito.

(Foto di copertina tratta dal profilo Facebook di uno degli amministratori della pagina)

TORNA ALLA HOME