Giornale di Lodi https://giornaledilodi.it Sat, 19 Jan 2019 17:38:25 +0000 it-IT hourly 1 Pensionato ruba portafoglio a cliente di un bar, denunciato https://giornaledilodi.it/cronaca/pensionato-ruba-portafoglio-a-cliente-di-un-bar-denunciato/ https://giornaledilodi.it/cronaca/pensionato-ruba-portafoglio-a-cliente-di-un-bar-denunciato/#respond Sat, 19 Jan 2019 14:50:59 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13086 Pensionato ruba portafoglio a cliente del Bar Meeting di Castiglione D’Adda: denunciato. Pensionato ruba portafoglio Il 18 gennaio 2019, a conclusione di un’attività di indagine, la dipendente stazione di Castiglione d’Adda ha denunciato in stato di libertà per furto aggravato B.M. classe 1949, residente a Castiglione d’Adda. Il pensionato, è stato individuato quale autore del […]

Continua la lettura di Pensionato ruba portafoglio a cliente di un bar, denunciato su Giornale di Lodi.

]]>
Pensionato ruba portafoglio a cliente del Bar Meeting di Castiglione D’Adda: denunciato.

Pensionato ruba portafoglio

Il 18 gennaio 2019, a conclusione di un’attività di indagine, la dipendente stazione di Castiglione d’Adda ha denunciato in stato di libertà per furto aggravato B.M. classe 1949, residente a Castiglione d’Adda.

Il pensionato, è stato individuato quale autore del furto di un portafoglio commesso nel luglio del 2018 sempre a Castiglione d’Adda (LO) presso il “Bar Meeting” ai danni di un cliente. La refurtiva è stata recuperata e restituita al proprietario.

LEGGI ANCHE: Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Pensionato ruba portafoglio a cliente di un bar, denunciato su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/pensionato-ruba-portafoglio-a-cliente-di-un-bar-denunciato/feed/ 0
Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo https://giornaledilodi.it/cronaca/omicidio-di-erbusco-il-corpo-e-di-stefania-crotti-la-donna-scomparsa-a-bergamo/ Sat, 19 Jan 2019 11:51:19 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13079 AGGIORNAMENTO DELLE 18: Come riporta il nostro portale BresciaSettegiorni.it ci sarebbe una persona in stato di fermo per l’omicidio di Stefania Crotti. Si indaga su una donna e non è esclusa la pista passionale. CLICCA QUI PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo. La quarantatreenne era […]

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo su Giornale di Lodi.

]]>
AGGIORNAMENTO DELLE 18: Come riporta il nostro portale BresciaSettegiorni.it ci sarebbe una persona in stato di fermo per l’omicidio di Stefania Crotti. Si indaga su una donna e non è esclusa la pista passionale. CLICCA QUI PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo. La quarantatreenne era sparita giovedì pomeriggio.

Omicidio di Erbusco: il corpo è di Stefania Crotti

Sono bastate poche ore per venire a capo dell’omicidio avvenuto ieri pomeriggio in Franciacorta, a Erbusco. Il corpo rinvenuto carbonizzato al confine con Adro in via Lovera è quello di Stefania Crotti, 43enne della bergamasca scomparsa nel pomeriggio di giovedì. La donna, di Gorlago, era uscita dal lavoro a Cenate Sotto, intorno alle 15.30, e da quel momento non si erano avute più avuto sue notizie. Poi, questa mattina, la tragica scoperta.

LEGGI ANCHE: Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti

Le indagini

Le indagini dei carabinieri si erano da subito concentrate sulle donne scomparse nei dintorni e tra queste risultava esserci anche Stefania. Ieri sera erano stati interrotti i rilevamenti sul posto, ripresi stamattina, ma le operazioni sono andate avanti per tutta la notte. Nonostante il corpo completamente carbonizzato sono infatti bastate poche ore per l’identificazione.

LEGGI ANCHE: Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna

Le motivazioni e i colpevoli

Ancora non si conoscono le motivazioni alla base dell’omicidio. Le Forze dell’ordine stanno già seguendo piste ben determinate sul colpevole o sui presunti tali. Gli inquirenti stanno ascoltando il marito in caserma a Trescore.

Continua la lettura di Omicidio Stefania Crotti, c’è una donna in stato di fermo su Giornale di Lodi.

]]>
Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro https://giornaledilodi.it/attualita/bonus-famiglia-domande-fino-al-30-giugno-per-il-contributo-da-1500-euro/ Sat, 19 Jan 2019 15:11:38 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13091 Bonus famiglia: fino al 30 giugno possibile presentare le domande per il contributo da 1500 euro per i nuovi nati o adottati. Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno Le famiglie con Isee non superiore a 22.000 euro, residenza in Lombardia da cinque anni e in  condizione di ‘vulnerabilità’ e ‘fragilità’ (in cui la donna si […]

Continua la lettura di Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro su Giornale di Lodi.

]]>
Bonus famiglia: fino al 30 giugno possibile presentare le domande per il contributo da 1500 euro per i nuovi nati o adottati.

Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno

Le famiglie con Isee non superiore a 22.000 euro, residenza in Lombardia da cinque anni e in  condizione di ‘vulnerabilità’ e ‘fragilità’ (in cui la donna si trovi cioè in stato di gravidanza, oppure in caso di adozione) fino al 30 giugno possono presentare domanda per ottenere i 1.500 euro del ‘Bonus Famiglia 2019’.

Nel caso di gravidanze o adozioni gemellari, il contributo è moltiplicato per il numero dei figli. La misura è alternativa ad analoghe iniziative comunali e statali.

Come presentare la richiesta

Le domande, che è già possibile inoltrare, possono essere presentate esclusivamente online, sul sito www.bandi.servizirl.it.  È necessario registrarsi o autenticarsi al sito attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (Spid) o la Carta nazionale/regionale dei servizi (Cns, Crs), allegando la scheda di avvenuto colloquio per la valutazione dello stato di vulnerabilità.

Risorse per i differenti territori

Le risorse sono già state assegnate alle Ats, in base al numero di donne residenti, in età compresa tra i 15 e 49 anni, e al numero di nascite risultanti dall’ultimo dato Istat disponibile, secondo questa ripartizione:

Bergamo: 615.903 euro;
Brianza: 650.717 euro;
Brescia: 638.750 euro;
Insubria: 755.189 euro;
Milano: 1.904.203 euro;
Montagna: 175.034 euro;
Pavia: 272.352 euro;
Val Padana: 394.010 euro.

La verifica dei requisiti

“Ricordo – precisa l’assessore Piani – che il compito di istruire le domande, verificare i requisiti e liquidare i contributi nei limiti del budget assegnato è stato affidato proprio alle Agenzia di tutela della salute(Ats), in collaborazione con la rete dei soggetti pubblici e privati (comuni, centri di aiuto alla vita, consultori accreditati e a contratto) presenti nei diversi territori”.

Continua la lettura di Bonus famiglia: domande fino al 30 giugno per il contributo da 1500 euro su Giornale di Lodi.

]]>
Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato https://giornaledilodi.it/cronaca/va-in-giro-con-coltello-a-serramanico-lungo-16-centimetri-denunciato/ https://giornaledilodi.it/cronaca/va-in-giro-con-coltello-a-serramanico-lungo-16-centimetri-denunciato/#respond Sat, 19 Jan 2019 14:38:21 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13083 Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato a Orio Litta un pregiudicato di 34 anni. Va in giro con coltello a serramanico Lo scorso 16 gennaio 2019, la dipendente stazione di Orio Litta ha denunciato per il reato di porto abusivo di oggetti atti ad offendere D.G.A. classe 1985, pregiudicato, residente […]

Continua la lettura di Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato su Giornale di Lodi.

]]>
Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato a Orio Litta un pregiudicato di 34 anni.

Va in giro con coltello a serramanico

Lo scorso 16 gennaio 2019, la dipendente stazione di Orio Litta ha denunciato per il reato di porto abusivo di oggetti atti ad offendere D.G.A. classe 1985, pregiudicato, residente a Zorlesco di Casalpusterlengo (LO). L’uomo, nel corso di un controllo a Orio Litta (LO) è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di cm. 16 di cui non è riuscito a giustificare la detenzione.

Segnalato in Prefettura

Nella circostanza lo stesso è stato anche segnalato al Prefetto di Lodi quale assuntore di stupefacenti in quanto trovato in possesso di 3 grammi circa di sostanza stupefacente tipo hashish e 1 grammo circa di cocaina.

LEGGI ANCHE: Il corpo carbonizzato nel Bresciano è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Va in giro con coltello a serramanico lungo 16 centimetri, denunciato su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/va-in-giro-con-coltello-a-serramanico-lungo-16-centimetri-denunciato/feed/ 0
Trovato morto in auto a Bagnolo, si pensa a un gesto estremo https://giornaledilodi.it/cronaca/trovato-morto-a-bagnolo-si-pensa-a-un-gesto-estremo/ Sat, 19 Jan 2019 11:19:14 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13076 Tragedia a Bagnolo Cremasco questa mattina. Intorno alle 11 il 112 è stato allertato per soccorrere un uomo di 58 anni che si trovava a bordo di un’auto a lato della SS235. Trovato morto a Bagnolo I soccorritori della Croce bianca hanno fatto il possibile, ma ogni tentativo si è rivelato inutile. L’uomo è deceduto […]

Continua la lettura di Trovato morto in auto a Bagnolo, si pensa a un gesto estremo su Giornale di Lodi.

]]>
Tragedia a Bagnolo Cremasco questa mattina. Intorno alle 11 il 112 è stato allertato per soccorrere un uomo di 58 anni che si trovava a bordo di un’auto a lato della SS235.

Trovato morto a Bagnolo

I soccorritori della Croce bianca hanno fatto il possibile, ma ogni tentativo si è rivelato inutile. L’uomo è deceduto a causa di un’intossicazione da sostanze pericolose. Pare, infatti, secondo le prime indiscrezioni, che il tubo di scappamento fosse stato collegato all’abitacolo. Per questo tra le ipotesi prende piede quella di un estremo gesto.

Sull’accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Crema subito giunti sul posto.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Trovato morto in auto a Bagnolo, si pensa a un gesto estremo su Giornale di Lodi.

]]>
Piste ciclabili: 900mila euro da Regione Lombardia https://giornaledilodi.it/attualita/piste-ciclabili-900mila-euro-da-regione-lombardia/ https://giornaledilodi.it/attualita/piste-ciclabili-900mila-euro-da-regione-lombardia/#respond Sat, 19 Jan 2019 09:55:49 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13065 Piste ciclabili: 900mila euro destinati alle province di Bergamo, Como, Lodi, Monza Brianza, Milano, Pavia e Varese serviranno per la messa in sicurezza e la realizzazione di nuovi interventi. Piste ciclabili: 900mila euro da Regione Lombardia La Giunta regionale ha approvato una delibera, su proposta dall’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale Riccardo De Corato, […]

Continua la lettura di Piste ciclabili: 900mila euro da Regione Lombardia su Giornale di Lodi.

]]>
Piste ciclabili: 900mila euro destinati alle province di Bergamo, Como, Lodi, Monza Brianza, Milano, Pavia e Varese serviranno per la messa in sicurezza e la realizzazione di nuovi interventi.

Piste ciclabili: 900mila euro da Regione Lombardia

La Giunta regionale ha approvato una delibera, su proposta dall’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale Riccardo De Corato, che prevede interventi per 890.460 euro per la realizzazione di nuove piste ciclabili e per mettere in sicurezza quelle esistenti.

I comuni destinatari

I Comuni destinatari dell’intervento sono: Monza, Lodi, Busto Arsizio (VA), Voghera (PV), Saronno (VA), Magenta (MI), Cantù (CO), Cornaredo (MI), Dalmine (BG), Giussano (MB), Lissone (MB), Romano Di Lombardia (BG).  Gli interventi dovranno essere realizzati entro il 2019.

De Corato “Interventi per la tranquillità dei ciclisti”

“Si tratta di interventi fondamentali per la tranquillità dei nostri ciclisti – ha dichiarato l’assessore De Corato -, che rientrano nel programma per lo sviluppo e la messa in sicurezza della circolazione ciclistica cittadina”.

Gli interventi suddivisi per provincia

Di seguito i dettagli degli interventi, suddivisi per province.

Provincia di Bergamo – Per la realizzazione della pista ciclabile ‘collegamento di Levate al Comune di Dalmine’ sono stati destinati 100.000 euro. A Romano di Lombardia andranno 60.685 per interventi di messa in sicurezza della circolazione ciclistica.

Provincia di Como – Per il Comune di Cantù la Regione Lombardia ha stanziato 80.000 euro per il miglioramento della sicurezza della rete ciclabile, in particolare per la realizzazione della pista in via Mentana nel tratto compreso tra via caduti di Nassirya e via Canova.

Provincia di Lodi – Sono 100.000 euro le somme che Regione Lombardia ha destinato per il Comune di Lodi, in particolare per la nuova pista ciclabile: via San Colombiano – via Salvo D’Acquisto – via Sant’Angelo.

Provincia di Milano – Cornaredo e Magenta sono i due Comuni milanesi che beneficeranno di finanziamenti. In particolare, a Cornaredo andranno 100.000 euro per interventi di realizzazione di nuovi percorsi ciclabili e messa in sicurezza della pista esistente nell’ambito del progetto ‘Più prudenza innovazione per utenti ciclisti’.  A Magenta per la riqualificazione e messa in sicurezza delle piste ciclabili sono stati destinati 40.750 euro.

Provincia di Monza e Brianza – Al Comune di Monza andranno 75.000 euro, a Giussano e Lissone 100.000 euro ciascuno.

Provincia di Pavia – A Voghera i fondi ammontano a 32.000 euro. L’intervento prevede la messa in sicurezza delle piste ciclabili che costituiscono i tre assi principali della rete urbana: Corso XXVII Marzo, via F.lli Rosselli e viale Repubblica: percorsi di collegamento tra il centro storico con i quartieri periferici.

Provincia di Varese – Per la messa in sicurezza del percorso ciclabile di viale Trentino e via Cadore a Busto Arsizio sono stati destinati 42.024 euro. A Saranno sono stati asseganti 60.000 euro per la riqualificazione di via Roma, nel tratto compreso tra Guaragna e via Manzoni.

LEGGI ANCHE: Defibrillatori alle Forze di Polizia, un nuovo protocollo siglato in Prefettura

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Piste ciclabili: 900mila euro da Regione Lombardia su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/piste-ciclabili-900mila-euro-da-regione-lombardia/feed/ 0
Defibrillatori alle Forze di Polizia, un nuovo protocollo siglato in Prefettura https://giornaledilodi.it/attualita/defibrillatori-alle-forze-di-polizia-un-nuovo-protocollo-siglato-in-prefettura/ https://giornaledilodi.it/attualita/defibrillatori-alle-forze-di-polizia-un-nuovo-protocollo-siglato-in-prefettura/#respond Sat, 19 Jan 2019 07:41:06 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13061 Sottoscritto in Prefettura il Protocollo d’intesa per la realizzazione del “Progetto Vita Lodi” Defibrillatori alle Forze di Polizia, al via il “Progetto Vita Lodi” Nuovo, importante Protocollo sottoscritto in settimana presso la Prefettura-UtG di Lodi. E’ stata raggiunta infatti un’intesa finalizzata alla diffusione dei defibrillatori e all’addestramento al loro utilizzo da parte delle Forze di […]

Continua la lettura di Defibrillatori alle Forze di Polizia, un nuovo protocollo siglato in Prefettura su Giornale di Lodi.

]]>
Sottoscritto in Prefettura il Protocollo d’intesa per la realizzazione del “Progetto Vita Lodi”

Defibrillatori alle Forze di Polizia, al via il “Progetto Vita Lodi”

Nuovo, importante Protocollo sottoscritto in settimana presso la Prefettura-UtG di Lodi. E’ stata raggiunta infatti un’intesa finalizzata alla diffusione dei defibrillatori e all’addestramento al loro utilizzo da parte delle Forze di Polizia.

Fortemente voluto dalla dr.ssa Paola Sepe, Cardiologa dell’Ospedale di Lodi, Coordinatrice del “Progetto Vita Lodi”, il Protocollo ha sin da subito incontrato il favore del Prefetto, dott.ssa Patrizia Palmisani, che ne ha pienamente condiviso lo spirito e le finalità.

In cosa consiste

Il progetto, il primo di tal genere sottoscritto in Lombardia, mira a diffondere in ambito provinciale l’acquisto e l’uso dei Defibrillatori Automatici Esterni (DAE) e a disciplinare le modalità di azione dei mezzi delle Forze di Polizia con a bordo un defibrillatore in caso di richiesta di intervento per supposto arresto cardiaco.

A ciascuna Forza di Polizia sarà fornito, in comodato d’uso gratuito, un tablet dedicato. L’intervento delle pattuglie sarà gestito dalle rispettive Sale Operative e avverrà nel pieno rispetto dei servizi d’istituto, cui sarà garantita assoluta priorità. Inoltre, la catena del soccorso sanitario sarà assicurata dall’intervento dei mezzi di soccorso che saranno comunque inviati sul posto da AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) – 118.

“Il Protocollo – ha dichiarato il Prefetto – mette a fattor comune quella capacità di intervento che è tipica delle Forze di Polizia e intrinsecamente connessa al primario ruolo istituzionale ad esse assegnato, quello di garantire un bene primario dei cittadini, la sicurezza. In questo senso, le Forze dell’Ordine possono giocare un ruolo fondamentale nelle emergenze: possono ‘semplicemente’ contribuire a salvare le persone in caso di arresto cardiaco”.

“Le patologie cardiovascolari – ha spiegato la dott.ssa Sepe – costituiscono la prima causa di morte e, in caso di verosimile arresto cardiaco, il tempo di arrivo del personale del 118, sia pure brevissimo (in media 10 minuti dalla chiamata) potrebbe non bastare. La possibilità di intervenire con un defibrillatore nei primissimi minuti dal subentrare dell’infarto miocardico aumenta in maniera esponenziale, addirittura del 40%, le probabilità di sopravvivenza. L’idea è semplice – ha precisato la dott.ssa Sepe: accorciare i tempi di intervento avvalendosi delle pattuglie delle Forze di Polizia presenti in zona, che, nel caso in cui non fossero già impegnate in interventi specifici, potrebbero essere inviate sul posto dalle rispettive Sale Operative al ricevimento dell’allerta da parte del NUE 112”.

Da chi è stato sottoscritto

Firmatari del Protocollo il Prefetto di Lodi, il Direttore Generale ASST dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Lodi, il Responsabile dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza 118 di Lodi, il Presidente dell’Associazione “Roberto Malusardi Amici del cuore Onlus”, il Coordinatore del “Progetto Vita Lodi”, il Presidente della Provincia di Lodi, il Sindaco di Lodi, il Questore di Lodi, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Comandante della Sezione di Polizia Stradale di Lodi.

Il Direttore Generale ASST, Massimo Lombardo, di recente designazione nel prestigioso incarico, sottolinea l’importante, inedita novità rappresentata dal documento in parola e l’enorme soddisfazione derivata dall’onore di poterlo sottoscrivere.

L’On. Duccio Castellotti, Presidente della Fondazione Banca Popolare di Lodi, comunica di essere onorato dell’invito quale ospite dell’evento e assicura per il futuro il proprio ruolo di sostegno come artefice di continuità di un primato da mantenere, in particolar modo dal momento in cui il valore dell’iniziativa è sancito in un documento ufficiale.

Il dott. Giorgio Beretta, responsabile AAT Lodi AREU, nell’esprimere il compiacimento del dott. Alberto Zoli, Direttore Generale AREU Lombardia, sottolinea come l’odierna sottoscrizione del protocollo sia un importante inizio dell’estensione dell’iniziativa a tutto il territorio lombardo.

Il Sindaco di Lodi, Sara Casanova, interviene lodando la peculiarità e il valore che il Protocollo rappresenta e assicura l’installazione di nuovi defibrillatori sul territorio comunale.

La dott.ssa Daniela Aschieri, del Progetto Vita Piacenza, territorio nel quale già da molti anni i defibrillatori vengono utilizzati da operatori “laici”, tra cui le Forze di Polizia, considera la giornata odierna un momento “storico”, quale prima, unica circostanza che sancisce una realtà operativa che ha già permesso di triplicare la sopravvivenza di persone colpite da un attacco cardiocircolatorio, proprio attraverso l’utilizzo degli strumenti DAE.

Il Prefetto ringrazia nuovamente tutti i presenti con l’augurio che l’importanza dell’iniziativa possa continuare senza ostacoli e incrementare in modo esponenziale i già significativi risultati ottenuti.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Defibrillatori alle Forze di Polizia, un nuovo protocollo siglato in Prefettura su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/defibrillatori-alle-forze-di-polizia-un-nuovo-protocollo-siglato-in-prefettura/feed/ 0
Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti https://giornaledilodi.it/cronaca/esce-dal-lavoro-e-scompare-si-cerca-stefania-crotti/ Sat, 19 Jan 2019 09:46:18 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13070 AGGIORNAMENTO DELLE 13: Si è giunti purtroppo ad un tragico epilogo della vicenda: Stefania Crotti è stata trovato morta carbonizzata nel Bresciano. QUI LA NOTIZIA COMPLETA LEGGI ANCHE: Il corpo carbonizzato nel Bresciano è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo Da ieri pomeriggio si sono perse le tracce di Stefania Crotti, 43 anni, bergamasca. […]

Continua la lettura di Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti su Giornale di Lodi.

]]>
AGGIORNAMENTO DELLE 13: Si è giunti purtroppo ad un tragico epilogo della vicenda: Stefania Crotti è stata trovato morta carbonizzata nel Bresciano. QUI LA NOTIZIA COMPLETA

LEGGI ANCHE: Il corpo carbonizzato nel Bresciano è di Stefania Crotti, la donna scomparsa a Bergamo

Da ieri pomeriggio si sono perse le tracce di Stefania Crotti, 43 anni, bergamasca.

Si cerca Stefania Crotti

Ieri, alle 15.30, è uscita dal lavoro a Cenate Sotto e da quel momento non si sono più avuto sue notizie. Sui social c’è massima condivisione per ritrovare la 43enne scomparsa e per cui è già stata presentata una denuncia ai carabinieri.

Chiunque avesse notizie o segnalazioni può contattare le Forze dell’ordine.

Continua la lettura di Esce dal lavoro e scompare, si cerca Stefania Crotti su Giornale di Lodi.

]]>
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali https://giornaledilodi.it/politica/autonomia-della-lombardia-una-mozione-in-tutti-i-consigli-comunali/ Sat, 19 Jan 2019 06:22:28 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13058 Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo. Si lavora per l’autonomia della Lombardia “Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni […]

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Lodi.

]]>
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo.

Si lavora per l’autonomia della Lombardia

“Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni lombardi e i rispettivi Consigli comunali siano direttamente coinvolti e resi partecipi del percorso in atto per raggiungere l’obiettivo di ottenere maggiori competenze e risorse. Chiamando i Consigli comunali a votare e approvare questo documento, vogliamo dare un segnale forte al Governo e che parta direttamente dal basso,  in un momento in cui il percorso avviato con il referendum del 22 ottobre 2017 sta dando l’impressione di arenarsi. Il raggiungimento di maggiori forme di autonomia, una volta formalizzato, avrà risvolti storici per l’intero territorio e per tutti gli enti della nostra regione”.

E’ quanto ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi presentando nella mattinata di ieri, venerdì 18 gennaio 2019, a Palazzo Pirelli l’iniziativa che si propone di sollecitare e coinvolgere tutti i Comuni lombardi nell’approvazione di una mozione che chieda al Governo Conte di mantenere gli impegni presi sul tema dell’autonomia senza più ulteriori ritardi e senza tradire le richieste avanzate dalla grande maggioranza dei cittadini lombardi con il referendum del 22 ottobre 2017.

Il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi

LEGGI ANCHE  Autonomia a inizio 2019, nell’interesse di tutti | Il governatore risponde

“Lo scopo –ha aggiunto Fermi– è ovviamente quello di rafforzare anche grazie alla partecipazione, al sostegno e al coinvolgimento dei Comuni, l’azione di Regione Lombardia e del Presidente Attilio Fontana nell’ambito della trattativa con il Governo così da poter sottoscrivere davvero in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato. In questi mesi il confronto con l’Amministrazione centrale ha fatto sì che venisse redatto un documento nel quale la nostra Regione ha elencato una serie di funzioni legislative e  amministrative, con le relative risorse finanziarie”.

“In questi ultimi mesi si è parlato sempre e molto di competenze, troppo poco però delle relative risorse finanziarie –ha sottolineato infine il Presidente Fermi che, richiamandosi anche agli appelli e alle sollecitazioni del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha rinnovato l’invito “a definire quanto prima e in modo certo l’entità delle risorse spettanti alla Lombardia per fare fronte alle competenze richieste e per dare così piena attuazione ai contenuti e allo spirito del referendum”.

Una azione corale

LEGGI ANCHE Autonomia Lombardia il governatore Fontana: “Bene parole nuovo Ministro”

Oltre al Presidente Alessandro Fermi, erano presenti alla conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Pirelli numerosi Sindaci, Consiglieri regionali e Parlamentari lombardi di Forza Italia, l’Assessore regionale ai Servizi sociali del Veneto Davide Bendinelli, il Capogruppo regionale di Forza Italia Gianluca Comazzi, il Presidente della Commissione speciale Autonomia Mauro Piazza, il Vice Presidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala e l’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Mauro Piazza

“L’obiettivo principale di questa mozione -ha evidenziato il consigliere azzurro lecchese Mauro Piazza– è quello di rafforzare, dal basso, con la partecipazione e il coinvolgimento dei Comuni, il sostegno all’azione di Regione Lombardia nell’ambito della trattativa con il Governo per sottoscrivere in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato affinché la nostra Regione possa gestire direttamente le materie richieste con le relative risorse. Regione Lombardia ha fatto la sua parte ora tocca al governo Conte fare altrettanto e su questo punto nelle prossime settimane non perderemo occasione per fare pressione e sollecitare continuamente il Governo ad agire senza più ulteriori tentennamenti e ripensamenti”.

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Lodi.

]]>
Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE https://giornaledilodi.it/cronaca/diversi-malori-e-incidente-stradale-sirene-di-notte/ Sat, 19 Jan 2019 05:45:49 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13055 Diversi malori e incidente stradale: le operazioni di soccorso da parte degli operatori del 118 nella Bassa, durante la notte appena trascorsa. Cremona Notte tranquilla nel cremonese sul fronte dei soccorsi. L’unica segnalazione giunta dall’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU), riguarda un intervento a Gussola. Intorno alle 22.30 è stato soccorso un giovane di 29 anni […]

Continua la lettura di Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lodi.

]]>
Diversi malori e incidente stradale: le operazioni di soccorso da parte degli operatori del 118 nella Bassa, durante la notte appena trascorsa.

Cremona

Notte tranquilla nel cremonese sul fronte dei soccorsi. L’unica segnalazione giunta dall’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU), riguarda un intervento a Gussola. Intorno alle 22.30 è stato soccorso un giovane di 29 anni che si trovava presso un impianto sportivo di via Giuseppe Mazzini. Sul posto si sono portati gli operatori del 118 con un’ambulanza che, valutate le condizioni del 29enne, ne hanno disposto il trasferimento presso l’ospedale Oglio Po in codice verde.

LEGGI ANCHE: Aggredisce a testate e morsi i Carabinieri, arrestata

Lodi

Anche nel Lodigiano è stato effettuato un unico intervento che ha riguardato un malore. Alle 21.55 un’ambulanza della Croce Rossa di Lodi si è portata in via Giuseppe Garibaldi a Tavazzano, nei pressi della ferrovia, dove una ragazza di 31 anni aveva accusato un malore. La giovane è stata caricata sull’ambulanza e trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Lodi in codice giallo.

LEGGI ANCHE: Esce di strada con l’auto, 36enne in ospedale

Mantova

Incidente stradale alle 22 a Carbonara di Po in provincia di Mantova. Un’auto condotta da un uomo di 36 anni per cause ancora da accertare, è finita fuori strada mentre percorreva via Cesare Battisti. L’uomo è stato soccorso da un’ambulanza e trasportato all’ospedale di Pieve di Coriano in codice verde. I rilievi sono stati eseguiti da Carabinieri di Gonzaga.

Intervento per un malore invece a Viadana pochi minuti dopo le 2.30. La richiesta d’aiuto è partita da via Grazzi Soncini. Un’ambulanza della Croce Verde cittadina ha soccorso una donna e l’ha trasportata in codice giallo all’ospedale di Casalmaggiore. Allertati anche i carabinieri per cause non meglio specificate.

LEGGI ANCHE: Arrestato ricercato su mandato di cattura internazionale dell’Interpol

Continua la lettura di Diversi malori e incidente stradale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lodi.

]]>
Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna https://giornaledilodi.it/cronaca/trovato-nel-bresciano-il-corpo-carbonizzato-di-una-donna/ Fri, 18 Jan 2019 20:53:04 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13051   Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa. Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un […]

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Lodi.

]]>

 

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa.

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna

Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un ciclista di passaggio ha allertato i Carabinieri dopo aver notato la presenza di un corpo carbonizzato abbandonato nell’erba. Corpo che risulta essere irriconoscibile ma dal busto e dal bacino risulta essere quello di una donna.

A riportare la notizia sono i nostri colleghi di BresciaSettegiorni.it. Le indagini sono in corso e intanto la Procura di Brescia ha confermato potrebbe trattarsi di omicidio.

“Riteniamo si tratti di omicidio”, ha confermato la Procura di Brescia che sta ora vagliando tutte le denunce di scomparsa.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI E GUARDA GLI ALTRI VIDEO SU BRESCIASETTEGIORNI.IT

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Lodi.

]]>
Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO https://giornaledilodi.it/politica/vittorio-poma-upl-la-riforma-delrio-e-stata-una-scelta-scellerata-video/ Fri, 18 Jan 2019 17:05:21 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13048 Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione. Vittorio Poma, Upl “Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. […]

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>

Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione.

Vittorio Poma, Upl

“Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. Non ha usato mezzi termini il presidente dell’Upl in occasione dell’incontro che si è tenuto oggi, venerdì 18 gennaio nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek insieme ad Anci Lombardia, per descrivere lo scenario generato dalla riforma Delrio. “La situazione che stanno vivendo numerosi amministratori provinciali è davvero drammatica – ha proseguito – E i presidenti delle province possono davvero a buon titolo essere definiti come dei capitani coraggiosi, o come degli irresponsabili”. E poi ha continuato l’affondo. “Questo per colpa di una legislazione scellerata, di riforme come la Delrio ma anche come tante altre leggi di accompagnamento. Mi vien da dire che tutte quelle scelte avevano un solo obiettivo: togliere risorse alle province”.

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>
Una grande novità per i vostri cuccioli https://giornaledilodi.it/casa/una-grande-novita-per-i-vostri-cuccioli/ Fri, 18 Jan 2019 16:25:33 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13044 Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni. Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti. Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra […]

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Lodi.

]]>
Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni.

Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti.

Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Marche.
Questi i nuovi sette punti vendita che verranno inaugurati contemporaneamente sabato 19 gennaio da Arcaplanet, l’insegna leader nel pet care in Italia che conta oltre 300 negozi.

Una lunga giornata di festa non stop, dedicata ai padroni e ai pet, in ognuna delle sette città in diversi punti d’Italia: Dalmine (BG), Castegnato e Lonato del Garda in provincia di Brescia, Cuneo, Villesse (GO), Montemurlo (PO) e Ascoli Piceno.

Si tratta di un’operazione curiosa e straordinaria che nel mondo della grande distribuzione specializzata rappresenta un unicum e porta la firma di Arcaplanet ormai da 3 anni. L’insegna infatti ha già proposto nei due anni precedenti multi inaugurazioni diffuse sul territorio italiano: nel 2017 erano stati 17 mentre l’anno scorso 9 i nuovi store inaugurati con successo contemporaneamente.

Quest’anno ad accompagnare l’iniziativa oltre al dispiegamento di forze del team di vendita, tutte le nuove risorse affiancate da quelle più esperte, è prevista una massiccia campagna pubblicitaria multicanale che comprende televisione (in tutte le reti nazionali con spot on air dal 17 al 26 gennaio), stampa (i principali quotidiani territoriali delle città coinvolte), programmatic digitale e palinsesto social, guerriglia marketing (con zaini luminosi, leafleting, palloni mongolfiere brandizzate) oltre alle affissioni in città.

L’operazione prevede oltre 4.400 i mq di superficie di vendita in più per l’insegna, 32 nuove risorse impiegate e ulteriori 14 casse.

Si tratta di grandi negozi di varie superfici (dai 350 agli 890 mq) che vantano spazi adatti per ospitare i servizi di ultima generazione dell’insegna: Pet Wash per la toelettatura dei pet, aree Agility e aree lavanderie per l’igiene e la pulizia degli accessori dell’amico peloso.

Tutti gli store sono riforniti con assortimenti completi per il food e il non food per gli animali da compagnia grazie a oltre 10.000 referenze in vendita in ciascuno, tra accessori e alimenti per cani, gatti, piccoli animali, roditori, pesci, anfibi e uccelli, un’ampia selezione trasversale di prodotti esclusivi e specializzati, dietetici e veterinari, di alimentazione biologica e vegetariana, cibo secco e umido, accessori dai tappetini igienici per cani alle lettiere per gatto, dai giochi ai guinzagli, ai “trasportini” ecc.

Sabato ci saranno omaggi per tutti, promozioni dedicate e tutte le novità pensate per l’alimentazione e il benessere degli animali da compagnia, in casa, all’aperto e in viaggio. Per tutti sarà possibile iscriversi all’interno del circuito “ArcaCard”, il programma fedeltà che oggi annovera oltre un milione di clienti attivi e permette una serie di vantaggi di scontistica a punti e servizi personalizzati. Per coloro che si presenteranno con il proprio animale, sarà poi possibile scattare foto e riceverne subito la stampa.

La giovane (poco più di vent’anni) e dinamica azienda ha visto in questi ultimi due anni una forte crescita dimensionale sia di punti vendita che di fatturato e di addetti, attraverso lo sviluppo e la continua innovazione di un layout del tutto simile a un supermercato dedicato solamente ai pet e agli ambienti da essi frequentati, con spazi moderni, personale competente e preparato e un grandissimo assortimento specializzato per tutti i tipi di animali domestici.

Arcaplanet è la catena italiana leader nella distribuzione di prodotti per animali domestici. In oltre vent’anni dalla sua costituzione, il Gruppo è cresciuto notevolmente espandendosi oltreconfine con 2 punti vendita in Svizzera e conta oggi dopo l’acquisizione di Fortesan, oltre 300 punti vendita diretti in 17 regioni italiane, una piattaforma di vendita online e oltre 1.500 dipendenti. Attualmente, il Gruppo conta oltre un milione di clienti attivi, rispondendo alle esigenze di tutti gli animali domestici, attraverso un’offerta innovativa di prodotti e servizi, inclusi i marchi privati Start, Expecial, Next, HiFish e Virtus. I punti vendita del Gruppo sono caratterizzati da molteplici format e dimensioni, da un minimo di 150 mq fino agli oltre 1.000 mq dei formati Large. Nel giugno 2016, i Fondi Permira hanno acquistato la maggioranza del capitale della società, divenendo l’azionista di riferimento.

INDIRIZZI NUOVI STORE

LOMBARDIA
DALMINE – Via Provinciale 37. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00 dom 9.30-13.00 e 15.00-19.30
CASTEGNATO (BS) – Via Rita Levi Montalcini, 104. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00
LONATO DEL GARDA (BS) – Via Battaglie. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00

PIEMONTE
CUNEO: Via Margarita C/o CC Auchan. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.30

FRIULI VENEZIA GIULIA
VILLESSE (GO): Località Maranuz, 2 C/o CC Tiare Shopping. Orario di apertura: lun – ven 9.30-20.00; sab e dom 9.30-21.00

TOSCANA
MONTEMURLO (PO). Via Livorno, 51 C/o CC Coop. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.30, dom chiuso.

MARCHE
ASCOLI PICENO. Via Piceno Aprutina, 98. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00; dom 9.00-13.00 e 15.00-20.00.

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Lodi.

]]>
Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO https://giornaledilodi.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/ https://giornaledilodi.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/#respond Fri, 18 Jan 2019 16:24:31 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13035 Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde. Anci Lombardia e Upl Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare […]

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>

Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde.

Anci Lombardia e Upl

Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare le linee guida di quanto fatto finora. L’incontro avvenuto oggi, venerdì 18 gennaio, nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek nella sede di Merate tra Anci Lombardia e Upl – Unione delle Province lombarde – è stata un’opportunità per cononoscere da vicino il ruolo delle due istituzioni e mostrare le potenzialità offerte dal nostro Gruppo nell’ambito dell’editoria, sia cartacea che digital.

Le delegazioni presenti

In rappresentanza di Anci Lombardia c’erano il presidente Virginio Brivio, il segretario generale Rinaldo Redaelli, il vice segretario Egidio Longoni, il presidente del dipartimento Anci e assessore di Monza, Pierfranco Maffè, il presidente del dipartimento Anci e sindaco di Cologno Monzese, Dania PeregoOnelia Rivolta e Pietro Maria Sekules per AnciLab, Lauro Sangaletti responsabile relazioni esterne Anci, Laura Bello e Giorgio Oldrini dell’Ufficio comunicazione. Per Upl, invece, c’erano il presidente Vittorio Poma, il responsabile della segreteria Dario Rigamonti, il presidente della Provincia di Lecco, Claudio Usuelli e Stefano Donarinidell’Ufficio comunicazione. Ospiti il sindaco di Monza, Dario AlleviMarco Scaramellini sindaco di Sondrio e Vincenzo Magistrelli, primo cittadino di Pogliano Milanese.

La visita alla sede

Prima di entrare nel vivo della tavola rotonda che ha visto come protagonisti il presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, il presidente di Upl, Vittorio Poma, i cui interventi sono stati mediati dal responsabile dell’area Monza del Gruppo Netweek, Maurizio Colombo e dal collega Stefano Giudici, responsabile del nostro settimanale “Settegiorni”, tutti i presenti hanno visitato gli spazi della sede di Merate. Poi il gruppo si è diretto nell’auditorium per iniziare il confronto sui temi all’ordine del giorno.

Virginio Brivio, Anci Lombardia

“Anci è un po’ un sindacato dei Comuni, una vera e propria Casa dei Comuni – ha introdotto Brivio – Ma non solo di quelli più grandi. Funzioniamo come un supporto in tutte le occasioni in cui, per esempio, bisogna attuare provvedimenti attuativi. Siamo degli interlocutori, in altre parole, tra Comuni, Governo nazionale e regionale”. Un ente in grado di “fare servizi” per i Comuni, quindi, anche gestionali, grazie alla collaborazione con la società AnciLab. “Oltre a quelle che sono le nostre prerogative – ha continuato – stiamo pensando a una terza via. Vogliamo investire sui progetti. Partiamo, come sindaci, dai problemi di tutti i giorni per dare delle risposte ai cittadini. In questo quadro è importante registrare il ruolo crescente degli amministratori di condominio, che si stanno gradualmente imponendo come interlocutori tra le istituzioni e i cittadini. Perché per ottenere risultati serve il contributo di tutti”.

Tutti gli approfondimenti sulla visita, le fotografie e le interviste ai protagonisti sui settimanali del gruppo Netweek in edicola da lunedì.

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/feed/ 0
Razza, Piloni vuole cancellare la parola dai referti delle ASST https://giornaledilodi.it/politica/razza-piloni-vuole-cancellare-la-parola-dai-referti-delle-asst/ https://giornaledilodi.it/politica/razza-piloni-vuole-cancellare-la-parola-dai-referti-delle-asst/#respond Fri, 18 Jan 2019 15:56:57 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13032 Razza, una parola che non piace al consigliere regionale del Pd Matteo Piloni. E’ sua la proposta di cancellarla dai referti medici delle ASST Lombarde. “Razza deve scomparire dai referti medici” Una segnalazione e poco dopo un’altra: un referto medico di un’ASST lombarda riporta tra i dati del paziente, insieme alla data di nascita, sesso, […]

Continua la lettura di Razza, Piloni vuole cancellare la parola dai referti delle ASST su Giornale di Lodi.

]]>
Razza, una parola che non piace al consigliere regionale del Pd Matteo Piloni. E’ sua la proposta di cancellarla dai referti medici delle ASST Lombarde.

“Razza deve scomparire dai referti medici”

Una segnalazione e poco dopo un’altra: un referto medico di un’ASST lombarda riporta tra i dati del paziente, insieme alla data di nascita, sesso, altezza, peso e, ovviamente, nome e cognome, anche la dicitura “razza”. Il campo, in quei casi, non era stato compilato, ma la questione non è per questo meno rilevante e il Consigliere regionale del Pd Matteo Piloni, destinatario delle segnalazioni, ha deciso di scrivere all’assessore al welfare Giulio Gallera insieme ai colleghi del gruppo democratico: sui referti medici delle ASST della Regione la parola “razza” non deve più comparire. I referti in questione erano relativi a dei test sulla funzionalità respiratoria e delle prove da sforzo e il problema si era verificato anche in altre Regioni, tra cui il Veneto e la Toscana, che sono corse ai ripari già da tempo. In Lombardia, prima della denuncia del Pd, evidentemente nessuno in Regione se ne sarebbe accorto.

“C’è solo la razza umana”

“La lettura della parola razza mi ha fatto sobbalzare – ha commentato il consigliere cremasco – Com’è possibile che nessuno si sia accorto di questa cosa? Ricordo ancora le scuse, reiterate, del presidente Attilio Fontana quando fu scoperto a parlare di razza bianca, in campagna elettorale, ai microfoni di Radio Padania. Sono certo che le sue scuse fossero sincere, ma a maggior ragione non vogliamo più vedere in Regione Lombardia, peraltro su un documento medico, e quindi scientifico, l’uso di una parola che tanto male ha fatto e che, lo dice la scienza, non ha alcun significato scientifico: di razza ce n’è una ed è quella umana, e a dirlo sono i genetisti. La Regione deve correre ai ripari e modificare quei moduli una volta per tutte.”

Continua la lettura di Razza, Piloni vuole cancellare la parola dai referti delle ASST su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/politica/razza-piloni-vuole-cancellare-la-parola-dai-referti-delle-asst/feed/ 0
Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO https://giornaledilodi.it/economia/maturita-2019-le-novita-le-materie-e-la-data-video/ Fri, 18 Jan 2019 15:28:43 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13029   Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”. Più discipline Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una […]

Continua la lettura di Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>

 

Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”.

Più discipline

Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una novità possibile in base al decreto legislativo 62 del 2017 che ha riformato l’Esame.

Materie

In particolare, ci saranno Latino e Greco per il Liceo classico, Matematica e Fisica allo Scientifico, Scienze umane e Diritto ed Economia politica per il Liceo delle Scienze umane – opzione economico sociale, Discipline turistiche e aziendali e Inglese per l’Istituto tecnico per il turismo, Informatica e Sistemi e reti per l’Istituto tecnico indirizzo informatica, Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’Istituto professionale per i servizi di enogastronomia. Questi alcuni esempi. L’elenco completo delle discipline oggetto della prova è disponibile da oggi sul sito del Ministero.

CLICCA QUI per scoprire le materie.

In largo anticipo

“Comunichiamo le materie con largo anticipo – sottolinea il Ministro nel video di annuncio pubblicato su Facebook, rivolgendosi agli studenti -. Come sapete da quest’anno ci sono delle novità. Per questo da ottobre abbiamo cominciato a fornire tutte le informazioni utili per le prove a voi e ai vostri docenti. Per sostenervi nella vostra preparazione organizzeremo delle simulazioni della prima e della seconda prova. Si svolgeranno nei mesi di febbraio, marzo e aprile”, ha annunciato Bussetti.

Calendario simulazioni

Le simulazioni nazionali si terranno secondo il seguente calendario:

Prima prova scritta: 19 febbraio e 26 marzo.
Seconda prova scritta: 28 febbraio e 2 aprile.

È la prima volta che il MIUR organizza simulazioni di questo tipo. La volontà è quella di sostenere il più possibile ragazzi e docenti nella preparazione del nuovo Esame. Con un’apposita circolare saranno fornite alle scuole tutte le indicazioni operative. Intanto il Ministero ha già pubblicato, nel mese di dicembre, alcuni esempi di traccia, sia per la prima che per le seconde prove. Per illustrare a studenti e docenti le nuove regole sono stati effettuati anche specifici incontri sul territorio. Lo stesso Ministro Bussetti si è confrontato con oltre 300 studenti a Milano. Nuovi momenti di incontro saranno organizzati con i ragazzi a febbraio e marzo.

Prova orale

Il decreto con le materie pubblicato oggi illustra anche le modalità di svolgimento del colloquio orale che sarà, come sempre, pluridisciplinare. La commissione partirà proponendo agli studenti di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi che saranno lo spunto per sviluppare il colloquio. I materiali di partenza saranno predisposti dalle stesse commissioni, nei giorni che precedono l’orale, tenendo conto del percorso didattico effettivamente svolto dagli studenti descritto nel documento che i Consigli di classe consegneranno come ogni anno in vista degli Esami. Il giorno della prova, per garantire la massima trasparenza e pari opportunità ai candidati, saranno gli stessi studenti a sorteggiare i materiali sulla base dei quali sarà condotto il colloquio. Durante l’orale i candidati esporranno anche le esperienze di alternanza scuola-lavoro svolte. Una parte del colloquio riguarderà, poi, le attività fatte nell’ambito di “Cittadinanza e costituzione”, sempre tenendo conto delle indicazioni fornite dal Consiglio di classe sui percorsi effettivamente svolti.

Sia la prima che la seconda prova scritta, da quest’anno, saranno corrette secondo griglie nazionali di valutazione che sono state diffuse nel mese di novembre. Nel decreto con le materie pubblicato oggi sono individuate anche le discipline affidate a commissari esterni.

Continua la lettura di Maturità 2019: le novità, le materie e la data VIDEO su Giornale di Lodi.

]]>
Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati https://giornaledilodi.it/politica/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati/ https://giornaledilodi.it/politica/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati/#respond Fri, 18 Jan 2019 14:43:20 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13026 E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati. La sentenza Il Tribunale di Milano ha condannato in primo grado 52 dei 57 ex assessori ed ex consiglieri regionali accusati di peculato. Fra i condannati anche volti molto noti […]

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati su Giornale di Lodi.

]]>
E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati.

La sentenza

Il Tribunale di Milano ha condannato in primo grado 52 dei 57 ex assessori ed ex consiglieri regionali accusati di peculato. Fra i condannati anche volti molto noti della politica come Renzo Bossi, per lui il giudice ha disposto una pena di 2 anni e 6 mesi, e Nicole Minetti, 1 anno e 8 mesi, stessa condanna inflitta a Massimiliano Romeo, ex assessore a Monza e attuale capogruppo della Lega in Senato (la pena è sospesa ed è stata decisa la non menzione).

Le pene sono andate da un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi.

Assolti o prescritti 5 ex consiglieri: Davide Boni (prescrizione per l’accusa di truffa) e assolti Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari, Massimo Ponzoni.

Rimborsopoli

Lo scandalo delle spese pazze in Regione era scoppiato nel 2012; secondo i pm gli ex assessori e gli  ex consiglieri regionali avrebbero speso illecitamente 3 milioni di euro, facendoli figurare come spese di rappresentanza e chiedendo, e ottenendo, il relativo rimborso spese. Nelle spese contestate ad alcuni imputati c’erano gratta e vinci e fuochi d’artificio.

Rifiutata l’istanza di rinvio

Uno degli avvocati della difesa aveva chiesto al giudice Gaetano la Rocca l’istanza di rinvio per via di una norma in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che avrebbe consentito di derubricare il reato passando dal peculato a quello di indebita percezione di erogazioni o fondi pubblici, meno grave.

La richiesta non è stata valutata proprio perché la legge ancora non è valida.

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/politica/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati/feed/ 0
Aler Pavia-Lodi: Matteo Papagni nuovo direttore generale, ecco chi è https://giornaledilodi.it/attualita/aler-pavia-lodi-matteo-papagni-nuovo-direttore-generale-ecco-chi-e/ https://giornaledilodi.it/attualita/aler-pavia-lodi-matteo-papagni-nuovo-direttore-generale-ecco-chi-e/#respond Fri, 18 Jan 2019 14:16:35 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13024 Il presidente Dott. Jacopo Vignati ha nominato con decorrenza 17.01.2019, l’Avv. Matteo Papagni, già Dirigente dell’Area Legale dell’Ente in qualità di Direttore Generale dell’ Aler di Pavia-Lodi. Il nuovo direttore generale Il Dirigente ha maturato diverse esperienze professionali nel settore, ed ha ricoperto il ruolo di Responsabile della UOG di Monza Brianza ( Aler Varese-Como-Monza […]

Continua la lettura di Aler Pavia-Lodi: Matteo Papagni nuovo direttore generale, ecco chi è su Giornale di Lodi.

]]>
Il presidente Dott. Jacopo Vignati ha nominato con decorrenza 17.01.2019, l’Avv. Matteo Papagni, già Dirigente dell’Area Legale dell’Ente in qualità di Direttore Generale dell’ Aler di Pavia-Lodi.

Il nuovo direttore generale

Il Dirigente ha maturato diverse esperienze professionali nel settore, ed ha ricoperto il ruolo di Responsabile della UOG di Monza Brianza ( Aler Varese-Como-Monza Brianza–Busto Arsizio ) coordinando la sperimentazione della riforma dei Servizi Abitativi Pubblici.

Noto nel territorio lodigiano

La scelta fatta ha riflessi strategici ed economici, in quanto l’Avv. Papagni, conosciuto nel territorio lodigiano, permette di creare una importante sinergia con il territorio pavese, rappresentato dal Presidente; inoltre, trattandosi di un Dirigente in organico che verrà collocato in aspettativa non retribuita, vengono contenuti i costi del personale dirigenziale, risparmiando risorse utili a migliorare il servizio all’utenza.

LEGGI ANCHE: Aler Pavia-Lodi, soldi in arrivo dalla Regione

Continua la lettura di Aler Pavia-Lodi: Matteo Papagni nuovo direttore generale, ecco chi è su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/aler-pavia-lodi-matteo-papagni-nuovo-direttore-generale-ecco-chi-e/feed/ 0
Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO https://giornaledilodi.it/attualita/gli-esperti-confermano-la-prossima-settimana-nevica-e-non-sara-una-spolverata-previsioni-meteo/ Fri, 18 Jan 2019 12:02:00 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13021 Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla. Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, […]

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO su Giornale di Lodi.

]]>
Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla.

Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica

Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, per fare il punto su quello che accadrà nei prossimi giorni in Lombardia.

“Cerchiamo sempre di essere cauti – ci ha spiegato Flavio Galbiati, del Cnetro Epson Meteo – ma per settimana prossima si conferma effettivamente l’arrivo di una perturbazione che porterà neve anche in Pianura al NordNon sarà una spolverata, ma qualcosa di più consistente“.

“I primi effetti li stiamo già sentendo in queste ore, in cui tutti noi abbiamo avvertito un repentino abbassamento delle temperature” – ci ha detto Galbiati.

La situazione andrà via via peggiorando nei prossimi giorni, fino a mercoledì, quando le precipitazioni a carattere nevoso coinvolgeranno gran parte della Lombardia.

Dall’inizio dell’inverno 70% di piogge in meno

“Una situazione più chiara, anche per parlare di eventuali centimetri di neve, si potrà avere non prima di lunedì – ha voluto precisare Galbiati. “Quel che è certo è che i dati statistici del Centro Epson Meteo ci raccontano che la prima parte dell’inverno è stata caratterizzata da temperature sopra la media di un grado e da un 70% in meno di precipitazioni“.

Al posto della pioggia, al Nord, hanno fatto capolino per diversi giorni i venti di “Foehn”. Aria secca, spesso tiepida, che ha sicuramente aiutato a spazzare via l’inquinamento ma non ha favorito la salute, in particolare dei bambini.

Una fine di gennaio movimentata

“Concludendo possiamo affermare che dopo un inizio 2019 mite e anomalo, la fine di gennaio sarà decisamente più movimentata e caratterizzata da un freddo più intenso e pungente” – ha concluso Galbiati.

Sempre sulle previsioni in queste ore abbiamo sentito anche l’esperto lecchese Christian Brambilla che ci ha riferito che:

“Prevedere neve con cinque giorni d’anticipo non ha alcun senso. Parlare addirittura di centimetri ancora meno. Al minimo domenica mattina sarà possibile avere un’idea più chiara di ciò che accadrà giovedì 24 gennaio, non prima”.

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” PREVISIONI METEO su Giornale di Lodi.

]]>
Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa https://giornaledilodi.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/ https://giornaledilodi.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/#respond Fri, 18 Jan 2019 09:10:49 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13015 E’ stato siglato  il rinnovo del contratto aziendale di gruppo tra Fim Fiom Uilm e Abb, che in Italia conta più di 5.000 dipendenti, oltre la metà in Lombardia (Sesto San Giovanni, Vittuone, Tremezzina, Garbagnate Monastero, Bergamo, Dalmine, Lodi). “Si è chiusa una  trattativa che durava da più un anno – fa sapere la Cisl Monza Brianza […]

Continua la lettura di Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa su Giornale di Lodi.

]]>
E’ stato siglato  il rinnovo del contratto aziendale di gruppo tra Fim Fiom Uilm e Abb, che in Italia conta più di 5.000 dipendenti, oltre la metà in Lombardia (Sesto San Giovanni, Vittuone, Tremezzina, Garbagnate Monastero, Bergamo, Dalmine, Lodi). “Si è chiusa una  trattativa che durava da più un anno – fa sapere la Cisl Monza Brianza Lecco –  Il rinnovo è giunto dopo una riorganizzazione interna che ha impegnato le parti negli anni passati. Anni che saranno coperti da 224 euro di una tantum erogati sotto forma di welfare”.

Abb: siglato il contratto

L’Abb è una multinazionale svizzera che occupa oltre 100mila dipendenti a livello mondiale. È uno dei colossi dell’industria di componenti elettrici. Produce motori, interruttori, armadi elettrici, trasformatori, ecc. Recentemente è diventata famosa anche per la sponsorizzazione della Formula E, la Formula Uno delle auto elettriche.

«Prosegue positivamente la stagione dei rinnovi contrattuali – commenta Andrea Donegà, segretario generale della Fim Cisl Lombardia e coordinatore nazionale Fim del gruppo Abb-. Siamo soddisfatti per l’incremento salariale raggiunto che verrà spinto ulteriormente, con una quota aggiuntiva, per chi sceglierà, liberamente, di convertire una parte o la totalità del premio in welfare. Va inoltre sottolineata l’importanza di aver costruito uno spazio di confronto per monitorare e gestire i cambiamenti che Industria 4.0 sta già producendo, per consentirci anche di condividere percorsi formativi che sviluppino le competenze dei lavoratori e rafforzino la loro professionalità».

L’accordo

La nuova intesa, che scadrà nel 2021, porterà a regime un aumento di 620 euro e la possibilità di convertire il premio in welfare ricevendo un contributo ulteriore pari al 15% della cifra convertita. In aggiunta alla parte economica ci saranno ulteriori 170 euro, erogati con le modalità dei flexible benefit previsti dal contratto nazionale, che verranno consolidati anche per il futuro. Per sottolineare l’importanza del welfare viene aumentato a 200 € annui il contributo aggiuntivo per gli aderenti al fondo previdenziale Cometa e si è concordato il pacchetto aggiuntivo di Metasalute.

“Per quanto riguarda il sistema di orari e flessibilità sono previste importanti indennità economiche e riposi compensativi. Particolare attenzione è stata dedicata alla formazione con la costituzione di una commissione che potrà valutare, proporre e condividere interventi formativi che saranno certificati. La stessa commissione dovrà monitorare l’impatto che le trasformazioni di Industria 4.0 stanno producendo all’interno di Abb, in particolare per quanto riguarda le ricadute sulla professionalità dei lavoratori, sul loro coinvolgimento, sull’organizzazione del lavoro e sulla costruzione di un’efficace e adeguata formazione continua che dovrà, sempre più, essere coerente con le traiettorie di sviluppo dell’impresa in modo da migliorare le competenze dei lavoratori e stimolare la competitività dell’impresa stessa, con l’obiettivo di produrre benefici per tutti”.

Il ruolo delle Rsu

Con la partecipazione delle Rsu, verrà effettuata la mappatura delle competenze e professionalità presenti all’interno delle singole unità produttive in modo da rendere più efficace la programmazione delle attività formative e renderle coerenti con il fabbisogno aziendale e con le modifiche e novità introdotte dall’innovazione tecnologica. Importante anche il potenziamento delle misure a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori come, a esempio, i break formativi effettuati nei reparti e il coinvolgimento degli Rls (rappresentanti dei lavoratori per al sicurezza) nella rilevazione dei «quasi infortuni», fondamentale per rafforzare l’azione di prevenzione. Infine, verranno regolamentate anche le ferie solidali.

«L’accordo è certamente positivo – conclude Pier Angelo Arnaboldi Fim Cisl Mbl – anche perché arriva dopo un lungo periodo di vacanza contrattuale e una trattativa veramente dura che è iniziata nel novembre 2017 per terminare oggi. Un’intesa che offre buone condizioni economiche, di welfare e che guarda al futuro».

LEGGI ANCHE: Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/feed/ 0
773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua https://giornaledilodi.it/attualita/773-milioni-di-e-mail-violate-controlla-se-ce-anche-la-tua/ Fri, 18 Jan 2019 09:53:48 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13018 La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato […]

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Lodi.

]]>
La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato e i vostri dati non sono più al sicuro.

773 milioni di mail violate

Ultimo allarme a livello mondiale è accaduto pochi giorni fa: un archivio di 87GB contenente 773 milioni di indirizzi e-mail e 22 milioni di password è stato condiviso pubblicamente su Mega, un sito di file hosting. Un vero disastro per la privacy che potrebbe coinvolgere ciascun utente di internet.

Scoprire se l’indirizzo e-mail è stato violato

Per scoprire se il proprio indirizzo di posta elettronica è tra quelli violate è semplice bisogna visitare il sito https://haveibeenpwned.com/ e inserire l’indirizzo interessato. Se comparirà una schermata verde il vostro indirizzo email sarà al sicuro, mentre se lo sfondo sarà rosso significa che l’indirizzo e-mail è presente in qualche database. In questo caso la soluzione migliore è quella di cambiare la password con una più sicura, facendovi aiutare sa un password manager o selezionandone una sufficientemente complessa.

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Lodi.

]]>
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni https://giornaledilodi.it/attualita/lotta-allevasione-fiscale-il-disimpegno-dei-comuni/ Fri, 18 Jan 2019 07:04:48 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13012 Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia. Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in […]

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Lodi.

]]>
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia.

Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati

Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in Lombardia sono stati recuperati quasi 5 milioni di euro, per la precisione 4.949 milioni con una diminuzione di circa 256mila euro rispetto al 2016, quindi il 4,9% in meno. Il dato emerge da un’elaborazione dei dati del Ministero dell’Interno, a cura del Servizio politiche territoriali della Uil.

Risale a una norma del 2010, la possibilità per i Comuni italiani di compartecipare al contrasto all’evasione fiscale e ai quali viene riconosciuto il 100% di quanto recuperato dei tributi nazionali (Irpef, Iva, Ires, ecc…). Milano è la Città Metropolitana italiana che nel 2017 ha avuto il risultato migliore a livello nazionale con 1 milione e 309 mila euro circa recuperati; dato però in calo rispetto al 2016 di 439 mila euro. Sempre restando nei Comuni della Città Metropolitana di Milano, spicca il risultato ottenuto dal Comune di Baranzate che ha recuperato 271 mila euro.

Così nelle città  capoluogo di provincia

In Lombardia, sono stati 101 i Comuni (il 6.6%) ad aver attivato accertamenti per il contrasto all’evasione fiscale. Per quanto riguarda le città capoluogo di provincia, questa è la situazione del 2017: Bergamo 505.448 euro (+ 127 mila euro rispetto al 2016), Brescia 96.616 euro ( – 24.386), Como 1.992 euro ( – 413 euro), Cremona 108.073 euro ( + 56.308 euro), Lodi 100 euro ( – 250 euro), Mantova 8.947 euro ( – 9.142 euro), Milano 1.308.977 euro ( – 439.089 euro), Monza 0 ( – 44.774 euro), Pavia 6.670 euro (+ 2399 euro), Sondrio 0 ( – 725 euro), Varese 0 (0).

Questa invece la situazione nelle singole province nel 2017:

Bergamo 25 Comuni su 242 (il 10.6%), 4 in meno rispetto al 2016, hanno attivato le procedure per un totale di 1.286.322 euro recuperati (+ 78% rispetto al 2016)

Brescia 29 Comuni su 205 (14.1%), 1 in più rispetto al 2016, per un totale di 862.957 euro recuperati (- 27.3%)

Como 5 Comuni su 151 (3.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 15.027 euro ( + 117.5%)

Cremona 5 Comuni su 115 (4.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 160.568 euro (- 11.5%)

Lecco 1 Comune su 88 (1.1%), 3 in meno del 2016, recuperati 286 euro (- 85.6%)

Lodi 1 Comune su 61 (1.6%), uguale a 2016, recuperati 100 euro (- 71.4%)

Monza Brianza 3 Comuni su 55 (5.5%), 3 in meno del 2016, recuperati 36.117 euro ( – 66.2%)

Milano 18 Comuni su 134 (13.4%), 3 in meno del 2016, recuperati 2.462.011 euro ( – 10%)

Mantova 4 Comuni su 68 (5.9%), 4 in meno del 2016, recuperati 63.687 euro ( – 57.9%)

Pavia 6 Comuni su 188 (3.2%), 2 in più del 2016, recuperati 61.489 euro, (- 45.7%)

Sondrio 0 Comuni, 4 in meno del 2016, recuperato 0

Varese 4 Comuni su 139 (2.9%), 1 in più del 2016, recuperati 932 euro (+ 286.7%)

“La situazione in Lombardia è a macchia di leopardo, anche se si nota purtroppo, rispetto agli anni scorsi, una costante diminuzione del numero dei Comuni che compartecipano al contrasto all’evasione fiscale e di conseguenza diminuiscono le cifre recuperate – commenta Danilo Margaritella, segretario generale della Uil Milano Lombardia – la situazione è deludente, a parte qualche eccezione, perché i Comuni potrebbero fare molto nella lotta all’evasione fiscale e con i proventi diminuire ad esempio le tasse locali e ampliare i servizi ai cittadini, ma anche per una questione di equità e giustizia sociale. Certo non aiuta il condono che il Governo vuole varare e che vanificherebbe di fatto tutti gli sforzi di questi anni, anche dei Comuni, contro l’evasione e l’elusione fiscale”.

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Lodi.

]]>
Esce di strada con l’auto, 36enne in ospedale SIRENE DI NOTTE https://giornaledilodi.it/cronaca/esce-di-strada-con-lauto-36enne-in-ospedale-sirene-di-notte/ https://giornaledilodi.it/cronaca/esce-di-strada-con-lauto-36enne-in-ospedale-sirene-di-notte/#respond Fri, 18 Jan 2019 06:46:21 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13009 Esce di strada con l’auto: un uomo di 36 anni è stato soccorso e trasportato in ospedale. E’ successo a Cavenago d’Adda intorno alle 20.30 di ieri sera. Esce di strada con l’auto Un uomo di 36 anni si è reso protagonista di un incidente stradale a Cavenago d’Adda. Erano esattamente le 20.23 di ieri […]

Continua la lettura di Esce di strada con l’auto, 36enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lodi.

]]>
Esce di strada con l’auto: un uomo di 36 anni è stato soccorso e trasportato in ospedale. E’ successo a Cavenago d’Adda intorno alle 20.30 di ieri sera.

Esce di strada con l’auto

Un uomo di 36 anni si è reso protagonista di un incidente stradale a Cavenago d’Adda. Erano esattamente le 20.23 di ieri sera e, per cause ancora da accertare, mentre percorreva con la sua auto la strada Provinciale 9 , la via “Emilia” ha perso il controllo del mezzo che è uscito di strada. Immediata la chiamata ai soccorsi, sul posto in codice rosso, si sono portate un’ambulanza e un’automedica. Il 36enne è stata trasportato in codice giallo presso il pronto soccorso dell’ospedale di Lodi. Le sue condizioni sono giudicate mediamente critiche. Rilievi a cura dei carabinieri di Lodi.

LEGGI ANCHE: Sassi dal cavalcavia, torna l’incubo nella Bassa

Fuori strada a Sant’Angelo Lodigiano

Incidente fotocopia quasi un’ora dopo a Sant’Angelo Lodigiano lungo la Strada Provinciale 19. Questa volta ad uscire di strada è stata una donna di 60 anni, soccorsa dagli operatori del 118 e trasportata in ambulanza all’ospedale di Pavia in codice giallo. Anche per lei condizioni di media criticità. Presenti sul luogo del sinistro anche i Vigili del Fuoco e la compagnia dei Carabinieri di Lodi.

LEGGI ANCHE: Lele Mora picchiato e rapinato di 40mila euro al campo rom nella periferia milanese

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Esce di strada con l’auto, 36enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/esce-di-strada-con-lauto-36enne-in-ospedale-sirene-di-notte/feed/ 0
Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo https://giornaledilodi.it/motori/nuova-mini-60-years-edition/ Thu, 17 Jan 2019 23:07:53 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13006 Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare […]

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Lodi.

]]>
Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare questo anniversario, Mini presenta un modello dal design caratteristico, che ne evidenzia sia le origini britanniche che il dinamismo.

Nuova Mini 60 Years Edition

Con dettagli di design ed equipaggiamento esclusivi e di alta qualità, la Mini 60 Years Edition diventa ambasciatrice dello spirito sportivo del brand. Una peculiarità che non viene mai a mancare, nemmeno nel traffico cittadino. L’edizione speciale sarà disponibile a partire da marzo 2019 per i modelli Mini 3 Porte e Mini 5 Porte, ciascuno con quattro motorizzazioni. La sportività è parte integrante del DNA Mini. Ancora prima del lancio della Mini classica nell’estate del 1959, apparve chiaro che le caratteristiche di design della nuova auto non solo ne avrebbero caratterizzato gli interni, ma definito anche una modalità di guida dinamica e agile.

Il background sportivo del marchio

La Mini 60 Years Edition rievoca il background sportivo del marchio, grazie anche alla livrea del classico colore delle vetture da corsa britanniche. La livrea della British Racing Green IV ne testimonia invece il carattere e le origini. Sono disponibili come alternative anche le finiture Midnight Black, Moonwalk Grey, e Melting Silver metallizzate e Mini Yours Lapisluxury Blue non metallizzato. Il colore scelto è poi abbinato a una finitura in Pepper White o Black per il tetto e le calotte degli specchietti esterni. Completano il look distintivo le Bonnet Stripes dedicate all’anniversario e i cerchi in lega leggera da 17 pollici esclusivi nella versione 60 Years Spoke a 2 toni.

Il logo “60 Years”

Il logo “60 Years” è posizionato non solo sulla fascia del cofano a sinistra, ma anche sui portellini laterali degli indicatori di direzione e sui battitacco del guidatore e del passeggero anteriore. All’interno, il logo è presente anche nelle finiture specifiche del modello, sui poggiatesta anteriori e sul volante. Il design creato per celebrare l’anniversario è utilizzato anche nella proiezione del logo a LED, visibile quando viene aperta la portiera del guidatore. L’equipaggiamento di serie include un volante sportivo in pelle e sedili con finitura in pelle Mini Yours Leather Lounge 60 Years, nell’esclusivo Dark Maroon.

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Lodi.

]]>
Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit https://giornaledilodi.it/motori/concept-nissan-ims-salone-detroit/ Thu, 17 Jan 2019 22:58:11 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13003 Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. […]

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Lodi.

]]>
Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. L’identità 100% elettrica è il tratto distintivo dell’auto e la batteria, collocata sotto la scocca, determina una maggiore altezza dell’abitacolo. Interni spaziosi grazie ad un passo maggiorato e una configurazione “2+1+2” dei posti a sedere. Sedili anteriori orientabili e una fila posteriore modulare, con divanetto a tre posti che si può trasformare in un comodo “Premier Seat” centrale, abbattendo i due sedili laterali che si trasformano in ampi braccioli.

Un design nel segno della Nissan Intelligent Mobility

Il design esterno e interno di IMs è frutto delle innovative tecnologie di guida elettrica e autonoma sviluppate dalla Nissan Intelligent Mobility, la roadmap strategica che definisce il modo in cui i veicoli vengono guidati, alimentati e integrati nella società. IMs è un esercizio di dualismo e contrasto. In modalità di guida autonoma consente al guidatore di procedere senza dover toccare alcun comando, mentre in modalità manuale offre tutte le emozioni e le prestazioni sportive che solo un veicolo elettrico di categoria superiore può offrire. IMs dispone inoltre delle tecnologie più avanzate in termini di sicurezza e sistemi virtuali di connettività. Il tutto inserito in un contesto che rende omaggio al design giapponese, sospeso tra modernità e tradizione.

Concept Nissan IMs, il futuro è qui

Icona della Nissan Intelligent Mobility, IMs ne rappresenta a pieno i tre pilatri (Intelligent Driving, Intelligent Power, Intelligent Integration). E prosegue il percorso verso la creazione di una società mobile sostenibile fondata su veicoli elettrici, guida autonoma e connettività. La vettura è mossa da due motori elettrici, uno anteriore e uno posteriore, alimentati da una batteria da 115 kWh a ricarica rapida che eroga 489 CV (360 kW) di potenza e 800 Nm (590 lb-ft) di coppia, capace di competere con le berline sportive attualmente in commercio. Con un’autonomia stimata di 622 km con una sola carica, IMs garantisce percorrenze al pari di vetture mosse da motori a benzina. Il propulsore adotta un sistema a trazione integrale ad alte prestazioni. Questo offre una distribuzione ottimale dei pesi fra anteriore e posteriore, per una spinta eccezionale e un’ottima tenuta di strada.

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Lodi.

]]>
Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? https://giornaledilodi.it/casa/mulching-o-taglio-tradizionale/ Thu, 17 Jan 2019 22:44:35 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=13000 Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del […]

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Lodi.

]]>
Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del rasaerba, non richiede la raccolta eliminando l’incombenza del conferimento in discarica, ma è anche vero che, per ottenere risultati ottimali, occorre effettuare tagli con maggior frequenza rispetto a quelli tradizionali.

Mulching o taglio tradizionale?

Quindi, in primo luogo occorre chiedersi: «Ma io quante volte sono disposto a tagliare il prato nel tempo libero?». Si sappia che, scegliendo un rasaerba a mulching, si dovrà provvedere all’operazione nei periodi di forte crescita come la primavera almeno un paio di volte a settimana. Viceversa, una macchina a raccolta tradizionale richiede meno impegno. Sempre per orientare la clientela alle scelte migliori, è bene sottolineare che, secondo alcuni studi, è meno costoso del taglio tradizionale.

E il rasaerba tradizionale?

Detto questo, esistono ancora dei buoni motivi per acquistare oggi un rasaerba tradizionale? La risposta è affermativa. In primo luogo si sappia che il taglio a raccolta permette di mantenere il prato più pulito eliminando, per esempio, anche l’accumulo di pollini di graminacee spesso causa di allergie. Inoltre, gli scarti verdi potranno essere riutilizzati per la produzione di biogas e compost. E per la formazione del feltro? Le conclusioni in merito alla formazione di feltro sul suolo dicono che mulching non ha colpe. Il feltro, infatti, si forma solo in seguito a una cattiva organizzazione dei tagli e non per causa dell’erba polverizzata.

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Lodi.

]]>
Impianto anti-intrusione con e senza fili https://giornaledilodi.it/casa/impianto-anti-intrusione-con-e-senza-fili/ Thu, 17 Jan 2019 22:37:56 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12997 Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema […]

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Lodi.

]]>
Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema entrerebbe subito in azione facendo squillare la sirena. Lo svantaggio più pesante degli impianti con cavo è quello dei costi. Servono opere murarie, infatti, per collegare alla sirena i diversi sensori.

Impianto anti-intrusione: radio

L’impianto radio è senz’altro meno costoso di quello a cavo. I diversi elementi che lo compongono comunicano tra loro attraverso un segnale che sfrutta le onde elettromagnetiche. L’alimentazione dei dispositivi è assicurata da batterie a lunga durata: l’allarme resterà dunque attivo anche qualora mancasse la corrente. Le interferenze radio, purtroppo, talvolta possono impedire al sistema di funzionare. A ogni modo, oggi q è una tecnologia ormai evoluta: i malfunzionamenti, pertanto, sono sempre più rari.

Impianto anti-intrusione: misto e integrato

Ecco poi l’impianto misto che prevede una parte di sistema con cablaggio e un’altra con collegamento radio. Centrale d’allarme e sirene sono collegati all’alimentazione, mentre i sensori sono collegati via radio. Si tratta di un sistema molto utilizzato laddove si amplia un sistema di impianto anti-intrusione già esistente. Infine un cenno all’impianto integrato: è il metodo più completo per difendere la casa. Abbina protezione attiva e passiva proteggendo anche dai ladri più evoluti. Nell’impianto integrato la serratura della porta blindata è collegata alla centralina. In caso di scasso scatta la sirena.

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Lodi.

]]>
Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! https://giornaledilodi.it/cucina/cocktail-da-leggenda-messico/ Thu, 17 Jan 2019 22:22:17 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12994 Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci […]

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Lodi.

]]>
Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci sia una leggenda. Si racconta che nella zona di Campeche, località sul golfo del Messico, un giovane di origini Maya avesse problemi a conquistare una ragazza, figlia di un potente dignitario.

Quando il cocktail è da leggenda

Disperato cercò di risolvere il suo problema affidandosi all’esperienza di un valente sacerdote. Questi preparò un filtro propiziatore dell’amicizia da offrire agli irriducibili genitori della ragazza. Questi, entusiasti, dopo aver bevuto il filtro concessero al ragazzo la mano della loro figlia. La ragazza si chiamava Cochtil: ecco spiegata, secondo la leggenda l’etimologia della parola cocktail. Come ogni leggenda, anche questa avrebbe un fondo di verità: secondo le narrazioni di marinai inglesi, infatti, nella regione di Campeche, gli antichi Maya si attiravano il favore degli dei offrendo loro delle misture nate dalla miscelazione di bevande alcoliche e mescolate con l’ausilio di un lungo cucchiaio, denominato “coda di gallo” nome che, tradotto in inglese, suona proprio così: «Cocktail».

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Lodi.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? https://giornaledilodi.it/cucina/nutrizionista-dietologo-dietista/ Thu, 17 Jan 2019 22:11:08 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12991 Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure […]

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Lodi.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure professionali di ciascun settore.

Nutrizionista, dietologo o dietista?

Il nutrizionista è un biologo regolarmente iscritto all’albo, specializzato in nutrizione umana che può stilare diete per soggetti senza patologie, ma non può effettuare diagnosi o prescrivere farmaci. Il suo compito principale è quello di educare a un’alimentazione sana e programmare menù per asili, scuole, ristoranti, mense. Esperto di educazione e informazione alimentare, è in grado di analizzare i bisogni degli individui per calcolare una dieta corretta in base alle attività svolte. Per diventarlo occorre la laurea in Scienze biologiche o in Farmacia; in più è consigliata una specializzazione in Scienza dell’alimentazione.

Il nutrizionista in Italia

In Italia un titolo ancora oggetto di discussione. Attualmente esso è associato al laureato che può svolgere la professione. In Italia si distinguono tre principali categorie professionali che si occupano di alimentazione: dietologo, dietista o nutrizionista a seconda dell’albo professionale cui sono iscritti e al luogo di lavoro in cui svolgono le loro mansioni.

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Lodi.

]]>
Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione https://giornaledilodi.it/salute/massaggio-olistico-olii-profumi/ Thu, 17 Jan 2019 22:01:56 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12988 Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta […]

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Lodi.

]]>
Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta sotto e gli sfoghi cutanei più gravi ne sono testimonianza.
Spesso, infatti, basta sfiorare la pelle in superficie per «sentire» fastidio in profondità o prurito altrove. Non è suggestione, ma quello che gli esperti di tecniche olistiche sfruttano a scopo terapeutico. Insomma, toccando una persona è possibile stabilire un contatto con la sua mente e comunicare per intero con il suo corpo.

Che cos’è il massaggio olistico

Cosa si intende però per olismo? L’olismo in medicina rappresenta uno stato di salute «globale», l’unione di mente, corpo, ambiente e società. La ricerca della salute è orientata alla persona e non alla malattia, alla causa e non al sintomo, al riequilibrio invece che alla cura, stimolando il naturale processo di auto-guarigione. Per massaggio olistico si intende un massaggio delicato finalizzato a portare sollievo e stimolare il naturale processo riequilibrante dei «meridiani energetici», i noti canali della medicina orientale. Su cosa si lavora dunque? Soprattutto sullo stress emotivo e sulla tensione muscolare, con particolare attenzione al rapporto tra mente e corpo. Vediamo alcuni dei concetti già universalmente riconosciuti: nelle spalle e nel torace si accumula la rabbia, mentre nei reni e nelle parti basse si cela la paura.

Come si effettua?

Ma come si effettua il massaggio olistico? L’approccio del massaggiatore è personalizzato. Di norma, si parte con un trattamento generalizzato su tutto il corpo. Successivamente si sciolgono le tensioni, utilizzando delle specifiche manovre servendosi anche di alcuni olii. A volte viene usata l’argilla. Da tempi immemorabili, poi, le piante utili per la salute dell’uomo usano il codice invisibile del profumo. Molti sostengono che il profumo e gli effluvi floreali abbiano potere curativo: l’aromaterapia nasce in Francia nel 1998, a Gravèson en Provence, un piccolo paese situato presso Avignone. Chiunque sia stato in quelle zone sa che la specialità sono le fragranze meravigliose, gli aromi naturali emessi dai diffusori presenti anche in musei olfattivi e della profumazione. La tradizione della profumeria e la cura con gli oli essenziali provenienti da piante aromatiche caratterizza profondamente la Provenza in particolare e un po’ tutto il sud della Francia da secoli.

E poi c’è l’aromacologia

C’è poi la branca forse più curiosa e intrigante, ovvero l’aromacologia: è un termine ispirato alla riscoperta delle conoscenze aromatiche delle più antiche civiltà. Alcuni importanti ricercatori scientifici di Francia, Italia e Giappone hanno proposto di studiare gli effetti a livello psichico dell’uso olfattivo degli oli essenziali. Non si tratta di un tentativo campato per aria: ci sono studi neurofisiologici delle diverse essenze, capaci di sollecitare aree cerebrali e produrre sostanze ormonali. D’altronde è assodato che certi profumi (quello del thé ad esempio) rilassano mentre altri (la benzina) possono eccitare ed atri ancora (il bruciato) allarmano. Al di là di tutto nel massaggio aroma-terapico si utilizza una combinazione di olii vegetali e di olii essenziali puri e naturali. L’utilizzo di oli vegetali di base agevola la manualità nel massaggio facilitando la penetrazione degli oli essenziali e quindi la loro efficacia. Di sicuro, un’esperienza da provare!

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Lodi.

]]>
Fibre e cereali, i benefici per la salute https://giornaledilodi.it/salute/fibre-e-cereali-i-benefici-per-la-salute/ Thu, 17 Jan 2019 21:55:23 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12985 Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che […]

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Lodi.

]]>
Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che donne. Nell’età considerata più critica per i cambiamenti morfologici del proprio corpo ovvero la fascia 40-65 anni.

Fibre e cereali

Ebbene, tenuti sotto controllo alimentare (somministrazione di stessi pasti in identiche quantità) i «pazienti» nutriti con cereali integrali consumavano 100 calorie al giorno in più rispetto agli altri. La ragione medica è tecnicamente «l’aumento del metabolismo a riposo». In sostanza, mangiando riso, orzo e avena con continuità il corpo dei 40-65enni brucia più energia anche quando non è in movimento o non fa attività fisica.

Un vero… «toccasana»

Un vero… «toccasana» per i pigri che si guardano la pancia pensando a come smaltire? Dipende, perché i medici raccomandano comunque di associare questa dieta a base di cereali integrali con movimento e tonicità. Uniti a un alto consumo di acqua naturale (sempre consigliati i canonici due litri al giorno). Fra l’altro, stando alle dichiarazioni dei pazienti studiati durante la sperimentazione, pare che la fame e il senso di pienezza non subiscano differenze sensibili tra questo tipo di dieta e uno tradizionale. Le calorie in eccesso perse erano più o meno equivalenti a quelle di una camminata di trenta minuti a passo medio. Niente male!

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Lodi.

]]>
Sassi dal cavalcavia: torna l’incubo nella Bassa https://giornaledilodi.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-torna-lincubo-nella-bassa/ https://giornaledilodi.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-torna-lincubo-nella-bassa/#respond Thu, 17 Jan 2019 15:02:20 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12981 Due episodi negli ultimi due mesi: prima nel Pavese, a novembre; ieri nel Mantovano. Sassi dal cavalcavia Nella giornata di ieri, 16 gennaio 2019, una Mercedes con una donna alla guida è stata centrata da un sasso, nell’Alto Mantovano; a darne notizia i colleghi del GiornalediMantova.it. Il sasso ha colpito il fanale della vettura, la […]

Continua la lettura di Sassi dal cavalcavia: torna l’incubo nella Bassa su Giornale di Lodi.

]]>
Due episodi negli ultimi due mesi: prima nel Pavese, a novembre; ieri nel Mantovano.

Sassi dal cavalcavia

Nella giornata di ieri, 16 gennaio 2019, una Mercedes con una donna alla guida è stata centrata da un sasso, nell’Alto Mantovano; a darne notizia i colleghi del GiornalediMantova.it. Il sasso ha colpito il fanale della vettura, la donna è riuscita a tenere il controllo della vettura nonostante lo spavento e il botto improvviso. Ha successivamente accostato e chiamato i familiari: la pietra è stata rinvenuta nel cofano. I carabinieri di Guidizzolo indagheranno sulla vicenda.

Episodio analogo

Nella serata di sabato 24 novembre 2018, un sasso dal cavalcavia aveva colpito un’auto che stava viaggiando sull’autostrada A21 Torino-Piacenza, nel tratto compreso tra i caselli di Casteggio e Broni-Stradella. Fortunatamente ne sono usciti illesi i due occupanti della vettura, una coppia di Bressana Bottarone, anche se lo spavento per loro è stato davvero grande. I due, a bordo della vettura, stavano percorrendo l’autostrada quando all’altezza di un cavalcavia nella zona di Redavalle hanno sentito un rumore fortissimo provenire dal tetto della vettura.

LEGGI ANCHE: Sasso lanciato da cavalcavia sull’A21 sfonda tettuccio d’auto

Continua la lettura di Sassi dal cavalcavia: torna l’incubo nella Bassa su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/sassi-dal-cavalcavia-torna-lincubo-nella-bassa/feed/ 0
Lele Mora picchiato e rapinato di 40mila euro al campo rom nella periferia milanese https://giornaledilodi.it/cronaca/lele-mora-picchiato-e-rapinato-di-40mila-euro-al-campo-rom-nella-periferia-milanese/ Thu, 17 Jan 2019 11:35:58 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12978 La notizia la riporta oggi il Corriere, il fatto è avvenuto lo scorso maggio. Lele Mora si è recato al campo nomadi nel quartiere Chiesa Rossa, stretta periferia di Milano, per comprare delle bottiglie di pregiato champagne. Con 40mila euro in tasca Secondo quanto riportato dai nostri colleghi del GiornaledeiNavigli.it , Mora aveva 40mila euro in tasca, consegnati […]

Continua la lettura di Lele Mora picchiato e rapinato di 40mila euro al campo rom nella periferia milanese su Giornale di Lodi.

]]>
La notizia la riporta oggi il Corriere, il fatto è avvenuto lo scorso maggio. Lele Mora si è recato al campo nomadi nel quartiere Chiesa Rossa, stretta periferia di Milano, per comprare delle bottiglie di pregiato champagne.

Con 40mila euro in tasca

Secondo quanto riportato dai nostri colleghi del GiornaledeiNavigli.it , Mora aveva 40mila euro in tasca, consegnati da un pregiudicato che gli aveva commissionato l’affare. Ma una volta arrivati nel punto dell’incontro per lo scambio tra soldi e bottiglie, ecco la rapina: con un’aggressione a calci e pugni, gli abitanti del campo rom hanno strappato via il denaro al 63enne e a un amico che lo aveva accompagnato.

Le richieste per riavere il denaro

Il committente ha poi iniziato poi a tormentare Lele Mora per riavere la somma di denaro versata e alla fine è stato denunciato denunciato per estorsione ai danni dell’ex agente dei vip (già condannato a sei anni e un mese per evasione fiscale, bancarotta, favoreggiamento della prostituzione).

LEGGI DI PIU’ SU GIORNALEDEINAVIGLI.IT

Mora recentemente anche in Brianza

Agente dei vip che proprio recentemente è stato anche in Brianza, ospite all’inaugurazione di un nuovo negozio in centro, e aveva parlato per la prima volta del nuovo giornale da lui diretto. CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO 

Continua la lettura di Lele Mora picchiato e rapinato di 40mila euro al campo rom nella periferia milanese su Giornale di Lodi.

]]>
Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… https://giornaledilodi.it/attualita/chiara-ferragni-5700-euro-per-un-caffe-con-lei-ma-prima-di-giudicare/ Thu, 17 Jan 2019 10:04:28 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12975 Chiara Ferragni: un caffé con lei costa oltre 5mila euro, ma prima di far partire la macchina del fango va chiarito che fine faranno i soldi. Chiara Ferragni: quanto guadagna l’influencer cremonese Chiara Ferragni e il caffè Nuove polemiche sull’influencer e imprenditrice digitale più famosa del mondo e di origine cremonese? Si spera che stavolta, […]

Continua la lettura di Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… su Giornale di Lodi.

]]>
Chiara Ferragni: un caffé con lei costa oltre 5mila euro, ma prima di far partire la macchina del fango va chiarito che fine faranno i soldi.

Chiara Ferragni: quanto guadagna l’influencer cremonese

Chiara Ferragni e il caffè

Nuove polemiche sull’influencer e imprenditrice digitale più famosa del mondo e di origine cremonese? Si spera che stavolta, i numerosi “criticoni”, abbiano subito chiaro lo scopo dell’evento. Un fan della bionda lombarda ha speso ben 5.700 euro per prendere un caffè con lei.

Chiara Ferragni allibita: Fedez digerisce rumorosamente durante la sua diretta

Charity Stars

Si tratta di un’iniziativa creata dal sito Charity Stars e il ricavato, come deciso dalla Ferragni stessa, sarà devoluto a White Mathilda, un’associazione che gestisce diversi sportelli antiviolenza e che collabora con le istituzioni e gli enti locali nel tentativo di vincere la battaglia contro le violenze di genere e aiutare le donne vittime di maltrattamenti, discriminazioni e bullismo.

LEGGI ANCHE: Il docufilm della Ferragni, toccasana per la Bassa e la Lombardia

Il vincitore

Pare che per questo caffè siano arrivate oltre 100 offerte, il vincitore incontrerà Chiara durante la fashion week e avrà modo di fare una chiacchierata con lei.

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni, l’inquietante profezia di Aranzulla

Continua la lettura di Chiara Ferragni: 5700 euro per un caffé con lei, ma prima di giudicare… su Giornale di Lodi.

]]>
Scoperta casa dormitorio abitata da “fantasmi” a Codogno https://giornaledilodi.it/cronaca/scoperta-casa-dormitorio-abitata-da-fantasmi-a-codogno/ https://giornaledilodi.it/cronaca/scoperta-casa-dormitorio-abitata-da-fantasmi-a-codogno/#respond Thu, 17 Jan 2019 09:02:53 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12969 Blitz di carabinieri e polizia locale in un’abitazione di Codogno, in via Cabrini. Scoperta casa dormitorio Una corte apparentemente normalissima, quella in via Santa Francesca Cabrini a Cologno. Al suo interno, in uno degli appartamenti, carabinieri e polizia hanno scoperto una sorta di dormitorio. L’abitazione trasformata in un luogo in cui accogliere chi arrivava o […]

Continua la lettura di Scoperta casa dormitorio abitata da “fantasmi” a Codogno su Giornale di Lodi.

]]>
Blitz di carabinieri e polizia locale in un’abitazione di Codogno, in via Cabrini.

Scoperta casa dormitorio

Una corte apparentemente normalissima, quella in via Santa Francesca Cabrini a Cologno. Al suo interno, in uno degli appartamenti, carabinieri e polizia hanno scoperto una sorta di dormitorio. L’abitazione trasformata in un luogo in cui accogliere chi arrivava o sarebbe o arrivato. Materassi a terra adibiti a giacigli.

Fantasmi

Le persone che vi vivono sono come fantasmi per anagrafe e uffici comunali. Soltanto uno di loro era regolare sul territorio italiano. I locali erano in condizioni fatiscenti a livello igienico sanitario e di abitabilità. L’ufficio tecnico del Comune che potrebbe anche emettere, nei prossimi giorni, un’ordinanza di chiusura dell’alloggio.

Accertamenti sulle dichiarazioni di ospitalità obbligatoria

Accertamenti anche sugli atti relativi alla dichiarazione di ospitalità obbligatoria, potrebbero scattare infatti pesanti sanzioni. Le indagini proseguono, soprattutto per stabilire di chi fosse la proprietà della casa, fino a poco tempo fa in vendita all’asta.

LEGGI ANCHE: Aria irrespirabile a Lodi e Passerini corre ai ripari

Continua la lettura di Scoperta casa dormitorio abitata da “fantasmi” a Codogno su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/scoperta-casa-dormitorio-abitata-da-fantasmi-a-codogno/feed/ 0
Aria irrespirabile e smog, Lodi ne esce male: Passerini corre ai ripari https://giornaledilodi.it/attualita/aria-irrespirabile-e-smog-lodi-ne-esce-male-passerini-corre-ai-ripari/ https://giornaledilodi.it/attualita/aria-irrespirabile-e-smog-lodi-ne-esce-male-passerini-corre-ai-ripari/#respond Thu, 17 Jan 2019 08:46:51 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12967 Lodi sarebbe infatti fra le città più inquinate secondo il rapporto di Legambiente. Aria irrespirabile per 164 giorni Il report realizzato da Legambiente analizzando i dati del 2017 pone l’accento sulla gravissima situazione che attanaglia la Pianura Padana. Nel 2017 in ben 39 capoluoghi di provincia italiani è stato superato, almeno in una stazione ufficiale […]

Continua la lettura di Aria irrespirabile e smog, Lodi ne esce male: Passerini corre ai ripari su Giornale di Lodi.

]]>
Lodi sarebbe infatti fra le città più inquinate secondo il rapporto di Legambiente.

Aria irrespirabile per 164 giorni

Il report realizzato da Legambiente analizzando i dati del 2017 pone l’accento sulla gravissima situazione che attanaglia la Pianura Padana. Nel 2017 in ben 39 capoluoghi di provincia italiani è stato superato, almeno in una stazione ufficiale di monitoraggio di tipo urbano, il limite annuale di 35 giorni per le polveri sottili con una media giornaliera superiore a 50 microgrammi/metro cubo. Le prime posizioni della classifica sono tutte appannaggio delle città del nord, a causa delle condizioni climatiche che hanno riacutizzato l’emergenza nelle città dell’area del bacino padano. Lodi figura fra le cittadine in emergenza da maglia nera.

Intervento di Passerini

Il presidente della Provincia Francesco Passerini ha chiesto la collaborazione dei sindaci per creare un tavolo permanente in grado di coordinare iniziative e affrontare questioni come il blocco del traffico, oltre a promuovere una verifica delle centraline per il monitoraggio dello smog.

LEGGI ANCHE: Festa di San Bassiano: tutti gli eventi in città

Continua la lettura di Aria irrespirabile e smog, Lodi ne esce male: Passerini corre ai ripari su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/aria-irrespirabile-e-smog-lodi-ne-esce-male-passerini-corre-ai-ripari/feed/ 0
Ovetti Kinder: bufera sulla sorpresa “razzista” https://giornaledilodi.it/attualita/ovetti-kinder-bufera-sulla-sorpresa-razzista/ Thu, 17 Jan 2019 06:43:19 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12972 Ovetti Kinder: bufera sulla sorpresa “razzista”. E’ un pupazzetto che ricorderebbe due cose molto particolari secondo gli accusatori. L’azienda si è scusata. Ovetti Kinder Chi non ha mai mangiato un uovo Kinder e giocato con relativa sorpresa alzi la mano. Ed è stata proprio una delle tante sorprese che si possono trovare al loro interno […]

Continua la lettura di Ovetti Kinder: bufera sulla sorpresa “razzista” su Giornale di Lodi.

]]>
Ovetti Kinder: bufera sulla sorpresa “razzista”. E’ un pupazzetto che ricorderebbe due cose molto particolari secondo gli accusatori. L’azienda si è scusata.

Ovetti Kinder

Chi non ha mai mangiato un uovo Kinder e giocato con relativa sorpresa alzi la mano. Ed è stata proprio una delle tante sorprese che si possono trovare al loro interno ad aver scatenato una polemica senza precedenti.

Il pupazzo incriminato

Osservatelo bene. Questo pupazzetto, secondo segnalazioni provenienti da tutto il mondo,  sventolerebbe la tripla K: questa potrebbe essere interpretata come l’abbreviazione del Ku Klux Klan, la violenta organizzazione di suprematisti bianchi che ha contraddistinto l’ultimo secolo e mezzo della storia americana. E non solo: sulla testa il ciuffo biondo potrebbe ricordare quello dell’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

La difesa della Ferrero

La storica azienda, ha dovuto pertanto diramare un comunicato:

«Nel disegno iniziale, il giochino aveva un solo palloncino con la lettera K. Gli altri due sono stati aggiunti per rendere la struttura complessiva più robusta e stabile, dal momento che la sicurezza e la qualità dei nostri prodotti sono molto importanti. Non volevamo assolutamente fare alcun riferimento al Ku Klux Klan e ci scusiamo davvero con chi si è sentito offeso.
Il pupazzetto in questione era in edizione limitata in quanto prodotto in occasione del cinquantesimo anniversario di Kinder, abbiamo già interrotto la produzione e tramite il servizio clienti è possibile cambiare quelli già trovati negli ovetti con altri giochini a scelta».

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Ovetti Kinder: bufera sulla sorpresa “razzista” su Giornale di Lodi.

]]>
Biglietto unico ATM anche per Lodi e Pavia: a che punto siamo? https://giornaledilodi.it/politica/biglietto-unico-integrato-per-lodigiano-e-pavese-a-che-punto-siamo/ https://giornaledilodi.it/politica/biglietto-unico-integrato-per-lodigiano-e-pavese-a-che-punto-siamo/#respond Wed, 16 Jan 2019 17:01:44 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12960 Si tratta di un nuovo sistema tariffario che si rifà al modello londinese in cui non si pagherebbe più in base al numero di mezzi che si cambiano, bensì in base alla tratta chilometrica percorsa. Ciò permetterebbe ai pendolari di viaggiare con un unico biglietto: le aree interessate alla rivoluzione “integrata” sono Milano, Monza, Pavia […]

Continua la lettura di Biglietto unico ATM anche per Lodi e Pavia: a che punto siamo? su Giornale di Lodi.

]]>
Si tratta di un nuovo sistema tariffario che si rifà al modello londinese in cui non si pagherebbe più in base al numero di mezzi che si cambiano, bensì in base alla tratta chilometrica percorsa. Ciò permetterebbe ai pendolari di viaggiare con un unico biglietto: le aree interessate alla rivoluzione “integrata” sono Milano, Monza, Pavia e Lodi. Per chi viaggia fra le quattro province si pagherebbe in base alla distanza percorsa, indipendente dal numero di mezzi usati. Oggi, in Regione, si è discusso proprio della fattibilità del progetto.

Biglietto unico ATM, stop dalla Regione alle nuove tariffe

“Sono pronti a sacrificare perfino i diritti dei cittadini a una mobilità equa ed efficiente, pur di tenere fede ad accordi sottobanco e a interessi di partito. La maggioranza di Regione Lombardia, infatti, ha appena ritirato un emendamento al bilancio sulla tariffazione del biglietto unico integrato, per non scontentare Forza Italia e Movimento Cinque Stelle. Una rivoluzione attesa da anni dai cittadini metropolitani che adesso sono traditi dagli stessi responsabili di un autentico disastro sul tema dei trasporti, in Regione Lombardia con Trenord e a Roma con Atac. L’ennesimo schiaffo ai pendolari, mentre Milano Metropolitana e i sindaci del Pd da anni e faticosamente si battono per fare i loro interessi e riconoscere loro il diritto a una mobilità più equa. Nonostante i ricatti per noi il biglietto unico resta una priorità”.

Ha così commentato la segretaria metropolitana dem Silvia Roggiani, in merito al ritiro dell’emendamento sulla tariffazione integrata presentato e poi ritirato dalla Giunta regionale nella discussione sul bilancio. Slitta così la possibilità di uniformare la tariffa del trasporto pubblico, prevista per marzo 2019. Un progetto che avrebbe aumentato il biglietto cittadino a 2 euro, ma diminuito le tariffe dell’hinterland.

Tariffazione integrata

Pronta la risposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi al termine dell’incontro cui ha partecipato con il presidente Attilio Fontana, con il sindaco Giuseppe Sala e l’assessore Marco Granelli. 

“E’ un obiettivo – ha spiegato– al quale stiamo lavorando con i nostri tecnici. Non è né semplice né immediato far dialogare sistemi complessi e molto diversi fra loro. E i tempi previsti dalle norme regionali sono più lunghi di quelli richiesti dal Comune. Stiamo cercando di capire tecnicamente come potere realizzare la tariffazione integrata, non solo sulla carta ma dal punto di vista pratico – ha concluso Terzi – perché questa è la volontà comune, ma servono ancora approfondimenti tecnici. Sono tante le ipotesi sul tavolo e stiamo cercando quella fattibile. Milano, sicuramente, farà da apripista per tutte le altre agenzie del Tpl”.

 

Continua la lettura di Biglietto unico ATM anche per Lodi e Pavia: a che punto siamo? su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/politica/biglietto-unico-integrato-per-lodigiano-e-pavese-a-che-punto-siamo/feed/ 0
Nuvoloni neri incombono in cielo PREVISIONI METEO https://giornaledilodi.it/attualita/nuvoloni-neri-incombono-in-cielo-previsioni-meteo/ Wed, 16 Jan 2019 16:38:44 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12961 Nuvoloni neri incombono in cielo. Al di là dello spettacolo, forse davvero questa volta le precipitazioni tanto annunciate e da molti sperate stanno arrivando. E c’è chi assicura che la prossima settimana farà capolino anche qualche fiocco di neve. Per ora però limitiamoci ai prossimi giorni. Ecco quindi nel dettaglio le previsioni meteo per la Lombardia […]

Continua la lettura di Nuvoloni neri incombono in cielo PREVISIONI METEO su Giornale di Lodi.

]]>
Nuvoloni neri incombono in cielo. Al di là dello spettacolo, forse davvero questa volta le precipitazioni tanto annunciate e da molti sperate stanno arrivando. E c’è chi assicura che la prossima settimana farà capolino anche qualche fiocco di neve. Per ora però limitiamoci ai prossimi giorni. Ecco quindi nel dettaglio le previsioni meteo per la Lombardia secondo Arpa.

Le previsioni meteo per domani, giovedì 17 gennaio 2019

Stato del cielo: ovunque da nuvoloso a molto nuvoloso fino a sera, quindi schiarite a partire dai settori occidentali.

Precipitazioni: deboli nella notte sulla fascia prealpina e alpina occidentale, sulla pianura centrale e alta pianura occidentale, in attenuazione nel corso della mattinata ed esaurimento; dalla tarda mattinata e nel pomeriggio in intensificazione sulla pianura centro orientale mentre andranno incontro ad attenuazione ed esaurimento sui rilievi alpini e prealpini centro occidentali. Quota neve attorno a 800-1000 metri. 

Temperature: minime in aumento, massime in lieve calo. In pianura minime tra 3 e 5°C, massime tra 5 e 7°C.

Zero termico: intorno a 1300 metri fino al pomeriggio, in calo in serata a 1000 metri.

Venti: in pianura e montagna deboli variabili.

Venerdì

Stato del cielo: in pianura fino al mattino poco nuvoloso, quindi formazione di nubi basse sulla pianura in dissolvimento nelle ore pomeridiane e transito di velature in serata; in montagna sereno fino al pomeriggio, quindi irregolarmente nuvoloso per nubi a media e bassa quota e in serata transito di velature.

Precipitazioni: deboli residuali nella notte nel mantovano, quindi in esaurimento; in serata deboli possibili sulle prealpi Varesine, con quota neve a circa 600-700 metri.

Temperature: minime in lieve calo, massime in lieve rialzo. In pianura minime attorno a -1°C, massime attorno a 9°C.

Zero termico: a circa 1000 metri, in calo dal tardo pomeriggio e in serata a circa 800 metri.

Venti: tra notte e primo mattino moderati settentrionali sulla parte occidentali della pianura, in attenuazione e in rotazione da est nel pomeriggio; in montagna moderati settentrionali al mattino sulla fascia prealpina occidentale, altrove deboli da nord al mattino, in ulteruiore attenuazione nel pomeriggio. 

Sabato

Stato del cielo: ovunque nuvoloso.

Precipitazioni: assenti o al più deboli possibili, poco probabili sulla Valchiavenna e fascia prealpina occidentale nella prima parte della giornata, su Appennino in serata. Limite neve alle quote collinari attorno a 500 metri.

Temperature: minime e massime in lieve calo.

Zero termico: in calo a circa 600 metri.

Venti: in pianura deboli orientali, in montagna deboli da nord.

Continua la lettura di Nuvoloni neri incombono in cielo PREVISIONI METEO su Giornale di Lodi.

]]>
Festa di San Bassiano 2019 a Lodi: il programma https://giornaledilodi.it/attualita/festa-di-san-bassiano-2019-a-lodi-il-programma/ https://giornaledilodi.it/attualita/festa-di-san-bassiano-2019-a-lodi-il-programma/#respond Wed, 16 Jan 2019 16:21:12 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12957 Festa di San Bassiano 2019: il programma dell’evento cittadino in omaggio al patrono cittadino. Festa di San Bassiano 2019 Ecco il programma: Ore 09.00 Arrivo delle autorità a Palazzo Broletto Ore 09.45 Formazione del corteo delle autorità sullo scalone di Palazzo Broletto, precedute dai figuranti in costume della Pro Loco e dai Vigili in alta […]

Continua la lettura di Festa di San Bassiano 2019 a Lodi: il programma su Giornale di Lodi.

]]>

Festa di San Bassiano 2019: il programma dell’evento cittadino in omaggio al patrono cittadino.

Festa di San Bassiano 2019

Ecco il programma:

Ore 09.00
Arrivo delle autorità a Palazzo Broletto

Ore 09.45
Formazione del corteo delle autorità sullo scalone di Palazzo Broletto, precedute dai figuranti in costume della Pro Loco e dai Vigili in alta uniforme, con i ceri votivi per l’omaggio al Vescovo.
Discesa nella cripta della Cattedrale

Ore 10.00
Dopo l’ingresso in cripta del Vescovo, apertura della cerimonia con il discorso del Sindaco di Lodi.
Segue l’intervento del Vescovo.
Al termine, i Vigili urbani consegnano al Vescovo i ceri.

Ore 10.30
Celebrazione della Santa Messa Pontificale nella Cattedrale, presieduta dall’Arcivescovo di Milano S.E. Rev.ssima Mons. Mario Delpini.
Al termine del Pontificale la Pro Loco di Lodi offre, come da tradizione, la trippa sotto i portici del Broletto.
Nel pomeriggio distribuzione gratuita di vin brulè da parte dell’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Lodi.

Ore 16.00
Nella Sala Rivolta del teatro alle Vigne si terrà un concerto a cura della Theresia Youth Orchestra.
Il programma prevede l’esecuzione del Quartetto per flauto e archi in Re di Giuseppe Cambini, del Quartetto per flauto e archi di Joseph Martin Kraus e del Quintetto G337 di Luigi Boccherini.

Ore 17.30
Al Teatro alle Vigne si tiene la consegna del Fanfullino d’Oro da parte della Familia Ludesana e delle Civiche Benemerenze da parte dell’Amministrazione comunale di Lodi.
Intermezzi musicali a cura dei maestri Lorenzo Meraviglia che suonerà il prezioso violino Omobono Stradivari del 1740 e Riccardo Marelli con violoncello J. Klotz del 1779.

Ore 21.00
Nella Cattedrale di Lodi si terrà il concerto “Uno Stradivari per Lodi”.
L’Accademia concertante d’Archi di Milano, diretta dal maestro Mauro Ivano Benaglia, eseguirà le Quattro Stagioni per violino e orchestra e il Gloria per soli coro e orchestra di Antonio Vivaldi.
Violino solista Lorenzo Meraviglia che suonerà l’Omobono Stradivari del 1740.
Parteciperanno il Coro da camera dell’Accademia Concertante d’Archi di Milano e il Coro Schola Cantorum Ars Nova di Cerro Maggiore.
Silvia Mapelli soprano, Romina Tomasoni contralto.

L’invito alla cittadinanza è per una partecipazione sentita e festante. In occasione della giornata di festa si rinnova inoltre l’appuntamento con l’Open Day di San Bassiano, che prevede le aperture straordinarie di sedi e luoghi della cultura secondo il programma riportato di seguito.

LEGGI ANCHE: Moschea di Casalpusterlengo deve essere smantellata

Continua la lettura di Festa di San Bassiano 2019 a Lodi: il programma su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/festa-di-san-bassiano-2019-a-lodi-il-programma/feed/ 0
Tutti pazzi (anche i politici) per 10 Years Challenge: cos’è https://giornaledilodi.it/attualita/tutti-pazzi-anche-i-politici-per-10-years-challenge-cose/ Wed, 16 Jan 2019 15:29:15 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12954 Si chiama 10 Years Challenge la moda del momento sui social: Instagram, sì, ma anche Facebook, di riflesso, e Twitter. In sostanza la “sfida” consiste nel postare un collage di due ritratti (tipicamente di se stessi) a distanza di dieci anni uno dall’altro. 10 Years Challenge: come si fa Tecnicamente, per farlo potete usare qualsiasi programma di fotoritocco, ma sono nate tempestivamente […]

Continua la lettura di Tutti pazzi (anche i politici) per 10 Years Challenge: cos’è su Giornale di Lodi.

]]>
Si chiama 10 Years Challenge la moda del momento sui social: Instagram, sì, ma anche Facebook, di riflesso, e Twitter. In sostanza la “sfida” consiste nel postare un collage di due ritratti (tipicamente di se stessi) a distanza di dieci anni uno dall’altro.

10 Years Challenge: come si fa

Tecnicamente, per farlo potete usare qualsiasi programma di fotoritocco, ma sono nate tempestivamente anche App ad hoc per agevolare la pubblicazione su Instagram. Altra condizione, abbinare naturalmente l’hashtag di rito che identifica l’iniziativa: #10yearschallenge com’era intuibile. L’importante è rispettare il lasso di tempo 2009/2019.

Come funzionano gli hashtag

Su Instagram, come noto, gli hashtag sono il fulcro di ogni ricerca. Per acquisire maggior visibilità, oltre a quello “ufficiale” già citato (#10yearschallenge), ce ne sono anche altri che possono fare al caso vostro (ricordate che potete inserirne fino a un massimo di 30): #10Year, #10yearsold, #10yearanniversary, #10yearslater, #10yearschallengephoto.

Tutti pazzi, politici compresi

Naturalmente la “sfida” è aperta a tutti, o meglio a chi vuol coglier l’occasione, senza limiti d’età o confini o… professioni. Anche molti politici, che con la comunicazione hanno per forza a che fare ogni santo giorno, hanno intercettato la palla al balzo, come nel caso dell’onorevole brianzolo Roberto Rampi. Il senatore Pd di Vimercate ha accompagnato il post con un divertente commento:

“Avrebbero molto da dirsi, oltre al fatto che cresce la barba, decrescono i capelli e migliora la messa a fuoco….”

Tutti pazzi (anche i politici) per 10 Years Challenge: cos'è
L’Instagram Story di Rampi

Continua la lettura di Tutti pazzi (anche i politici) per 10 Years Challenge: cos’è su Giornale di Lodi.

]]>
Caso Mensa, De Corato: “Casanova vittima di un ingiusto scandalo mediatico” https://giornaledilodi.it/politica/caso-mensa-de-corato-casanova-vittima-di-un-ingiusto-scandalo-mediatico/ https://giornaledilodi.it/politica/caso-mensa-de-corato-casanova-vittima-di-un-ingiusto-scandalo-mediatico/#respond Wed, 16 Jan 2019 14:33:22 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12952 L’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia Riccardo De Corato ha espresso solidarietà al Sindaco di Lodi, “ingiustamente vittima di uno scandalo mediatico”. LEGGI ANCHE: Amnesty international contro la Casanova “Giusto ricorso” “Il Comune di Lodi ha presentato ricorso alla Corte di Appello di Milano contro la sentenza del tribunale civile di […]

Continua la lettura di Caso Mensa, De Corato: “Casanova vittima di un ingiusto scandalo mediatico” su Giornale di Lodi.

]]>
L’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia Riccardo De
Corato ha espresso solidarietà al Sindaco di Lodi, “ingiustamente vittima di uno scandalo mediatico”.

LEGGI ANCHE: Amnesty international contro la Casanova

“Giusto ricorso”

“Il Comune di Lodi ha presentato ricorso alla Corte di Appello di Milano contro la sentenza del tribunale civile di Milano dello scorso 13 dicembre sul cosiddetto ‘caso mense’. Secondo il giudice di primo grado il regolamento comunale è discriminatorio nella parte in cui richiede agli extracomunitari di documentare il possesso o meno di beni immobili, mobili o redditi registrati nel Paese di provenienza”.

Ha dichiarato l’assessore.

LEGGI ANCHE: Quanto costerà il ricorso della Giunta Casanova

Testo 445

“Il ‘caso mense’ è scoppiato a seguito della volontà del Comune lombardo di applicare a chi volesse usufruire di tariffe agevolate per mensa e scuolabus la norma prevista dall’articolo 3, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n.445 del ‘Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa’. Si tratta dello stesso articolo introdotto da Regione Lombardia nel Regolamento del 4 agosto 2017 per l’assegnazione di servizi abitativi pubblici. Premesso che ritengo il Comune di Lodi essere nel giusto per quanto riguarda il difetto di giurisdizione, c’è anche un’altra questione che torna alla memoria: la stessa legge è stata applicata negli anni, ben prima del sindaco di Lodi, anche da regioni di sinistra, con l’unica differenza che intorno a loro non si è sollevato alcun polverone. La legge regionale della Toscana e dell’Emilia-Romagna prevede, infatti, che, nell’ambito dei contributi per l’affitto e l’assegnazione delle case popolari, non bisogna avere proprietà né in Italia né all’estero, norma utilizzata anche dallo stesso Comune di Firenze. Anche in queste Regioni va presentato l’ISEE e rendicontato se si hanno
proprietà all’estero per l’assegnazione degli alloggi popolari. Anche il Comune di Milano come si può leggere nel ventunesimo bando per l’assegnazione di alloggi
popolari pubblicato sul sito, richiede ai cittadini extracomunitari di documentare di non avere proprietà o altro diritto reale su alloggio all’estero tramite certificazione o
attestazione rilasciata dalle autorità del proprio paese di origine”.

LEGGI ANCHE: Moschea di Casalpusterlengo deve essere smantellata

Continua la lettura di Caso Mensa, De Corato: “Casanova vittima di un ingiusto scandalo mediatico” su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/politica/caso-mensa-de-corato-casanova-vittima-di-un-ingiusto-scandalo-mediatico/feed/ 0
Moschea di Casalpusterlengo deve essere smantellata https://giornaledilodi.it/attualita/moschea-di-casalpusterlengo-deve-essere-smantellata/ https://giornaledilodi.it/attualita/moschea-di-casalpusterlengo-deve-essere-smantellata/#respond Wed, 16 Jan 2019 14:14:40 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12949 Novanta giorni per smantellare la moschea e convertirla a servizi tecnologici. Moschea di Casalpusterlengo E’ stata pubblicata l’ordinanza che impone lo smantellamento della moschea di via Crema a Casalpusterlengo. L’associazione culturale islamica è chiamata a riconvertire la struttura a servizi tecnologici, oppure l’amministrazione comunale rientrerà in possesso dell’immobile. Piano del governo Il Piano de governo del territorio prevede infatti […]

Continua la lettura di Moschea di Casalpusterlengo deve essere smantellata su Giornale di Lodi.

]]>
Novanta giorni per smantellare la moschea e convertirla a servizi tecnologici.

Moschea di Casalpusterlengo

E’ stata pubblicata l’ordinanza che impone lo smantellamento della moschea di via Crema a Casalpusterlengo. L’associazione culturale islamica è chiamata a riconvertire la struttura a servizi tecnologici, oppure l’amministrazione comunale rientrerà in possesso dell’immobile.

Piano del governo

Il Piano de governo del territorio prevede infatti che quei locali vengano utilizzati a fini tecnologici. Una diatriba che va avanti da anni e sfociata in un processo che aveva coinvolto l’allora presidente dell’associazione islamica: il tema era sempre l’utilizzo improprio dell’immobile. La svolta arriva con la firma dell’ordinanza di ripristino dei locali che al suo interno non prevede nessun luogo di culto ma servizi tecnologici.

Ripristinare gli ambienti

C’è tempo fino alla prima metà di aprile per ripristinare tutti gli ambienti. In caso contrario il Comune potrà riappropriarsi dell’immobile.

LEGGI ANCHE: Rotonda della Faustina, le dichiarazioni della Casanova

Continua la lettura di Moschea di Casalpusterlengo deve essere smantellata su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/attualita/moschea-di-casalpusterlengo-deve-essere-smantellata/feed/ 0
Bonus famiglia 2019: da Regione Lombardia 1500 euro per sostenere la gravidanza https://giornaledilodi.it/attualita/bonus-famiglia-2019-da-regione-lombardia-1500-euro-per-sostenere-la-gravidanza/ Wed, 16 Jan 2019 10:11:34 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12945 Bonus famiglia 2019: da Regione Lombardia 1500 euro per sostenere la gravidanza. Bonus Famiglia 2019 La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore regionale alle Politiche perla famiglia, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani, ha approvato il nuovo Bonus Famiglia. Un contributo di 5.406.158 euro complessivi, sino a esaurimento delle risorse. Regione Lombardia, al fine di sostenere le famiglie […]

Continua la lettura di Bonus famiglia 2019: da Regione Lombardia 1500 euro per sostenere la gravidanza su Giornale di Lodi.

]]>
Bonus famiglia 2019: da Regione Lombardia 1500 euro per sostenere la gravidanza.

Bonus Famiglia 2019

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore regionale alle Politiche perla famiglia, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani, ha approvato il nuovo Bonus FamigliaUn contributo di 5.406.158 euro complessivi, sino a esaurimento delle risorse. Regione Lombardia, al fine di sostenere le famiglie in cui la donna è in stato di gravidanza, che si trovano sia in condizione di vulnerabilità, intesa come povertà relativa, sia in particolari condizioni di fragilità, o le famiglie che adottano un figlio riconosce un contributo economico a valere sul periodo della gestazione e di prima cura del neonato/figlio adottato. In caso di gravidanza, il contributo è pari a 1.500 euro ed è erogato in due rate, in caso di adozione il contributo è pari a 1.500 euro ed è liquidato in un’unica rata entro 60 giorni dalla validazione della domanda.
In caso di gravidanze/adozioni gemellari, il genitore riceve il contributo moltiplicato per il numero di figli.

A chi si rivolge

La misura Bonus Famiglia 2019 prevede:

– in caso di gravidanza: la definizione di un progetto personalizzato finalizzato alla gestione della situazione conseguente alla natalità. Gli elementi del progetto, compresa la sua durata, sono condivisi tra richiedente e personale del consultorio di riferimento e prevede anche il coinvolgimento dei servizi sociali dei Comuni e dei Centri aiuto alla vita

– in caso di adozione: non è previsto il progetto personalizzato.

La misura prevede, tra gli altri requisiti, quello “di non essere titolare di altre agevolazioni a valere su analoghe iniziative attivate a livello comunale o nazionale a sostegno della natalità. Si specifica che l’agevolazione Bonus Famiglia di 1.500 euro si considera alternativa alla misura Bonus Bebè prevista dalla legge di bilancio 2019 dello Stato, essendo entrambe fondate sulla previsione di un limite di reddito. Per cui, in relazione alla stessa gravidanza, non possono essere – in qualunque momento, anche disgiuntamente – chiesti sia il Bonus Famiglia attivato da Regione Lombardia che il Bonus Bebè istituito a livello nazionale.
Può invece coesistere, in capo alla stessa persona e per la stessa gravidanza, sia l’accesso all’agevolazione Bonus Famiglia che quello alla misura Bonus Mamme Domani di 800 euro.

Come presentare la domanda

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bandi online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it a partire dalle 10 di oggi, 16 gennaio 2019 e fino al 30 giugno 2019. Insieme alla domanda dovranno essere presentati:

– ISEE/DSU in corso di validità inferiore o uguale a 22mila euro con indicazione data di rilascio, numero identificativo dell’ISEE/DSU, importo valore ISEE

– il soggetto che ha rilasciato la scheda relativa al colloquio per la valutazione della vulnerabilità (Ambito/comune, CAV, Consultorio)

– la/e situazione/i di vulnerabilità

– il consultorio prescelto

– il richiedente dovrà inoltre provvedere ad allegare la seguente documentazione da caricare sul Sistema Informativo

– Scheda di avvenuto colloquio per la valutazione della condizione di vulnerabilità

–  Certificato di gravidanza

Per informazioni è possibile scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica: misurabonusfamiglia@regione.lombardia.it

Continua la lettura di Bonus famiglia 2019: da Regione Lombardia 1500 euro per sostenere la gravidanza su Giornale di Lodi.

]]>
Tre Rottweiler scappano dal canile: uomo aggredito finisce in ospedale https://giornaledilodi.it/cronaca/tre-rottweiler-scappano-dal-canile-uomo-aggredito-finisce-in-ospedale/ https://giornaledilodi.it/cronaca/tre-rottweiler-scappano-dal-canile-uomo-aggredito-finisce-in-ospedale/#respond Wed, 16 Jan 2019 09:21:28 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12939 Sono scappati da un canile di Zelo, frazione Villa Pompeiana, e hanno aggredito un uomo e il suo cane a Montanaso. Rottweiler in fuga Tre Rottweiler sono fuggiti da un canile di Villa Pompeiana e sono arrivati a Montanaso dove, lungo l’argine della Muzza, hanno aggredito un 51enne che stava facendo jogging con il proprio […]

Continua la lettura di Tre Rottweiler scappano dal canile: uomo aggredito finisce in ospedale su Giornale di Lodi.

]]>
Sono scappati da un canile di Zelo, frazione Villa Pompeiana, e hanno aggredito un uomo e il suo cane a Montanaso.

Rottweiler in fuga

Tre Rottweiler sono fuggiti da un canile di Villa Pompeiana e sono arrivati a Montanaso dove, lungo l’argine della Muzza, hanno aggredito un 51enne che stava facendo jogging con il proprio cagnolino.

Ospedale

L’uomo, fortunatamente, non è in gravi condizioni: è finito in ospedale per una morsicatura al dito. Il suo cagnolino ha dovuto ricorrere alle cure veterinarie. I cani sono stati recuperati dall’accalappiacani dell’Ats.

La fuga

Pare che gli animali siano fuggiti dal canile rompendo la recinzione, il proprietario ha immediatamente avvertito il 112. Per lui si prospetta una sanzione per “malgoverno di animali” dalla polizia locale Nord Lodigiano.

LEGGI ANCHE: Tavolo tecnico per la Rotonda della Faustina

Continua la lettura di Tre Rottweiler scappano dal canile: uomo aggredito finisce in ospedale su Giornale di Lodi.

]]>
https://giornaledilodi.it/cronaca/tre-rottweiler-scappano-dal-canile-uomo-aggredito-finisce-in-ospedale/feed/ 0
Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso, denunciati https://giornaledilodi.it/cronaca/fermati-per-un-controllo-in-auto-spuntano-attrezzi-da-scasso-denunciati/ Wed, 16 Jan 2019 09:17:42 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12940 Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso, denunciati tre giovani di etnia Rom provenienti dalle province di Pavia, Milano e Lodi. Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria hanno denunciato in stato di libertà tre giovani di etnia […]

Continua la lettura di Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso, denunciati su Giornale di Lodi.

]]>
Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso, denunciati tre giovani di etnia Rom provenienti dalle province di Pavia, Milano e Lodi.

Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria hanno denunciato in stato di libertà tre giovani di etnia Rom: B.A., B.S. e H.M., di età compresa tra i 25 e i 30 anni, provenienti dalle province di Pavia, Milano e Lodi.

Nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei delitti contro il patrimonio e contro la persona, in particolare a danno di anziani, ad Alessandria i militari hanno sottoposto a controllo, un Citroen Berlingo con i tre soggetti a bordo.

LEGGI ANCHE: Scippata a Natale, muore dopo 20 giorni di agonia

Flessibile, coltello, mazza da baseball e passamontagna

Durante la perquisizione sono stati rinvenuti vari attrezzi da scasso tra cui un flessibile, un coltello, una mazza da baseball ed un passamontagna di cui gli occupanti non hanno saputo giustificare il possesso. Tutto il materiale è stato pertanto sequestrato ed i tre giovani denunciati in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli oltre che per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere, provvedendo inoltre ad avviare nei loro confronti la procedura per l’erogazione della misure di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Alessandria.

LEGGI ANCHE: Pensionata rapinata in casa in pieno giorno

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Fermati per un controllo in auto spuntano attrezzi da scasso, denunciati su Giornale di Lodi.

]]>
Emergenza treni, pendolari al convegno Pd: “Trenord come un cancro” https://giornaledilodi.it/attualita/emergenza-treni-pendolari-al-convegno-pd-trenord-come-un-cancro/ Wed, 16 Jan 2019 06:41:48 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12935 Il Partito Democratico torna a chiedere la messa in gara del servizio per risolvere l’emergenza treni in Regione dopo il convegno tenutosi sabato a Palazzo Pirelli. Emergenza treni: “Si faccia una gara pubblica europea” “Per porre fine all’emergenza è necessaria prima di tutto riconoscerla con onestà e gestirla come tale”. Dopo il convegno organizzato dal […]

Continua la lettura di Emergenza treni, pendolari al convegno Pd: “Trenord come un cancro” su Giornale di Lodi.

]]>
Il Partito Democratico torna a chiedere la messa in gara del servizio per risolvere l’emergenza treni in Regione dopo il convegno tenutosi sabato a Palazzo Pirelli.

Emergenza treni: “Si faccia una gara pubblica europea”

“Per porre fine all’emergenza è necessaria prima di tutto riconoscerla con onestà e gestirla come tale”.

Dopo il convegno organizzato dal Pd con pendolari e aziende sabato mattina a Palazzo Pirelli per affrontare l’emergenza treni e le difficoltà del servizio ferroviario lombardo, interviene il consigliere regionale Samuele Astuti.

“La situazione attuale deriva da responsabilità politiche chiare, ossia dal ventennio di politiche miopi della Lega e delle destre – attacca – Serve nel breve periodo farsi aiutare da altre Regioni e, dove si può, dall’Europa e in prospettiva avviare le condizioni per una gara pubblica europea per trovare partner internazionali privati che portino investimenti sul materiale rotabile”.

“Investire sulla rete”

Servono investimenti e non solo sulle grandi città.

“In Lombardia la domanda di trasporto ferroviario è in forte crescita, non solo nelle grandi città ma anche nei centri minori – spiega Astuti –  Questo perché la regione, trainata soprattutto da Milano ma non solo, sta diventando sempre più attrattiva e di conseguenza la domanda di mobilità sarà sempre più alta. La domanda di trasporto ferroviario e di mobilità pubblica è in forte e continua crescita, dunque limitare il trasporto ferroviario solo ad alcune aree non è una buona soluzione. Per questo, oltre che indire una gara europea, è necessario che la Regione investa sulla rete, come non ha fatto negli ultimi anni, e non solo sulla mobilità su gomma che ha un impatto ambientale molto più alto. Questo per arrivare ad avere un servizio ferroviario efficiente e sicuro”.

Un invito che fa seguito alla campagna “Adotta una stazione” che avrà inizio dall’11 febbraio, quando cittadini e utenti saranno chiamati a inviate segnalazioni o foto di stazioni bisognose di interventi di riqualificazione.

Il convegno sull’emergenza treni

Doppia tavola rotonda quella di sabato al Belvedere Jannacci al Pirellone: una con i pendolari e l’altra con le aziende. Entrambe con un argomento protagonista: l’emergenza treni e come risolverla.

LEGGI ANCHE: Guasto sulla Milano-Mortara: treni fermi e passeggeri a piedi sui binari

 

Mancati investimenti e progetti

“Da troppi anni, ad esclusione dell’alta velocità, si è smesso di fare progetti a lunga scadenza sui pendolari. Serve un progetto da qui a 20/30 anni”, ha esordito il presidente del gruppo Pd in Regione Fabio Pizzul che ha aperto il convegno.

Come lui anche il segretario dem regionale Vinicio Peluffo, che ha puntato il dito contro la regione e la gestione del centrodestra: “Ha responsabilità precise sui mancati investimenti. Con Expo abbiamo avuto un aumento importante dell’utilizzo dei treni, ma non si è capito che ci fossero limiti infrastrutturali e alla flotta. Ragioniamo sul futuro”.

“Ci sono state responsabilità politiche – gli ha fatto eco Pietro Bussolati, capogruppo Pd in Commissione Trasporti – un ritardo immane negli investimenti del materiale rotabile e una governance che non ci convince. La situazione attuale deriva da responsabilità politiche chiare, ossia dal ventennio di politiche miopi della Lega e delle destre”.

La posizione dei pendolari

Molto meno indulgenti con Trenord invece coloro che, ogni giorno, ne subiscono disservizi e scelte, i pendolari.

“Trenord sta distruggendo il lavoro di 20 anni – ha lamentato uno dei loro rappresentanti Matteo Mambretti – Questa cosa, se fosse una persona, sarebbe un cancro. Non è un acciacco né un malanno di stagione. Chiedo alle istituzioni di darci una mano a rimuoverlo, altrimenti la locomotiva non riparte. Con Regione vogliamo e abbiamo voluto costruire una vera e propria rivoluzione del sistema. Non è una accozzaglia di treni, ma una maglia vera e propria. E’ stata costruita mettendo ordine, mettendo la gerarchia dei sistemi”.

LEGGI ANCHE: I pendolari ci riprovano e scrivono a Babbo Natale: “Aiutaci tu”

Rfi e Trenord: “Guardiamo alla realtà”

Al secondo tavolo, come detto, le due aziende del servizio ferroviario regionale, Rfi e Trenord. Per la prima, presente il direttore commerciale Rosa Frignola e il Direttore di Produzione Luca Cavacchioli.

“Abbiamo in progettazione evoluzioni sul nodo di Milano per facilitare il traffico. Upgrade tecnologici che andranno a gestire le nostre stazioni. Non abbiamo alcun rallentamento legato alla mancanza di soldi”, ha spiegato Cavacchioli.

“Trenord non è un orco”

Per Trenord invece presente l’Amministratore Delgato Marco Piuri, che ha replicato al pendolare Mambretti:

“Ha raccontato la favola di un sistema perfetto poi è arrivato l’orco e l’ha rovinato, ma io non sono l’orco. Non si possono liquidare i problemi del 2018 parlando di sistema perfetto rovinato da qualcuno. Quando parliamo di criticità dobbiamo guardare alla realtà: se a Bovisa passa un treno ogni 70 secondi, capite bene che siamo in presenza di un sistema al limite delle sue capacità. Siamo arrivati nel 2018 ad avere 800mila passeggeri al giorno. Abbiamo quindi una domanda enorme da e per Milano. E chi fa pianificazione lo deve sapere”. Un accenno anche all’orario invernale, soluzione tampone per tutto l’anno appena iniziato: “L’orario invernale è la risposta di emergenza allo stato di emergenza, non di prospettiva. Sono passate alcune settimane ma i primi segnali sembrano più che positivi: da 120 treni degli ultimi tempi ora ne sopprimiamo meno di 40 al giorno”.

LEGGI ANCHE: 

Studente pendolare filma, con ironia, un anno di disservizi sulla Cremona-Mantova VIDEO

Sbarre ko, ancora ritardi sulla Cremona-Milano

Continua la lettura di Emergenza treni, pendolari al convegno Pd: “Trenord come un cancro” su Giornale di Lodi.

]]>
Rifiuti, un nucleo regionale contro l’illegalità https://giornaledilodi.it/politica/rifiuti-un-nucleo-regionale-contro-lillegalita/ Tue, 15 Jan 2019 16:32:26 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12929 Il Consiglio Regionale lombardo ha approvato oggi, martedì 15 gennaio 2019, all’unanimità la risoluzione relativa ad interventi per la prevenzione e il contrasto di illeciti nelle attività di stoccaggio, recupero e smaltimento rifiuti. Rifiuti, un nucleo contro l’illegalità “Il provvedimento – spiega Roberto Mura, relatore della risoluzione – nasce dalle forti preoccupazioni, sia sanitarie che di […]

Continua la lettura di Rifiuti, un nucleo regionale contro l’illegalità su Giornale di Lodi.

]]>
Il Consiglio Regionale lombardo ha approvato oggi, martedì 15 gennaio 2019, all’unanimità la risoluzione relativa ad interventi per la prevenzione e il contrasto di illeciti nelle attività di stoccaggio, recupero e smaltimento rifiuti.

Rifiuti, un nucleo contro l’illegalità

“Il provvedimento – spiega Roberto Mura, relatore della risoluzione – nasce dalle forti preoccupazioni, sia sanitarie che di tutela ambientale, sollevate dai numerosi incendi che si sono verificati in Lombardia presso siti di stoccaggio e smaltimento rifiuti, in particolare, in provincia di Pavia. Purtroppo, l’introduzione dell’art. 35 del cosiddetto Decreto Sblocca Italia, ha consentito di fatto la libera circolazione dei rifiuti nel nostro paese. Inoltre, la chiusura delle importazioni da parte della Cina di una serie di materiali tra cui la plastica non industriale e la carta da macero hanno generato vari problemi, tra cui l’aumento di stoccaggi abusivi di rifiuti e la loro successiva eliminazione attraverso la combustione dolosa. Al testo finale, condiviso da tutte le parti politiche, si è giunti anche attraverso l’istituzione un gruppo di lavoro da me coordinato, basato su una serie di audizioni relative alle problematiche ambientali della Lomellina.”

Il presidente della Commissione

“Nello specifico – aggiunge Riccardo Pase, presidente della commissione regionale Ambiente e Protezione Civile – la risoluzione impegna la Giunta regionale ad esportare in tutto il territorio lombardo l’attività svolta con successo dal Nucleo Ambiente attuato dal Prefetto di Pavia sul territorio provinciale. Un modello, che grazie ad un sistema altamente coordinato e accurato di controlli speditivi nelle aree a rischio, che si affianca ai controlli di competenza di ARPA e Provincia, ha consentito di censire tutti quei siti che, potenzialmente, possono trasformarsi in luoghi di stoccaggio illegale di rifiuti e di accertare eventuali violazioni relative ai quantitativi dei rifiuti stoccati e all’adeguatezza del sistema antincendio. Inoltre, la risoluzione chiede che la Giunta Fontana si impegni a prevedere bandi regionali in favore dei comuni per finanziare sistemi di videosorveglianza in grado di sanare le carenze dei siti già autorizzati, a valutare nell’ambito della quantificazione del danno ambientale, anche lo stato di inquinamento del suolo e a promuovere un’opportuna formazione degli operatori coordinati dai Nuclei Ambiente. Infine, a considerare gli esiti del monitoraggio dei controlli speditivi per la fase di aggiornamento del Piano regionale dei rifiuti e a valutare l’implemento del modello di economia circolare a scala regionale”

“Capitalizzare l’ottimo lavoro svolto dal Prefetto di Pavia Attilio Viscontiproiettandolo ad una scala di carattere regionale – concludono gli esponenti leghisti – è senza dubbio un passo concreto e importante verso la prevenzione e il contrasto di illeciti nella gestione rifiuti, a tutela della salute e sicurezza dei cittadini lombardi”.

LEGGI ANCHE: Stroncato da infarto direttore Inail di Cremona, Crema e Mantova

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Continua la lettura di Rifiuti, un nucleo regionale contro l’illegalità su Giornale di Lodi.

]]>
Roberto Baggio avvistato nel Bresciano… al bar https://giornaledilodi.it/attualita/roberto-baggio-avvistato-nel-bresciano-al-bar/ Tue, 15 Jan 2019 15:58:36 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12925 Avvistato Roberto Baggio al bar di Cologne. Era in piazza Garibaldi qualche ora fa, prima di pranzo. Avvistato Roberto Baggio al bar di Cologne L’ex calciatore Roberto Baggio è passato dal bar Acli della piazza del paese. Ma cosa ci faceva proprio a Cologne? E’ passato in piazza e si è messo in posa per farsi fotografare […]

Continua la lettura di Roberto Baggio avvistato nel Bresciano… al bar su Giornale di Lodi.

]]>
Avvistato Roberto Baggio al bar di Cologne. Era in piazza Garibaldi qualche ora fa, prima di pranzo.

Roberto Baggio avvistato nel Bresciano... al bar

Avvistato Roberto Baggio al bar di Cologne

L’ex calciatore Roberto Baggio è passato dal bar Acli della piazza del paese. Ma cosa ci faceva proprio a Cologne? E’ passato in piazza e si è messo in posa per farsi fotografare con un giovane colognese, Andrea Garosio. La titolare del bar non c’era (“che sfortuna”, ha commentato) e sono stati diversi i colognesi ad averlo avvistato. Ma non è la prima volta che Baggio passa in paese. Che sia per la sua passione per la caccia e abbia fatto un salto all’armeria di Cologne?

ECCO PERCHE’: CONTINUA SU BRESCIASETTEGIORNI.IT

Continua la lettura di Roberto Baggio avvistato nel Bresciano… al bar su Giornale di Lodi.

]]>
Ritrovata la ragazza scomparsa da Gorgonzola https://giornaledilodi.it/cronaca/ritrovata-la-ragazza-scomparsa-da-gorgonzola/ Tue, 15 Jan 2019 15:54:26 +0000 https://giornaledilodi.it/?p=12932 La 14enne è stata ritrovata a Pralboino, in provincia di Brescia. Ritrovata la 14enne scomparsa E affamata e stremata, ma sta bene. E’ stata ritrovata questo pomeriggio, martedì, la 14enne scomparsa sabato da Gorgonzola. A seguito di un diverbio familiare, la ragazza ha finto di andare a prendere un libro in cantina ed è scappata […]

Continua la lettura di Ritrovata la ragazza scomparsa da Gorgonzola su Giornale di Lodi.

]]>
La 14enne è stata ritrovata a Pralboino, in provincia di Brescia.

Ritrovata la 14enne scomparsa

E affamata e stremata, ma sta bene. E’ stata ritrovata questo pomeriggio, martedì, la 14enne scomparsa sabato da Gorgonzola. A seguito di un diverbio familiare, la ragazza ha finto di andare a prendere un libro in cantina ed è scappata di casa. Era senza documenti e cellulare, con sé aveva solo la tessera della metropolitana, utilizzata alle 21 di sabato a Cascina Gobba.

Ha vagato nel Cremonese

La 14enne ha preso un treno e ha vagato tra Cremona e Brescia, arrangiandosi come meglio poteva. Oggi, martedì, ha fermato un passante e gli ha chiesto di poter usare il suo cellulare, dal quale ha mandato attraverso Instagram un messaggio a un amico: “Dì a mamma che sto bene e che voglio tornare a casa”. Le segnalazioni di chi diceva di averla vista a Gorgonzola si sono rivelate infondate.

Aiutata dall’autista di un bus

E’ salita su un pullman e l’autista l’ha riconosciuta e portata alla stazione dei carabinieri di Pralboino, in provincia di Brescia, dove la mamma sta andando a riprenderla.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Continua la lettura di Ritrovata la ragazza scomparsa da Gorgonzola su Giornale di Lodi.

]]>