Addio all’ex presidente della Provincia di Milano Filippo Penati. Alcune settimane fa aveva annunciato di essere malato di tumore.

Addio a Filippo Penati

Politico di lungo corso, ex sindaco di Sesto San Giovanni dal 1994 al 2001 e presidente della Provincia di Milano dal 2004 al 2009. Poi la candidatura a presidente di Regione Lombardia per il Centrosinistra e (infine) l’inchiesta giudiziaria sul “Sistema Sesto”. Penati è morto questa mattina, mercoledì. Aveva 66 anni. Era ricoverato alla Multimedica di Sesto, la stessa clinica con la quale il Geas Basket (di cui Penati era presidente) aveva siglato un importante accordo di sponsorizzazione che aveva permesso alla società di proseguire l’attività. “Eccoci. Le ragazze di coach Zanotti sono pronte ad affrontare al meglio il prossimo cambionato. Avanti così!”. Il messaggio era stato postato su Facebook lo scorso 16 settembre. Nelle ultime settimane, per il peggiorare delle sue condizioni, doveva muoversi con l’aiuto di una carrozzina.

I primi messaggi di cordoglio

Tra i primi a ricordare Penati è stato il sindaco di Milano Beppe Sala. “Non è il momento di giudizi politici e non voglio ricordare il suo profilo istituzionale – ha twittato il primo cittadino meneghino – Per me è stato solo un amico a cui ho voluto bene e che ho accompagnato nell’ultima, dolorosa, fase della sua non banale vita”.

Toccante anche le parole usate da Roberto Rampi, senatore Pd ed ex vicesindaco di Vimercate. “Era la mattina presto del primo congresso della mia vita quando venivi eletto segretario. Mi hai dato un passaggio fino alla mia Panda rossa lasciata a Sesto. Da via Volturno. E con quell’occhiata che chi ti ha conosciuto ha ben presente mi hai proposto di fermarci al forno di via Brianza che fa le brioche calde tutta la notte … Intelligenza, visione, coraggio e tanta energia, gioia di vivere, capacità di assaporare, e di innovare. Il santino no, non lo avresti voluto. La tua attenzione e la tua curiosità. A me risuona quella risata particolare e una biografia di emancipazione e mobilità sociale. Abbiamo condiviso tanta strada: in Provincia, in Regione, nella nostra Brianza, a Vimercate, nella tua Sesto. Ci sei sempre stato e c’è sempre stata una strana, bellissima, intesa. E un momento particolare che resta solo tra noi. Soprattutto ho imparato molto. Grazie Filippo Penati”.

Leggi anche:  Patrizia Baffi lascia il Pd e aderisce a Italia Viva "per coerenza e lealtà"

L’annuncio della malattia: “Colpa della mia vicenda giudiziaria”

A fine luglio aveva annunciato di essere malato da alcuni mesi. Un annuncio dato all’indomani della sentenza di secondo grado della Corte dei Conti, che lo aveva condannato al pagamento di quasi 20 milioni di euro per danno erariale nell’ambito della vicenda dell’acquisto nel 2005 delle azioni di Milano Serravalle, società proprietaria delle tangenziali milanesi. In primo grado, i giudizi della Ragioneria avevano assolto sia Penati (in qualità di ex presidente della Provincia) che gli assessori della sua allora Giunta. “I miei avvocati faranno ricorso e tutto questo si scioglierà come neve al sole – aveva dichiarato Penati ai giornali – Un anno fa mi è stato riscontrato un cancro e i medici concordano che è anche conseguenza della mia vicenda giudiziaria. Da un anno sto combattendo. Questa è la sfida più importante della mia vita”.