“In occasione del tavolo di confronto sul lavoro per lo sviluppo del territorio lodigiano, istituito dal Prefetto di Lodi, su proposta dell’Onorevole Guidesi, ho avuto modo di riproporre alcune riflessioni che in varie sedi avevo gia’ manifestato.”

Esordisce così Patrizia Baffi Consigliere Regionale della Lombardia, Vice Capogruppo del Pd.

Pianificazione territoriale

“Credo che un primo indispensabile atto di protagonismo del Lodigiano per orientare il futuro del nostro territorio, a partire dalle prospettive di sviluppo economico,  sia la ripresa della pianificazione territoriale, per definire gli obiettivi, promuovere progetti strategici e porre un freno alla frammentazione delle politiche urbanistiche, il cui respiro non va oltre quello dei singoli comuni. Nel rispetto dell’ambiente e del nostro territorio e con una programmazione di medio lungo periodo dobbiamo porre le condizioni per favorire gli investimenti, stabilendo la vocazione delle diverse aree territoriali, scrivendo le regole attraverso le quali i Comuni stanno nel progetto.”

“Serve una linea precisa”

E’ giunto il momento, anche in virtu’ della recente revisione del PTR di Regione Lombardia, che prevede a cascata la revisione di tutti i PTCP provinciali, di andare a riscrivere il piano di sviluppo territoriale lodigiano definendo in modo chiaro chi siamo e in quale direzione vogliamo andare.  Abbiamo bisogno di una linea precisa che dia obbiettivi e certezze a chi vuole investire nel nostro territorio, evitando cosi che i conflitti tra geometrie politiche rubino tempo e diventino freno e deterrente per chi da noi vuole investire, potendo contare su un tessuto economico versatile, multisettoriale e dinamico. Abbiamo bisogno di rafforzarci costruendo un progetto territoriale di ampio respiro che indichi  indirizzi e obbiettivi, consentendoci anche il ruolo di importante serbatoio di servizi per il bacino milanese, perche’ se e’ fisiologico e imprescindibile che Milano e la realta’ Metropolitana siano per noi un volano economico importantissimo e’ altrettanto indispensabile avere un disegno che rafforzi la nostra autonomia e rappresentatività.

La Provincia avra’ nei prossimi mesi un compito importantissimo e  fondamentale per il nostro territorio, quello di scrivere il nostro futuro territoriale ed economico in un progetto a medio e lungo termine, attraverso un piano lungimirante che indichi linee e obbiettivi. Il cardine da cui partire, credo sia rappresentato dall’unità, per favorire misure e strumenti che abbiano un respiro davvero territoriale e a questo proposito invito  il Presidente della Provincia Passerini a farsi carico di questo pesante impegno, vale a dire la ricerca di un’ampia condivisione, perché le sue proposte saranno tanto piu’ forti quanto piu’ saranno condivise e il nostro territorio ne beneficerà.

“Assenza del centro sinistra”

Purtroppo, in questo momento particolarmente importante per il nostro futuro territoriale, il centro sinistra paga l’assenza dei propri rappresentanti all’interno del Consiglio Provinciale e questo e’ ovviamente  motivo di enorme dispiacere per noi, che non ci solleva pero’ dall’impegno e dalla volonta’ di voler portare un contributo significativo e costruttivo al futuro del lodigiano.

Conclude Patrizia Baffi.

Leggi anche:  Europarlamentare Ciocca a Lodi: "La scarpa con Moscovici? Nessuna pagliacciata"

LEGGI ANCHE: Incidente tra Cremasco e Lodigiano