L’allarme: la spesa per le assunzioni sbloccata nel 2020

A seguito del grido d’allarme  lanciato dall’assessore alla Sanità Giulio Gallera nei giorni scorsi,  che aveva paventato l’ipotesi che  l’aumento del tetto di spesa per le assunzioni di personale nella sanità sarebbe scattato solo nel 2020, portando al collasso l’intero sistema già in stato di emergenza, il gruppo regionale del Pd ha chiesto un’audizione dell’assessore stesso che si è tenuta oggi in Commissione sanità.

Spiega Baffi che l’incremento scatterà nel 2019

Spiega la consigliera regionale Patrizia Baffi (Pd):

 “L’assessore ha smentito i timori  e assicurato che l’incremento  scatterà già nel 2019.  La Lombardia  potrà contare  su un aumento di 15 milioni  di euro  nel 2019 e di 24 milioni nel 2020. L’assessore ha  sottolineato che le risorse non saranno distribuite in maniera omogenea sulla regione  ma  sulle richieste dei territorio.  Spero fortemente che   le  risorse  siano destinate  anche al lodigiano che ha  da tempo una gravissima carenza di medici di cui fanno le spese  i cittadini“.

Positivo anche l’aumento di borse di studio per specializzandi

“Un segnale positivo- conclude Baffi-  è anche  l’aumento delle borse di studio per specializzandi. A livello nazionale sono passate da 6400 a 8000, mentre grazie a uno stanziamento della Regione di 10 milioni  di euro, in Lombardia ne saranno finanziate 85, 30 in più rispetto all’anno scorso. Un provvedimento che era stato chiesto dal Pd con un ordine del giorno al bilancio approvato in consiglio lo scorso dicembre “.

LEGGI ANCHE: In arrivo quasi 120 milioni di euro nel settore socio sanitario | Il governatore risponde

Leggi anche:  Rifiuti illeciti, De Corato: "Istituire nuclei di Polizia ambientale"

TORNA ALLA HOME