Cattedrale Vegetale: diffusa una nota stampa del consigliere comunale Massimo Casiraghi.

LEGGI ANCHE: Cattedrale Vegetale, la Casanova ricorre a un legale e conferma l’abbattimento definitivo

Cattedrale Vegetale, l’ira del M5S

“Ci eravamo sbagliati! Avevamo detto 40 anni e invece la Cattedrale Vegetale è già defunta. E’ quasi completamente crollata e con l’ultimo vento, sono volati via i circa 300 mila Euro di soldi pubblici investiti! Non siamo mai entrati nel merito della valenza artistica dell’opera, che riconosciamo, ma abbiamo sempre sostenuto che, dovendo impegnare ingenti somme di denaro pubblico, non fosse la priorità della città, ma solo di chi l’ha politicamente fortemente voluta. Siamo sempre più convinti di ciò, dal momento in cui vediamo strutture scolastiche che necessitano di urgenti manutenzioni e investimenti, o strade che reclamano interventi per essere sicure. Sono queste le richieste che sempre più i cittadini portano alla nostra attenzione e che riscontriamo coi nostri occhi (anche alla luce dei recenti sopralluoghi che abbiamo eseguito in alcuni edifici scolastici).”

LEGGI ANCHE: Cattedrale Vegetale, la nipote di Mauri disconosce l’opera

I responsabili paghino

“Responsabile al pari di chi l’ha ciecamente voluta, è anche chi non l’ha mai manutenuta adeguatamente, ovvero l’attuale giunta Casanova-Maggi, che ha atteso inerme il crollo delle colonne e che ora si appresta ad abbattere quelle rimaste. Gradiremmo, e siamo certi che lo vorrebbe anche tutta la cittadinanza, avere la certezza che chi ha sbagliato pagherà: pur comprendendo che l’ufficio tecnico di Lodi stia al legname come il cavolo a merenda, riteniamo inaccettabile che le ultime due opere pubbliche di una certa rilevanza, ovvero il Bar Paesaggio e la Cattedrale Vegetale, siano finite con ingentissime perdite economiche.”

LEGGI ANCHE: Cattedrale Vegetale chiusa e con lei la ciclabile

Leggi anche:  Pfas, inquinamento del Po, M5S “Limitare le contaminazioni”

Sete di verità

“Abbiamo insomma sete di verità! Infatti, dalla perizia tecnica inerente lo stato di conservazione delle strutture della Cattedrale Vegetale emergono molte difformità tra quanto realizzato ed i documenti progettuali: ci riferiamo per esempio all’essenza del legname utilizzato per le colonne, prevista dal computo metrico in castagno e variata in corso d’opera in abete di Douglas, alle dimensioni degli elementi che sono stati posati, alle ipotesi strutturali sulla vita nominale della struttura che, nei fatti, è durata solo due anni.Verità e che chi ha sbagliato, paghi.”

Conclude il consigliere comunale M5S.

LEGGI ANCHE: Fuori strada un pulmino con 10 bambini nel Lodigiano