Recentemente il sindaco Casanova aveva chiesto delucidazioni in merito ai fondi raccolti dal Coordinamento Uguali Doveri, suggerendo inoltre un possibile impiego, e rispondendo alle accuse di non aver comunicato la sospesione del regolamento condannato da Tribunale. 

Segreteria del Pd di Lodi risponde

Dopo la risposta del Coordinamento, arriva anche quella di Valentina Tronconi e Simonetta Pozzoli, dalla segreteria del Pd di Lodi.

“Al sindaco di Lodi non è bastata una sentenza per discriminazione da parte del Tribunale di Milano sul caso mense per come è stata gestita tutta la vicenda, ora vorrebbe anche suggerire come dovrebbero essere destinati i fondi che i cittadini italiani e stranieri, uniti dalla solidarietà, hanno donato proprio contro il regolamento applicato da lei e dalla sua giunta.Oltre il danno la beffa, per quale ragione dovrebbe essere proprio il sindaco a suggerire la linea sui fondi?”

“Rispetto della volontà dei donatori”

“Invito a prendere in considerazione la possibilità di utilizzare tali risorse per compensare le morosità pregresse di tutte le famiglie in difficoltà economica che usufruiscono dei servizi scolastici”.
Ricordiamo al Sindaco che le regole del fundraising prevedono di destinare i fondi sulla base delle ragioni per cui sono stati raccolti, quindi rispettando la volontà dei donatori. Non ci risulta che il sindaco abbia fatto alcuna donazione per questa causa quindi perché proprio lei dovrebbe chiedere un chiarimento pubblico, al massimo lo faranno i donatori.

Il suo invito a sanare le morosità pregresse, inoltre, è il segno di una persistente non comprensione di quella raccolta fondi. Le famiglie discriminate sono state sostenute perché non erano in grado e non era giusto che pagassero la quota intera come chiarito dalla sentenza stessa. I fondi sono serviti per colmare la differenza tra la quota intera e la tariffa agevolata. Ci sono senz’altro famiglie che si trovano in difficoltà anche a pagare la quota agevolata ma sarà il nuovo assessore ai servizi sociali e l’assessore all’istruzione che non ha accennato ad alcun ribasso delle tariffe ad occuparsi di questi casi per verificare dove è necessario intervenire oppure dove è necessario soltanto richiamare e sollecitare al pagamento.

Il Coordinamento Uguali Doveri, dal canto suo, darà in tempi brevissimi tutte le spiegazioni utili in merito alla destinazione dei fondi.”

Puntualizzano.

Leggi anche:  Rotonda della Faustina: tavolo tecnico, le dichiarazioni della Casanova

Ritirare il ricorso

“Invitiamo il sindaco e la giunta a prendersi le proprie responsabilità e a ritirare il ricorso in appello oltre a ricostruire un dialogo di pace e serenità in città. Lodi è sempre stata una città solidale e la solidarietà deve essere alla base del nostro vivere comune e della nostra sicurezza.”

LEGGI ANCHE: Cadavere scoperto nell’ex discoteca del Lodigiano