In merito a quanto accaduto in aula lo scorso giovedì 3 Ottobre, dove due consiglieri di minoranza sono stati invitati dalla Polizia a uscire dall’aula in seguito a comportamenti ritenuti inappropriati e poi riammessi poco dopo dal Presidente del consiglio comunale, anche la consigliera della Lega Eleonora Ferri ha espresso senza peli sulla lingua la propria opinione, in totale contrasto con quella della minoranza.

Le dichiarazioni di Eleonora Ferri

Sul profilo Facebook della consigliera si legge:

“Quanto accaduto in aula consiliare giovedì scorso è stato davvero un brutto esempio per tutta la nostra comunità. Due consiglieri comunali uno del PD e l’altro di una lista civica di sinistra, nonostante fossero richiamati dal Presidente del Consiglio a mantenere la calma, hanno davvero dato il peggio di sè.Urla fuori microfono da far spavento, incuranti di tutti i colleghi, i consiglieri loro compagni di opposizione impietriti proprio come noi di maggioranza, due persone senza alcun rispetto per nessuno dei presenti oltre che per luogo in cui ci si trovava. Sono stati invitati a calmarsi diverse volte dal Presidente Cerri, cambiando i toni e l’atteggiamento ma imperterriti andavano avanti.
Una di questi Laura Tagliaferri del PD è una professoressa delle scuole medie, l’altro Francesco Milanesi ha una scuola per ragazzini, cui insegna loro a diventare portieri di calcio. Mi domando come possano educare i giovanissimi con cui hanno a che fare e mi domando come possano essere credibili ai loro occhi.”

L’attacco ai due consiglieri

“Mi domando anche con che coraggio la Tagliaferri dopo quanto ha fatto, si presenti davanti ai suoi alunni oggi, visto che addirittura è arrivata a ritrattare le scuse fatte in aula per il comportamento tenuto “e scusarmi è stata una stupidata diciamolo pure” come si legge su Facebook.
Mi domando anche come il consigliere della civica di sinistra Milanesi non si vergogni a scrivere commenti su Facebook tipo “ noi vogliamo sapere a costo di dare in escandescenza” . Dovrebbe sotterrarsi dalla vergogna la prima e dovrebbe sotterrarsi dalla vergogna il secondo. Una insegna a giustificare i comportamenti incivili se tenuti per giusta causa, l’altro insegna che è corretto utilizzare qualsiasi modo pur di ottenere quello che si vuole.

“La sinistra ha manie di onnipotenza da brividi”

La sinistra ha manie di onnipotenza da far rabbrividire, ammettendo anche che al Presidente del Consiglio sia sfuggita di mano la situazione e ammettendo anche che abbia sbagliato a chiedere l’intervento dei vigili per far accomodare fuori i consiglieri, ammettendo anche che i consiglieri potessero avere ragione nel merito della questione, seppur non era il momento corretto per domandare e pretendere una risposta immediata, come è possibile che gente che è li seduta a rappresentare una parte di cittadini si permetta di tenere un comportamento tale, a maggior ragione se questi di mestiere fanno gli educatori? La politica talvolta da alla testa, qui non si tratta di una semplice sfuriata dettata dal credo dei propri ideali qui si tratta di un moneto d’ira, arroganza, maleducazione e perdita totale della lucidità.

PER LEGGERE TUTTA LA STORIA CLICCA QUI

Leggi anche:  5 milioni per eliminare l’amianto all’interno degli edifici scolastici | Il governatore risponde

TORNA ALLA HOME