Sindaco Casanova risponde ad Andrea Ferrari del Pd in merito alle accuse relative alle condizioni di noncuranza di via Borgo Adda.

Sindaco Casanova su Via Borgo Adda

“Leggendo le dichiarazioni di Andrea Ferrari, segretario cittadino del Pd, sulle condizioni di “noncuranza” di via Borgo Adda, sono rimasta molto sorpresa dal suo invito a prendere coscienza della situazione. Voglio rassicurare il segretario: abito in questa via, quindi conosco perfettamente i problemi che da anni affliggono la zona e ho ben presente anche lo stato di degrado lasciato in eredità da anni di amministrazione a guida centrosinistra.” Esordisce così il sindaco Casanova che aggiunge: “Da quando la nuova giunta si è insediata diversi interventi sono già stati messi in atto per tornare a quella condizione di “normalità” che avevamo promesso in campagna elettorale, non come semplice slogan politico, ma come impegno concreto.”

Servizio di igiene urbana

“In via Borgo Adda il servizio di igiene urbana è regolarmente garantito, grazie alla pulizia stradale e dei marciapiedi che si ripete due volte alla settimana e allo svuotamento dei cestini effettuato dalle tre alle quattro volte a settimana. In più, a differenza del passato, i cittadini possono controllare di persona il servizio erogato, grazie alla calendarizzazione delle prestazioni” garantisce il Sindaco in questo comunicato stampa ufficiale e aggiunge: “Anche i controlli stradali sono costanti e hanno portato a 50 contravvenzioni dall’inizio del 2018 (nel 2017 sono state in tutto 290).”

Rimedi per contrastare il degrado

“Contrastare l’abbandono di rifiuti e altri episodi contrari all’ordine e al decoro pubblico è il preciso obbiettivo della squadra anti-degrado, ma voglio ricordare a Ferrari che gli interventi degli agenti di Polizia locale sono possibili solo con accertamento diretto (cioè, se i responsabili sono colti in flagrante), il che non è semplice, considerando che la squadra dispone di nove uomini in servizio per tutte le zone della città, in una fascia oraria limitata. Per rendere ancora più efficace la lotta all’abbandono dei rifiuti stiamo predisponendo servizi ad hoc, con l’affiancamento ai tutor ambientali di Linea Gestioni (già oggi in servizio) degli agenti della Polizia locale che svolgeranno un’attività puntuale di prevenzione e di accertamento.” Chiosa il primo cittadino.

Illustri le sue proposte

“Aggiungo che da parte dell’amministrazione non c’è alcuna intenzione, come lascia intendere Ferrari, di privilegiare il controllo e la prevenzione di alcuni illeciti, come il commercio ambulante abusivo, rispetto ad altri: abusivismo e sporcizia sono problemi diversi che richiedono quindi tipologie di intervento diverse. Sottolineo infine che, in aggiunta al tour nei quartieri che effettuerò di persona per ascoltare le esigenze dei cittadini, la nuova iniziativa di sicurezza urbana organizzata dal Comando di Polizia locale nei quartieri di Lodi permetterà a chi lo desidera di incontrare i nostri agenti nei gazebo di quartiere: in seguito alle segnalazioni raccolte, verranno predisposte le opportune verifiche con pattugliamenti dedicati. Pur avendo a disposizione risorse ridotte, credo quindi fermamente che sia stia facendo tutto il possibile per riportare alla “normalità” via Borgo Adda, così come altri luoghi della città che soffrono a causa di disagi simili.  Per uscire dalla logica di “marketing politico”, di cui mi sembra che in questo momento sia lo stesso segretario del Pd a dare lezione, lo inviterei ad illustrare le sue proposte per il migliorare la pulizia e il decoro urbano. Se saprà fornircene, saremo ben lieti di accoglierle.”