Alimenti non cariogeni per pranzo? Certo che sì. La carie, una patologia della bocca subdola e pericolosa. Come fare per prevenirla? In primo luogo mai dimenticare l’importanza della visita di controllo periodica dal dentista, che è in grado di intercettare la carie fin dagli esordi e di curarla nel modo più opportuno, senza aspettare che si espanda fino a danneggiare i denti in modo irreparabile. In secondo luogo tenere sempre presente l’utilità dell’igiene orale quotidiana fatta a casa, con dentifricio, spazzolino, scovolini e filo interdentale. Se si è fuori di casa e non si ha l’opportunità di provvedere come si dovrebbe all’igiene orale dopo pranzo, Come agire? Gli esperti consigliano di fare attenzione a ciò che si mangia. In particolare è utile scegliere le portate giuste. E, qualora ci fosse qualche alimento cariogeno tra quelli prescelti, mangiarlo in abbinamento con altri, anticariogeni o cariostatici.

Alimenti non cariogeni per pranzo

Per esempio, un gustoso menù anticariogeno potrebbe essere rappresentato da una bistecca alla griglia, mix di verdure, un po’ di formaggio stagionato e frutta secca. Le portate che abbiamo citato sono in larga parte cariostatiche (composte da alimenti come carne e verdure che non favoriscono l’insorgenza della carie) o addirittura anticariogene: formaggio stagionato e frutta secca, infatti, per via dei principi attivi che contengono, prevengono la formazione della carie. Tutto questo, però, non significa che, se non possiamo lavare i denti subito dopo, è assolutamente vietato consumare spremute d’agrumi, bibite zuccherate, dolci o cereali. E’ però importante studiare bene gli abbinamenti tra cibi. Gli alimenti cariogeni infatti, non dovrebbero mai essere consumati da soli come capita quando si fa una pausa o uno spuntino con una merendina, ma dovrebbero essere sempre abbinati ad altri alimenti anticariogeni.

Leggi anche:  Pilates, per mantenere in forma l’apparato muscolare

La piramide orto alimentare

La piramide orto alimentare elaborata dalla Società Italiana di Ortodonzia (SIDO) spiega che tra gli alimenti anticariogeni c’è anche la frutta secca. Per questo, se si desidera godersi una spremuta d’arancia (altamente cariogena) correndo meno il rischio di incappare in una sgradita carie meglio evitare di abbinarle una tortina con la marmellata. Piuttosto è preferibile l’abbinamento con saporiti gherigli di noce.