Fanfulla sconfitto nello scontro al vertice del girone D contro il Modena. Ma fa comunque vedere grandi cose.

Fanfulla sconfitto, ma che bel Guerriero!

Esce sconfitto ma a testa altissima il Fanfulla nello scontro al vertice del girone D. Il Modena vince sì 2-1, ma il Guerriero ha fatto vedere grandi cose e, un pareggio, non sarebbe stato ingiusto. Anzi, tutt’altro. Perché i ragazzi di mister Ciceri hanno avuto le occasioni più pericolose, hanno tenuto in mano il pallino del gioco per diversi tratti del match e sono usciti tra gli scroscianti applausi dei tifosi accorsi alla Dossenina in massa ieri, domenica 4 novembre, per tifare i colori bianconeri.

Le formazioni

Undici iniziale che non cambia rispetto a sette giorni fa ad Adro, con Colnaghi in porta, pacchetto arretrato con Premoli a destra, Diana a sinistra e PatriniLuoni centrali. In mezzo al campo Rossi come play con Laribi e Brognoli pronti a rompere il gioco emiliano e a gettarsi nello spazio, mentre in attacco ai lati di Barzotti, Fall e Radaelli. Il Modena di Apolloni risponde con un 4-2-3-1 con Lauria unica punta.

Primo tempo

E proprio il numero 10 emiliano porta avanti gli ospiti all’8’ con un tiro dal limite che si spegne lento alla sinistra di Colnaghi che si allunga ma non riesce ad intercettare la sfera. La reazione del Guerriero è rabbiosa e al 17’ Rossi chiama al gran intervento Dieye che, su calcio di punizione dal limite, respinge la sfera sul suo palo. Lo scambio tra Fall e Radaelli aumenta la pericolosità del Fanfulla sugli esterni e al 31’ arriva il gol del pari con Barzotti che sugli sviluppi di una punizione dalla destra stacca più in alto di tutti e insacca alle spalle Dieye. Il pareggio non accontenta i bianconeri che al 38’ potrebbero passare anche in vantaggio: bel cross dalla sinistra di Diana, la palla arriva tra i piedi di Fall che dagli otto metri calcia a colpo sicuro, ma il numero 1 ospite riesce a bloccare la sfera.

Secondo tempo

La ripresa si apre con ancora Fall al tiro, ma la conclusione dell’esterno offensivo lodigiano termina alta. Fanfulla che riesce a gestire il gioco a differenza di un Modena che sembra soffrire le geometrie e il pressing dei bianconeri che all’8’ e all’11’ cercano il gol del sorpasso con Laribi prima, tiro dal limite su schema da calcio d’angolo, e Brognoli, poi, colpo di testa in area sempre sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, ma l’urlo del gol si strozza in gola ai tifosi del Guerriero. E proprio nel momento migliore del Fanfulla arriva la rete che decide il match con Montella che svetta in area e batte Colnaghi proprio sotto la curva emiliana quando il cronometro segna 13’. Apolloni corre subito ai ripari inserendo Gozzi e trasformando la linea a quattro iniziale in un pacchetto arretrato a cinque in fase difensiva. La pressione del Fanfulla però è forte, il Modena fatica a ripartire e al 19’ il neoentrato Palmieri chiama ancora ad un super intervento Dieye che al 28’ si ripete su Diana lanciato a rete (in mezzo l’intervento di Colnaghi su Montella e il tiro a lato di Barzotti). Negli ultimi 20’ il Guerriero cerca un gol importantissimo, che meriterebbe, ma il Modena si chiude bene negli ultimi 30 metri lasciando il Fanfulla con l’amaro in bocca e senza punti nonostante una prestazione maiuscola che conferma la forza di capitan Patrini e compagni.

Ciceri: “Guerriero che esce a testa alta ma purtroppo con zero punti, complimenti al Modena che ha vinto la partita. Abbiamo giocato alla pari contro una squadra fortissima che, ribadisco, vincerà il campionato a mani basse. Tutto ciò testimonia la validità di quanto fatto fino ad ora dalla nostra squadra”.

Fanfulla-Modena 1-2
Marcatori: 8’ pt Lauria, 31’ Barzotti, 13’ st Montella
Fanfulla (4-3-3): Colnaghi; Premoli, Patrini, Luoni (29’ st Romano), Diana (45’ st Galazzi); Laribi (18’ st Palmieri), Rossi, Brognoli; Fall, Barzotti, Radaelli (22’ st Arodi). A disp. Criscione, Grecchi, Cappato, Reali, Zanoni. All. Ciceri
Modena (4-2-3-1): Dieye; Ndoj, Dierna, Perna, Zanoni; Pettarin (18’ st Loviso), Rabiu; Montella (41’ st Bellini), Boscolo, Baldazzi (31’ st Sansovini); Lauria (15’ st Gozzi). A disp. Piras, Cortinovis, Pettinà, Falanelli, Messori. All. Apolloni
Arbitro: Galipo’ di Firenze
Assistenti: De Cristofaro-Cravotta (Rovereto-Città di Castello)
Note: angoli 6-6; ammoniti Laribi (F), Montella e Dieye (M)

Leggi anche:  Italia volley femminile: oggi la finale, la Lombardia tifa Sylla e Serena

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE